Seguici su Fb - Rss

Medicina

Secondo i dati, in Italia, si registrano circa 2.000 nuovi casi all’anno di tumori orofaringei causati dal virus dell’Hpv legato a comportamenti sessuali inappropriati

I risultati della ricerca, sostenuta da Fondazione Airc, diretta e coordinata da Humanitas, sono stati pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica Cell

A Rozzano, per la prima volta al mondo, una colonscopia con l’aiuto dell’intelligenza artificiale verrà effettuata e trasmessa live agli esperti internazionali presenti al convegno Image

Un gruppo internazionale di scienziati guidati da Davide Melisi, ricercatore di Oncologia medica dell’Università di Verona ha identificato una nuova strategia terapeutica per il trattamento dei pazienti affetti da cancro del pancreas in stadio avanzato. Gli scienziati hanno dimostrato che galunisertib, farmaco prodotto da un’azienda farmaceutica di Indianapolis (Usa) è in grado di inibire l’attività del TGFß, uno dei fattori principali di crescita e diffusione della malattia

Il Centro di Chirurgia Oncologica Ortopedica  (C.O.O.) dell'ospedale Ortopedico Traumatologico vanta un'esperienza di quarant'anni nell'ambito della chirurgia ortopedica in caso di tumore. Oggi vengono eseguiti interventi chirurgici utilizzando tecniche avanzate e tutte le metodiche di ricostruzione degli arti

L’attività sportiva va considerata una valida prevenzione in molte patologie come, ad esempio, quelle cardiovascolari, oppure l’osteoporosi, oltre che fonte di miglioramento del proprio benessere psichico, in un quadro oggi definitivamente affermato di cosiddetto ‘fitness globale’

Gonfiore addominale, stanchezza generalizzata, mal di testa sono solo alcuni dei sintomi comuni a celiachia ed intestino irritabile, ma secondo gli esperti la diagnosi vera per un paziente su cinque, può essere sensibilità al glutine non celiaca. In questo caso la dieta senza glutine è la terapia in grado di risolvere il problema

Verso l’attuazione del Percorso Diagnostico Terapeutico Assistenziale. Occorre concentrare gli sforzi per ridurre il ritardo diagnostico, che in Europa va dai 3 ai 6 mesi, ma in Italia può arrivare ad anni

Un team di ricercatori guidato da Luigi Naldini del TIGET ha messo a punto una terapia in grado di curare l'emofilia B

Potrebbero interessarti