Home News Corsico Grosso giro di droga tra Corsico e Varese, partito il processo a...

Grosso giro di droga tra Corsico e Varese, partito il processo a trafficanti e spacciatori

Ieri, in un’aula del tribunale, il racconto dei viaggi dello stupefacente che dalle sponde del Naviglio raggiungeva il Varesotto. Il filo rosso delle indagini dei carabinieri

0
Il blitz per smantellare l’organizzazione è scattato nel settembre 2017
Il blitz per smantellare l’organizzazione è scattato nel settembre 2017

Sono cominciate nel tribunale di Varese le prime udienze del processo a cinque trafficanti e spacciatori di un grosso giro di droga che da Corsico aveva le sue diramazioni sin nel Varesotto e nelle sue valli. Ieri il racconto dei viaggi degli stupefacenti fatto dai carabinieri che si sono avvalsi delle più moderne tecnologie per stanare i pusher e i loro complici.

“Abbiamo parcheggiato la «balena» e abbiamo visto tutto” è stato l’esordio del responsabile dei militari. La balena è un furgone dotato di strumentazioni elettroniche all’avanguardia utilizzato per tenere sotto controllo i sospettati con intercettazioni audio e video e un traduttore che in tempo reale traduce tutto ciò che i pusher si dicono in arabo. È sembrato il racconto di un film di spionaggio.

La droga aveva il suo centro di smistamento in un appartamento di via Galilei a Corsico. Viaggiava poi a bordo di auto “pulite” e guidate da insospettabili “taxisti” verso la sua destinazione: i boschi della Valcuvia dove frotte di clienti si rifornivano. Si rifornivano sotto gli occhi attenti dei carabinieri.

Il blitz per smantellare l’organizzazione è scattato nel settembre 2017 quando da un carabiniere sotto copertura arriva la soffiata: un grosso carico sta per arrivare a Rancio e appena fuori Varese. Immediatamente viene organizzato un posto di blocco. Due pusher riescono a scappare, lasciando nel bagagliaio dell’auto 7 chili di hascisc.

Il blitz ha naturalmente delle conseguenza: l’informatore dei carabinieri rimane “bruciato”, i telefoni sotto controllo non lanciano più alcun segnale. L’indagine sembra arenata. Solo per poco, perché il gruppo cambia zona di spaccio e riprende la sua attività da pendolare: Corsico Varese , Varese Corsico.

Il nuovo emporio della droga apre nei boschi di Ardena, in una piazzola fornita di panchina. Ed è proprio sulla panchina che i carabinieri puntano una telecamera che registra tutto, ogni transazione ogni vendita. Durante l’udienza è emerso un altro particolare: in cambio della droga molti tossicodipendenti della zona offrivano ospitalità ai pusher. A questi ultimi è stato contestato anche l’utilizzo come deposito della droga e luoghi di spaccio delle abitazioni.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

 

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version