Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 20 Febbraio 2017 09:17
Operazione antidroga

Smantellato il “drive-in” dello spaccio, 18 pusher in manette In evidenza

Blitz dei carabinieri per smantellare un’organizzazione criminale di trafficanti di droga che operava nelle campagne di Cusago

Dieci marocchini e otto italiani sono finiti in manette Dieci marocchini e otto italiani sono finiti in manette

Dalle prime luci dell’alba, nelle province di Milano, Alessandria, Biella, Pavia, Vercelli, è in corso una vasta operazione condotta dai Carabinieri del Comando Provinciale di Milano, impegnati nell’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Gip del Tribunale del capoluogo lombardo, nei confronti di 18 pusher (10 cittadini marocchini e 8 italiani), facenti parte di un sodalizio criminale dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti, attivo nel sud-ovest milanese e in particolare nei campi di Cusago.  La tecnica messa a punto permetteva agli spacciatori di agire sfruttando la copertura offerta dalla fitta vegetazione della zona, mentre i canali di irrigazione venivano utilizzati per spostarsi e raggiungere i clienti ai bordi delle S.P. 114 e 162.
Ulteriori dettagli saranno divulgati nell’ambito della conferenza stampa prevista per le ore 12.00 odierne presso la Sala Stampa del Comando Provinciale Carabinieri

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Il blitz
Trezzano, gli puntano la pistola in faccia e gli rapinano l’auto

Trezzano, gli puntano la pistola in faccia e gli rapinano l’auto

L’aggressione è avvenuta ieri notte in via Cristoforo Colombo, il viale che corre parallelo alla Nuova Vigevanese

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Posti di blocco a Rozzano, controllate 80 persone e 25 autovetture

Posti di blocco a Rozzano, controllate 80 persone e 25 autovetture

Ventidue uomini e 9 pattuglie messe in campo ieri pomeriggio dai Carabinieri per un servizio di prevenzione condotto sul territorio

Cronaca
La sentenza
Largo Risorgimento, la Corte d’Appello conferma la condanna del Comune

Largo Risorgimento, la Corte d’Appello conferma la condanna del Comune

I giudici di secondo grado hanno riconosciuto a favore dei condomini il danno già accertato in primo grado oltre a un risarcimento al Condominio e ai singoli ricorrenti di circa 30 mila euro. In totale, sino a questo momento, l’affaire costa alle casse comunali almeno 150mila euro