Seguici su Fb - Rss

Martedì, 09 Luglio 2019 09:03
Il caso del giorno

Brucia un deposito di rifiuti speciali, al lavoro cinquanta pompieri

Le fiamme si sono levate alte all’improvviso e per spegnerle è stato richiesto l’intervento di dieci automezzi dei vigili del fuoco e di una cinquantina di uomini

Nella foto, i vigili del fuoco al lavoro per spegnere l'incendio nel deposito di Settimo Milanese Nella foto, i vigili del fuoco al lavoro per spegnere l'incendio nel deposito di Settimo Milanese

La colonna di fumo nero è visibile a chilometri di distanza. Un incendio scoppiato alle prime luci dell’alba, ha distrutto un deposito di rifiuti speciali di circa 1400 metri quadrati che sorge in via Sabin, a Settimo Milanese, al confine con Cusago. Le fiamme si sono levate alte all’improvviso e per spegnerle è stato richiesto l’intervento di dieci automezzi dei vigili del fuoco e di una cinquantina di uomini.

Le cause?

Secondo le prime notizie non ci sarebbero feriti. Le fiamme, come detto sono scaturite all’improvviso, Non è chiaro se per autocombustione delle sostanze stoccate o per dolo. Vigili del fuoco e carabinieri stanno indagando per scoprire cause e natura dei materiali incendiati. A prima vista sembra un episodio dai contorni poco chiari.

Le ipotesi

Non è il primo incendio di depositi di rifiuti speciali che avviene nel sud ovest milanese. Nei mesi scorsi ne sono accaduti altri, tutti di natura dolosa, tutti addebitabili alla criminalità organizzata che specula sullo smaltimento di questa tipologia di rifiuti. Nel caso di questa mattina è presto per avanzare qualsiasi tipo di ipotesi.

Nessuna allerta

Per il momento, l’Arpa, l’agenzia regionale che tutela la salute ed è delegata all’analisi delle emissioni in atmosfera non ha diramato alcuna allerta. Ma si attende l’esito degli esami prima di prendere una decisione. Sull’argomento è intervenuto l’onorevole Fabrizio Cecchetti che in una nota stampa ha scritto: “Siamo grati ai Vigili del fuoco e alle forze dell'ordine per il pronto intervento al deposito di stoccaggio di Settimo Milanese. Abbiamo predisposto un'interrogazione al Ministro dell'Ambiente, Sergio Costa, per fare innanzitutto chiarezza sulla natura dolosa o meno di quanto avvenuto, visto che non si tratta del primo episodio che avviene in quest'area. Attendiamo fiduciosi l'esito delle indagini. Non vorremmo che qualcuno avesse deciso di trasformare la periferia milanese in una nuova Terra dei fuochi”.  

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Sponsorizzata da:

1 commento

  • Link al commento Marisa Martedì, 09 Luglio 2019 11:18 inviato da Marisa

    Ma come mai depositi di rifiuti speciali così vicino ai centri abitati?? Ma non è ora ,che per gente che si arricchisce oltre misura con questi sistemi , si aprano le porte di qualche carcere??

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla droga
Spacciatore corsichese in trasferta butta la coca dal finestrino dell’auto, inseguito e arrestato

Spacciatore corsichese in trasferta butta la coca dal finestrino dell’auto, inseguito e arrestato

Quando è stato raggiunto, ha abbandonato l'auto e cercato di scappare a piedi, ma è stato bloccato in aperta campagna. I militari lo hanno rispedito a Corsico

Cronaca
La scoperta
I carabinieri stroncano un traffico illecito di cuccioli di cane dall’Est Europa

I carabinieri stroncano un traffico illecito di cuccioli di cane dall’Est Europa

I lunghi viaggi in condizioni estreme hanno causato spesso la diffusione di gravi patologie tra i cuccioli o addirittura la morte

Cronaca
La rissa
Lite nella notte tra maghrebini: uno finisce all’ospedale in codice giallo

Lite nella notte tra maghrebini: uno finisce all’ospedale in codice giallo

L’aggressione è scattata ieri sera attorno alle 11 in via Milano a Corsico. Le difficili indagini dei carabinieri