Seguici su Fb - Rss

Martedì, 11 Giugno 2019 15:11
Appalti & forniture

Corruzione nella sanità: indagati i funzionari di un’azienda di Cusago

Nei giorni scorsi la Procura catanese ha chiuso le indagini e notificato l'avviso a 19 persone e a sei società nel mirino dell’inchiesta

Nella foto, una pattuglia della Guardia di Finanza Nella foto, una pattuglia della Guardia di Finanza

L’inchiesta riguarda un appalto da 55,4 milioni di euro bandito dall'azienda Policlinico-Vittorio Emanuele di Catania per la fornitura di prodotti medicali. Sono coinvolti primari di importanti ospedali, medici, produttori e funzionari di almeno sei aziende farmaceutiche tra cui la la Innovamedica Spa di Cusago.

PUBBLICITA'

L'affare

Al centro delle indagini, avviate nel settembre del 2018 da militari delle Fiamme gialle del nucleo di Polizia economico finanziaria di Catania dopo le denunce di alcune ditte escluse, la gara del 17 luglio 2018 per "l'approvvigionamento triennale, con opzione di rinnovo semestrale, di dispositivi medici per urologia occorrenti alle aziende sanitarie, ospedaliere e universitarie del bacino della Sicilia Orientale”. Un affare da 55 milioni 430 mila 178 euro.

Indagini concluse

Nei giorni scorsi la Procura catanese ha chiuso le indagini e notificato l'avviso a 19 persone e a sei società. L’ipotesi di reato è turbata libertà degli incanti e corruzione. Tra gli indagati, oltre al prof. Murgia, primario di Urologia complessa del Policlinico di Catania, il suo collaboratore medico Sebastiano Diego Cimino, e i medici componenti la commissione tecnica: Tommaso Massimo Castelli, Francesco Curto e Pasquale Gianfranco La Rosa.

Gli indagati

Gli altri indagati sono rappresentanti, dipendenti o agenti delle sei societa' coinvolte: la Innovamedica Spa di Cusago, la C. Bua srl di Bagheria, la Omega Pharma srl di Cantù,   la Tegea srl di San Giovanni in Persiceto (Bo), la Farmaceutica Mev srl di Prato, e la Bio-Stilogit Pharmaceuticals di Bagno a Ripoli (Fi ). Con la chiusura delle indagini, sono tornati in libertà sia  Giuseppe Morgia, sia Massimiliano Tirri, 51 anni, agente della ‘C. Bua’ srl di Bagheria, che erano agli arresti domiciliari.

Seguici sulla nostra pagina facebook

 
 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Lotta alla criminalità
Tenta di rapinare un supermercato, 49enne corsichese finisce a San Vittore

Tenta di rapinare un supermercato, 49enne corsichese finisce a San Vittore

Il malvivente è entrato nel centro commerciale con il volto coperto dal casco integrale. In mano impugnava una pistola priva di tappo rosso

Cronaca
Il caso del giorno
Momenti di tensione alla Filiale di Rozzano di Banca Intesa: clienti esasperati colpiscono con i pugni le vetrine

Momenti di tensione alla Filiale di Rozzano di Banca Intesa: clienti esasperati colpiscono con i pugni le vetrine

Gli impiegati hanno sbarrato le porte e chiamato i carabinieri. Una pattuglia è arrivata in via Lombardia per riportare la calma tra i correntisti

Cronaca
Lotta alla droga
Nasconde 7 Kg di hashish nel borsone da palestra: arrestato a pochi passi da Famagosta

Nasconde 7 Kg di hashish nel borsone da palestra: arrestato a pochi passi da Famagosta

I poliziotti hanno sequestrato anche due sacchetti con quasi 400 grammi di marijuana…