Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 29 Novembre 2017 17:38
Caso nazionale

Mamma dell’Ikea licenziata, presentata un’interrogazione parlamentare In evidenza

Secondo il Pd “Una grande azienda dovrebbe porre il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici al centro dell'organizzazione e dovrebbe conciliare lavoro e maternità senza creare alcuna discriminazione”

Il "caso Ikea" finisce in Parlamento grazie a un'interrogazione del Pd Il "caso Ikea" finisce in Parlamento grazie a un'interrogazione del Pd

Una vera bufera. É quella che si è scatenata sull’Ikea di Corsico che ieri ha licenziato Maria Ricutti, 39 anni, laureata in scienze alimentary, una madre di due figli di cui uno, il più piccolo è portatore di handicap.  Il licenziamento è diventato un caso nazionale che ha interessato i grandi giornali, radio e Tv  La donna lavorava alle dipendenze del colosso svedese da più di 17 anni.

Flessibilità negata

Sino a qualche mese fa era impiegata al bistrot poi è stata assegnata al ristorante. Lei aveva accettato il trasferimento, ma aveva anche chiesto di avere orari flessibili che gli permettessero di accudire i suoi figli, uno di dieci anni e uno di cinque, disabile. Per accudirli non può presentarsi al lavoro alle 7 di mattina. 

Conciliare lavoro e maternità

Tra le mille voci che si sono levate a sua difesa anche quella del Pd di Corsico che ha definite quello dei dirigenti Ikea un provvedimento sbagliato e ha invitato l’azienda a “rimettereal centro delle logiche organizzative il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici”. In una nota stampa il Pd ha sottolineato come   “ritiene incomprensibile la scelta di Ikea di licenziare una lavoratrice a causa di oggettive problematiche familiari. Una grande azienda dovrebbe porre il benessere dei lavoratori e delle lavoratrici al centro dell'organizzazione e dovrebbe conciliare lavoro e maternità senza creare alcuna discriminazione”.

Interrogazione parlamentare

“Già da tempo invece,” continua il comunicato “ad Ikea Corsico si verificano scorrettezze nei confronti dei lavoratori e delle organizzazioni sindacali. Per questi motivi, come dichiarato da Titti Di Salvo, il Pd ha depositato un'interrogazione parlamentare per chiarire le motivazioni che hanno spinto "IKEA a licenziare una madre separata con due figli piccoli, di cui uno disabile”. Il PD invita quindi IKEA a ritirare il provvedimento e parteciperà al presidio promosso dei lavoratori per il 5 Dicembre con il segretario Metropolitano Pietro Bussolati e il segretario di Corsico Stefano Ventura.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Il caso del giorno
Trezzano, residenti si ribellano alla puzza prodotta da un’azienda farmaceutica

Trezzano, residenti si ribellano alla puzza prodotta da un’azienda farmaceutica

Sono decine gli abitanti del quartiere Boschetto che si sono rivolti in comune affinché intervenga e risolva una situazione che sta diventando insostenibile

Attualità
L'addio
Corsico perde il suo Papa (alto dirigente in Comune)

Corsico perde il suo Papa (alto dirigente in Comune)

Dopo 25 anni di servizio lascia il suo posto e se ne va a Vimercate, uno dei funzionari di lungo corso corsichesi, per alcuni depositario di molti segreti

Attualità
L'indagine
Legambiente boccia Corsico sulla mobilità scolastica

Legambiente boccia Corsico sulla mobilità scolastica

Secondo i dati raccolti, l'avvio dell'anno ha prodotto un aumento del traffico nelle strade di accesso che supera il 100%: il numero di automobili è raddoppiato davanti alle scuole di via Verdi e via Galilei