Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 20 Novembre 2017 18:10
La richiesta

Emergenza casa: Corsico bussa alle porte di Aler In evidenza

Chiesto ai responsabili dell’istituto  case popolari di “valutare la possibilità di mettere a disposizione alloggi da locare in edilizia residenziale pubblica”

Sono 59 gli appartamenti Aler vuoti a Corsico nelle vie Cellini, Curiel, Italia e Marzabotto  Sono 59 gli appartamenti Aler vuoti a Corsico nelle vie Cellini, Curiel, Italia e Marzabotto

Alloggi Aler sfitti da utilizzare per fronteggiare l’emergenza casa a Corsico. È la proposta avanzata da sindaco e assessore ai servizi sociali della città. Si tratta di  una sessantina di appartamenti dislocati in alcuni quartieri del comune, che, stante la crisi, potrebbero risolvere la mancanza o la precarietà di un alloggio di altrettante famiglie.

59 alloggi liberi

La proposta è stata messa nero su bianco nei  giorni scorsi e inviata al direttore di Aler Milano. “Abbiamo chiesto – ha sottolineato in una nota stampa il sindaco Errante - di valutare che almeno una parte dei 59 alloggi liberi nelle vie Cellini, Curiel, Italia e Marzabotto possa essere messa a disposizione per essere assegnata come abitazioni di edilizia residenziale pubblica oppure attraverso un bando”.

Alloggi vuoti

Tutti gli alloggi oggetto della richiesta erano stati inseriti in un piano vendita che non si è mai concretizzato. Da tempo sono vuoti.  L’assessore Raimondo ha spiegato il perché della richiesta. “Abbiamo sottolineato la necessità – ha detto - di liberare le abitazioni abusivamente occupate senza titolo e, laddove possibile, di assegnare alloggi liberi nello stato di fatto per velocizzare le procedure”.

La rivoluzione delle assegnazioni

“Nel 2018 - ha concluso Raimondo - le modalità di assegnazione delle case popolari verranno rivoluzionate da Regione Lombardia e per rispondere alle necessità dei cittadini sarà necessario avere più alloggi disponibili”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

4 commenti

  • Link al commento  Nadia Mercoledì, 27 Marzo 2019 23:08 inviato da Nadia

    Ciao mi chiamo Nadia sono disoccupata chiesto una casa popolare grazie

  • Link al commento Giovanni Sabato, 17 Novembre 2018 16:30 inviato da Giovanni

    Salve mi chiamo Giovanni picca ho uno sfratto esecutivo a fine mese 30 novembre sono single nullatenente ho i genitori separati non può aiutarmi nessuno di persone che conosco lavoro partime guadagno nemmeno 450euro al mese e non posso permettermi affitti nemmeno per una stanza non sono sposato e sono solo rischio di finire in strada al freddo spero che qualcuno mi aiuti e non vado sotto a un ponte salve

  • Link al commento ferri anna Mercoledì, 03 Ottobre 2018 16:19 inviato da ferri anna

    Mi chiamo ferri Anna sono disoccupata da poco ho due fighi a carico ho chiesto come ha vere la casa popolare perche sfrattata mi e stato detto di aspettare il bando ma per internet ce scritto di presentare domanda entro il 18dicembre prossimo quindi cosa devo fare

  • Link al commento Carta Monica Mercoledì, 26 Settembre 2018 20:24 inviato da Carta Monica

    Speriamo che qualcuno ci aiuti.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Il meglio del Sud Ovest
Attualità
In attesa dell'inaugurazione
Assago, autostrada chiusa per i test sulla passerella ciclopedonale tra la M2 e la Bazzana 

Assago, autostrada chiusa per i test sulla passerella ciclopedonale tra la M2 e la Bazzana 

L’opera scavalca via del Mare e il raccordo autostradale dell’A7 che rimarrà interdetta al traffico nella notte tra il 28 e 29 gennaio

Attualità
La vertenza sindacale
Licenziamenti Auchan, Rozzano paga il prezzo più caro

Licenziamenti Auchan, Rozzano paga il prezzo più caro

Saranno infatti 456 i dipendenti dell’area amministrativa esistente in città che rimarranno senza lavoro

Attualità
L'iniziativa
Cesano lancia il concorso-gioco sulla raccolta differenziata nelle scuole

Cesano lancia il concorso-gioco sulla raccolta differenziata nelle scuole

Vincerà  l’istituto che – considerato anche il numero delle classi – in proporzione avrà fatto meno rifiuti e sarà riuscito a differenziare meglio la raccolta