Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 03 Agosto 2017 16:59
La polemica

Scandalo a Corsico: va in giunta vestito da spiaggia In evidenza

Durante l’ultima seduta della stagione prima della pausa estiva, Marco Papa, dirigente della comunicazione, si è presentato, in pantaloncini, maglietta e pantofole da mare scandalizzando molti dipendenti

L'abbigliamento di Papa ha scandalizzato funzionari e dipendenti che non hanno perso l’occasione per stigmatizzarlo L'abbigliamento di Papa ha scandalizzato funzionari e dipendenti che non hanno perso l’occasione per stigmatizzarlo

Dalla spiaggia in sala giunta, con le pinne, il fucile e gli occhiali. È l’ultimo grido in tema di rispetto delle istituzioni lanciato a Corsico. L’opinion leader, si fa per dire, che ha formulato l’idea che potrebbe diventare un trend, è Marco Papa, funzionario, dirigente responsabile della comunicazione e di tante altre cose al Comune della città “adagiata sulle rive del Naviglio Grande”. Il “nostro” infatti, durante l’ultima giunta della stagione prima della pausa estiva si è presentato, in pantaloncini, maglietta e pantofole da mare (i testimoni, ancora traumatizzati dalla visione, non ricordano se si trattasse di espadrillas o infradito).

Nessuna reazione

Vero è che fa un caldo insopportabile, vero è che “il mare è una tavola blù”, vero è che il Papa è stato richiamato dalle vacanze perché doveva preparare documenti e documentazione necessarie ad alcune delibere, ma è anche vero che abita a poche decine di metri dal municipio e avrebbe potuto indossare qualcosa di  più idoneo al ruolo che avrebbe dovuto assolvere. Il suo abbigliamento ha scandalizzato funzionari e dipendenti che non hanno perso l’occasione per stigmatizzarlo. Nessuna reazione invece è arrivata da sindaco e assessori presenti in sala giunta.

Il rispetto parte da piccole cose

L’episodio ha fatto “ribollire il sangue” a Michele Valastro, consigliere di Forza Italia che ha sottolineato come “il rispetto delle istituzioni parta da piccole cose, anche dall’abbigliamento che un funzionario comunale indossa durante lo svolgimento del proprio lavoro”. “Che esempio dà ai propri sottoposti – ha proseguito Valastro – un dirigente che svolge il suo ruolo in pantaloncini? Ci stiamo rendendo ridicoli su tutto: da Di Mino con i suoi messaggi inopportuni ai bermuda del signor Papa, senza che i rappresentanti politici delle istituzioni prendano posizione”.

Direzione mare

pocketnews.it ha tentato di contattare Papa, ma in Municipio non sono stati in grado di aprire un filo diretto.  I più buoni hanno detto di non sapere dove fosse, i più cattivi hanno affermato di averlo visto con le pinne il fucile e gli occhiali mentre beatamente correva in direzione del mare. Dall'ufficio stampa del comune è arrivata una precisazione: Papa sarebbe passato in comune a salutare dipendenti e assessori e non per partecipare alla giunta. Solo dopo sarebbe partito per le vacanze. Si tratterebbe quindi solo di un equivoco, quindi? Ai posteri l'ardua sentenza.

seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'esercitazione
La Protezione Civile si dà all’ “Oktober Test”

La Protezione Civile si dà all’ “Oktober Test”

Una tre giorni di esercitazioni (da oggi al 21 ottobre) riservata ai 300 volontari raccolti nel campo base di Assago

Attualità
Il caso del giorno
Sentenza Largo Risorgimento, lettera aperta al sindaco di Giorgio Villani

Sentenza Largo Risorgimento, lettera aperta al sindaco di Giorgio Villani

A proposito delle affermazioni di Fabio Bottero apparse su  “pocketnews.it” e il quotidiano “Il Giorno” in merito alla sentenza della Corte di Appello (leggi qui) che ha condannato il comune di Trezzano al pagamento dei danni a 52 condomini che abitano nell'area Risorgimento/Indipendenza

Attualità
L'opportunità
Bricoman, 80 posti di lavoro a portata di mano

Bricoman, 80 posti di lavoro a portata di mano

In vista della prossima apertura del negozio di Pero, l’azienda cerca un’ottantina di giovani da impiegare come venditori, addetti alla logistica, hostess di cassa e accoglienza. L’inaugurazione è prevista per la primavera del 2019, ma le assunzioni partiranno da dicembre 2018.