Seguici su Fb - Rss

Martedì, 15 Settembre 2020 09:39
La tragedia

Si è gettata dal secondo piano di un albergo, la donna scomparsa ieri

Marià Laganà adesso è ricoverata in gravissime condizioni all’ospedale Niguarda di Milano

Nella foto, Maria Laganà Nella foto, Maria Laganà

La notizia è arrivata questa mattina all’alba. A fornirla la Polizia di stato che ha un presidio nell’ospedale Niguarda di Milano. Poco prima, Maria Laganà, la 57enne scomparsa ieri mattina dopo essere uscita di casa per andare a lavorare, era stata ricoverata in condizioni critiche nel reparto di rianimazione del nosocomio.

La donna, questa notte, dopo aver fatto perdere le sue tracce aveva preso una camera al secondo piano di un hotel della zona. Sembrava in buone condizioni. Poi all’improvviso, secondo quanto comunicato dagli inquirenti, ha aperto una finestra e si è lanciata nel vuoto. Dopo un volo di una decina di metri si è schiantata nel cortile dell’abergo.

Scattato l’allarme, la donna è stata soccorsa. Le sue condizioni sono gravi. Immediatamente è stata avvertita la famiglia. Questa mattina, i parenti che abitano a Bernareggio con in testa il nipote Carmelo, sono accorsi in ospedale per portarle conforto.

Ieri, Maria Laganà aveva la sua auto tra gli orti di via degli Alpini e l’oratorio di San Adele e aveva fatto perdere le sue tracce. Collaboratrice scolastica in forza all’Istituto Margherita Hack di Assago, sposata, senza figli, è residente a Corsico in via Vincenzo Monti. Avrebbe dovuto recarsi al suo posto di lavoro, ma non lo ha fatto. Non vedendola arrivare, i suoi colleghi avevano chiamato i suoi parenti. Erano stati loro, assieme all’altra nipote, Fabiana, a lanciare l’allarme.  

La donna era senza telefonino. Aveva lasciato borsa e documenti all’interno della sua auto ed era scomparsa. Da qualche tempo soffre di depressione e assume farmaci antidepressivi. Probabilmente lo stress provocato dal ritorno a scuola (ieri era il primo giorno) ha fatto scattare nella sua mente il meccanismo perverso che l’ha spinta a lanciarsi nel vuoto.

Articolo in aggiornamento

Seguici sulla nostra pagina Facebook

 

2 commenti

  • Link al commento Maria Destasio Mercoledì, 16 Settembre 2020 23:09 inviato da Maria Destasio

    Le mie più sentite condoglianze ma come si fa a buttarsi nel vuoto a 57 anni povera figlia mi dispiace moltissimo anche se non la conosco. Le mie condoglianze vanno a tutti i suoi parenti.

  • Link al commento Eleonora guidorzi Martedì, 15 Settembre 2020 21:44 inviato da Eleonora guidorzi

    L'ho conosciuta. Lavoravamo nello stesso istituto. Non ho parole di conforto x i familiari. Solo un grande dolore. Addio Maria che la terra ti sia lieve.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Catena di incidenti
Ancora un ciclista investito, questa volta a Corsico: è il quarto in una settimana

Ancora un ciclista investito, questa volta a Corsico: è il quarto in una settimana

L’incidente è avvenuto attorno alle 16, al rondò tra via Milano e via Isonzo al confine tra Corsico e Cesano Boscone

Cronaca
La nuova ondata
Buccinasco, 71enne muore di Covid 19: è la 14° vittima in città dall’inizio della pandemia

Buccinasco, 71enne muore di Covid 19: è la 14° vittima in città dall’inizio della pandemia

Era ricoverato dalla fine di Agosto in ospedale ed è morto per il sopraggiungere di complicazioni polmonari

Cronaca
L'incidente
Rozzano, ciclista investito ricoverato in codice giallo all’Humanitas

Rozzano, ciclista investito ricoverato in codice giallo all’Humanitas

L’uomo ha 67 anni. L’incidente è avvenuto in via Valleambrosia all’incrocio con via Gran Sasso