Seguici su Fb - Rss

Martedì, 11 Febbraio 2020 14:20
Urne & dintorni

Elezioni a Corsico, il centrodestra alla ricerca del suo Armando Diaz

Il presidente del gruppo di FI in Consiglio regionale, Gianluca Comazzi, incaricato di seguire la campagna elettorale in città e in altri comuni che tra qualche mese andranno alle urne

Nella foto, l'ex sindaco di Corsico Filippo Errante Nella foto, l'ex sindaco di Corsico Filippo Errante

Se il centrosinistra gioca la carta delle primarie per scegliere il suo candidato sindaco alle elezioni amministrative di Corsico tra Roberto Masiero e Stefano Ventura (in quest’area le outsider di “Corsico in Comune” Carla Maria Rossi e lista “Rossa e solidale Corsico” Mara Ghidorzi, sono scese in pista e stanno già lavorando per presentarsi al giudizio degli elettori), nel centrodestra tutto tace.

Sponsorizzato da:

La Caporetto di Errante

Anzi, più che tacere ci sono una serie di mormorii che nemmeno il Piave in una drammatica notte del novembre del 1917 avrebbe mai osato pronunciare. “Lui si presenta”, “Lui non si presenta”, dove il lui in questione è l’ex sindaco Filippo Errante che non ha ancora sciolto la riserva sulla sua candidatura, legandola al rifiuto (confermato ai quattro venti) di correre assieme a ex consiglieri di Forza Italia che hanno provocato la Caporetto della sua giunta.

Militi ignoti

La guerra di trincea che si sta combattendo tra Lega, Fratelli d’Italia e Forza Italia (quest’ultima commissariata e ricommissariata (Bellomo - Mei- Bellomo è un giro di valzer viennese), si arricchisce ogni giorno di nuovi militi, ignoti e meno ignoti, che si lanciano in assalti che si concludono con pesanti perdite, almeno sui social.

La novità

Mentre il centrosinistra occupa tutti gli spazi di comunicazione con il solo Francesco Magisano, ex presidente della Fondazione Pontirolo, elevatosi a baluardo del centrodestra, l’unica novità è l’incarico dato dal coordinatore regionale di Forza Italia, Massimiliano Salini, al presidente del gruppo del partito in Consiglio regionale, Gianluca Comazzi, di seguire la campagna elettorale di Corsico e di altri comuni che tra qualche mese andranno alle elezioni.

L'obiettivo

Comazzi, che ha legami con il territorio, dovrebbe affiancare Bellomo in eventuali trattative per la formazione di un’alleanza omogenea del centrodestra che comprenda Forza Italia. Obiettivo difficile da raggiungere viste le premesse. Ma sino a quando l’Errante-Cadorna non scioglierà la sua riserva tutto rimarrà bloccato.

Il Duca della Vittoria

Il problema è che all’orizzonte non si intravede alcun Armando Diaz che possa, in quattro e quattr’otto, decidere le linee di difesa sul Piave (il Naviglio), respingere il nemico (il centrosinistra impegnato alla conquista della roccaforte di via Roma) con le forze a disposizione e, dopo aver pronunciato il classico “non passa lo straniero” (in tutti i sensi), essere nominato Duca della Vittoria.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La protesta
Lettera aperta al sindaco Bottero: l’informazione è il sale della democrazia

Lettera aperta al sindaco Bottero: l’informazione è il sale della democrazia

Al centro della discussione ancora la commissione urbanistica sul Pgt (piano regolatore) abbandonata da tutti i rappresentanti dell’opposizione

Politica
La polemica
Nuovo Pgt (piano regolatore) di Trezzano, l’opposizione abbandona la commissione urbanistica

Nuovo Pgt (piano regolatore) di Trezzano, l’opposizione abbandona la commissione urbanistica

Lo scontro dopo la bocciatura della richiesta di rinvio per avere la possibilità di leggere le centinaia di pagine di relazione tecnica fornita dagli uffici comunali solo pochi giorni prima della riunione on line

Politica
La polemica
Trezzano, sul campo Fabbri l’ombra del conflitto d’interessi

Trezzano, sul campo Fabbri l’ombra del conflitto d’interessi

Il voto favorevole di un consigliere comunale alla spesa di 350mila euro per rifare le torri di illuminazione della stadio di Trezzano potrebbe inficiare la delibera