Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 13 Gennaio 2020 11:32
La battaglia

Forza Italia senza pace, la sezione di Corsico ancora commissariata

Il Collegio dei probiviri ha accolto il ricorso di Giacomo Di Capua azzerando i nuovi vertici eletti nel corso di un’assemblea svoltasi il 24 novembre scorso. Entro fine mese le motivazioni

Nella foto, Giacomo di Capua (con il maglioncino arancione) con Giulio Gallera e, nel riquadro, Roberto Mei Nella foto, Giacomo di Capua (con il maglioncino arancione) con Giulio Gallera e, nel riquadro, Roberto Mei

Verranno depositate nei prossimi giorni le motivazioni che hanno portato i probiviri di Forza Italia Lombardia a dare ragione a Giacomo Di Capua. L’esponente azzurro aveva presentato ricorso al Collegio della Lombardia ritenendo irregolare il congresso convocato il 24 novembre scorso, durante il quale sono stati eletti il nuovo coordinatore cittadino e i membri del relativo comitato.

Sponsorizzato da:

Il ricorso

“Ho precisato ai Probiviri – sottolinea Di Capua – che il Congresso comunale era avvenuto in contrasto con il ‘Regolamento per lo svolgimento dei Congressi comunali’ in quanto non calendarizzato con il Commissario provinciale, non concordato con il settore organizzazione del coordinamento nazionale, non convocato nei tempi previsti e senza l’indicazione del numero di firme necessarie per la presentazione delle candidature”.

La violazione

“Quest’ultima mancanza -  prosegue l’esponente azzurro   - costituisce violazione di una norma posta a tutela e garanzia dello svolgimento democratico della vita associativa e degli organi del Movimento. Simile omissione sostituita da una generica riproposizione della norma regolamentare che prevede il 20% degli iscritti non indicando l’esatto numero dei sottoscrittori necessari alla presentazione di una lista, avrebbe potuto non far ammettere la lista per mancanza di elementi certi e necessari”.

La dichiarazione

Una richiesta di intervento che ha portato Laura Girard, Laura Ardito, Andrea Orsini, Antonio Marelli ed Emilio Palladini ha ritenere fondate le motivazioni di Giacomo Di Capua accogliendone il ricorso “e conseguentemente – scrivono i probiviri – di dichiarare nulla la convocazione dell’assemblea, nulle le deliberazioni assunte in tale sede, compresa l’elezione del coordinatore comunale (Roberto Mei) e di tutti i membri del Comitato comunale”.

Il commissario Bellomo

Il Commissario provinciale Graziano Musella ha così comunicato a Vito Bellomo di “continuare a ricoprire l’incarico di commissario di Forza Italia per il comune di Corsico”. Le motivazioni del Collegio dei probiviri della Lombardia verranno depositate entro il 31 gennaio.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
Elezioni comunali
Amministrative 2020, a Corsico scende in campo anche “Giamburrasca” Di Capua

Amministrative 2020, a Corsico scende in campo anche “Giamburrasca” Di Capua

L’ex assessore ha ufficializzato la sua candidatura a concorrere per la poltrona di primo cittadino di Corsico

Politica
Il passaggio
Amministrative 2020, l’ex assessore De Andreis trova casa in Fratelli d’Italia

Amministrative 2020, l’ex assessore De Andreis trova casa in Fratelli d’Italia

Medico di medicina generale, era stato eletto assessore alla cultura e tutela degli animali di Corsico e si era dimesso lo scorso anno dopo la caduta della giunta Errante

Politica
L'intervista
Gianni Ferretti: “I miei primi dodici mesi vissuti in prima linea”

Gianni Ferretti: “I miei primi dodici mesi vissuti in prima linea”

Intervista al sindaco di Rozzano che il prossimo 28 giugno celebrerà il primo anno alla guida della città