Seguici su Fb - Rss

Domenica, 12 Gennaio 2020 10:28
Il duello

Corsico, primarie del Centrosinistra: intervista doppia ai candidati

Roberto Masiero e Stefano Ventura  spiegano le ragioni della loro candidatura e perché gli elettori dovrebbero sceglierli come possibili sindaci della città

È una corsa a due. Masiero – Ventura, Ventura – Masiero. Sono loro che si contenderanno la candidatura alla carica di sindaco di Corsico per il centrosinistra, o almeno una parte del centrosinistra riunito sotto le bandiere di  “Alleanza per Corsico”. In verità, all’appello mancano alcuni elementi dell’area, ma saranno solo le urne, la prossima primavera, a chiarire se si sia trattato di una scelta più o meno giusta. Le primarie sono in programma il prossimo 16 febbraio. Quella che segue è un’intervista doppia (come si usa dire in gergo) ai due candidati. Stesse domande, riposte diverse (in ordine alfabetico).

Chi è Roberto Masiero?
“Ho 70 anni, sono laureato in Economia Politica alla Bocconi e per 20 anni ho lavorato, all’estero, in una società di ricerche. Rientrato in Italia nel 2009 ho fondato una società oggi leader nel settore dell’innovazione della Pubblica amministrazione. Sono anche docente del master in scienza dei dati alla Bicocca. Sposato, ho due figlie e due nipoti che vivono all’estero.

Chi è Stefano Ventura?
“Ho 30anni, sono laureato in economia con un master, insegnante di Economia per l’integrazione europea in una fondazione internazionale che si occupa di formare studenti made Usa”

Curriculum politico?
Masiero. “Mai stato iscritto a un partito. In gioventù ho militato nel Movimento studentesco, poi mi sono dedicato solo alla professione. Dal 2010 ho ripreso vecchi contatti con i promotori di “Insieme per Corsico”. Per 9 anni sono stato consigliere comunale e negli ultimi tre, anche  capogruppo di “Corsico per Masiero”.
Ventura: “Ho iniziato nel collettivo del liceo Vittorini, a Milano. Milito nel Pd di Corsico dal 2013 e da due anni ne sono il segretario politico. Nell’ultimo anno sono stato anche consigliere comunale subentrando al posto dell’ex sindaco Ferrucci”.

Perché il centrosinistra ha perso le amministrative del 2015?
Masiero: “Perché si è presentato diviso agli elettori”.
Ventura: “Perdere le elezioni, come vincerle, è complesso. Concorrono molti elementi e cause che possono influire. Essere divisi è una delle cause della sconfitta. Per questo motivo ho sempre lavorato per l’unità del centrosinistra. Ma io voglio parlare del futuro, piuttosto che di un passato che non ho contribuito a realizzare.

Strappare Corsico al centrodestra è un’utopia, un sogno o una realtà a portata di mano?
Masiero: “È fattibile a due condizioni. La prima è: presentare agli elettori un centrosinistra unito. La seconda: andare a fare legna fuori dal bosco dello stesso centrosinistra che da solo non vince. È necessario rappresentare persone stanche della vecchia politica e interessate al bene della città”
Ventura: “Una realtà a portata di mano. Non mi sarei candidato se non pensassi di farcela. Serve una proposta nuova, una proposta di rottura con il passato”

Se si sommassero i voti del 2015 (Pd e alleati 25,80% + Masiero 18,30%) dovrebbe essere una passeggiata. Invece…?
Masiero: “Sono passati 5 anni e passate sono quelle condizioni. Anche il vento che tira a livello nazionale non è favorevole al centrosinistra: bisogna compensare le perdite con l’interpretazione oggettiva dei bisogni più urgenti della gente”.
Ventura: “I voti di cinque anni fa non sono indicativi di come andranno le prossime amministrative. La politica è fluida, l’elettorato mobile. Certamente non saranno elezioni scontate. Noi combatteremo per vincerle e lotteremo sino all’ultimo voto per riportare il centrosinistra al governo di Corsico”

Un giudizio sull’ex sindaco Errante?
Masiero: “Non voglio sparare, come suol dirsi, sulla Croce rossa. Basti vedere in che condizioni ha lasciato la città dopo aver distrutto due giunte in quattro anni”.
Ventura: “Ha fatto tantissime promesse, ha creato tantissime aspettative, ma di quanto promesso non ha realizzato alcunché. Ha solo commesso gravi errori: il Festival dello stocco è una macchia nera sulla città, poi la questione mensa, la chiusura dell’asilo Monti. Anche dal punto di vista politico non è stato capace di mediare, non è riuscito a fare una sintesi con la sua maggioranza e ha lasciato Corsico in una condizione di immobilismo assoluto”,

Perché gli elettori del centrosinistra dovrebbero votare per lei alle prossime primarie?
Masiero: “Domanda parziale: perché dovrebbero votarmi solo quelli del centrosinistra? Io ho maturato una grossa esperienza in consiglio comunale, credo di conoscere e poter agire sulle leve giuste per rilanciare la città. Io chiedo, infatti, anche il voto di coloro che non si riconoscono nei partiti”.
Ventura: “Dovrebbero votare per me perché per vincere in primavera serve una forte discontinuità con il passato, servono proposte e uomini nuovi. Io ritengo di avere la sensibilità di ascoltare e capire i bisogni delle persone, una qualità importante per ricoprire il ruolo di sindaco”.

Qual è il pregio migliore che riconosce nel suo antagonista?
Masiero: “Intelligenza politica e lealtà”.
Ventura: “Competenza e impegno”.

Qual è il suo difetto peggiore?
Masiero: “Il mio è: pessimo carattere (ed è ampiamente noto), ma sto lavorando per migliorarlo”.
Ventura: “Io prendo le cose troppo sul serio”.

È  sicuro che il suo partito e poi la "Alleanza per Corsico" l’ appoggeranno incondizionatamente?
Masiero: “Incondizionatamente è una parola grossa. Da dieci mesi, da quando è stata sottoscritta, “Alleanza per Corsico” ha sviluppato una conoscenza reciproca che mi auguro porti in questa direzione”.
Ventura: “Assolutamente sì. Ma io ambisco a rappresentare non solo il Pd ma tutti i progressisti”.

Nessuno con qualche mal di pancia?
Masiero: “Per quanto riguarda “Insieme per Corsico” sono stato votato all’unanimità da tutti gli iscritti e non intendo interferire nelle dinamiche interne di un partito amico”.
Ventura: “L’assemblea del Pd mi ha indicato come candidato alle primarie all’unanimità. Quindi non temo defezioni o tradimenti”.

Perché non avete allargato la vostra coalizione ad altre componenti del centrosinistra?
Masiero: “Ce ne sono? L’unica proposta è stata fatta nei confronti di “Italia in Comune” proposta che non è stata accettata, gli altri hanno fatto scelte diverse anche a livello nazionale. Non è mancata la nostra volontà, ma la loro. Noi siamo aperti ad altre componenti, se si manifesteranno”.
Ventura: “Vero il contrario. Ho fatto tutto il possibile affinché ci fossero più di due candidati, ma non ho trovato disponibilità da parte dei miei interlocutori. Le primarie erano aperte e il dialogo con le altre forze del centrosinistra rimane altrettanto aperto”.

Crede che se dovesse vincere le primarie, il suo avversario sarà poi leale alle urne?
Masiero: “Incondizionatamente, come io lo sarò con lui”
Ventura: “Assolutamente sì e io lo garantisco a lui, nel caso sia Roberto a vincere”

Gli affiderebbe un posto importante in un’ipotetica giunta di centrosinistra?
Masiero: “È scontato”.
Ventura: “Non penso sia corretto affrontare questi argomenti prima che le elezioni vere siano vinte. Roberto si impegna ed è un valore aggiunto che deve e sarà valorizzato”.

Guidare Corsico richiede un impegno totale, a cosa è disposto a rinunciare per questo obiettivo?
Masiero: “Disposto a non ricoprire più il ruolo  che ho all’interno della mia azienda e in quest’ottica sto già preparando i miei collaboratori”.
Ventura: “Se la domanda sottintende se farò il sindaco a tempo pieno, se dovessi vincere, la risposta è sì. I problemi di Corsico sono tali e tanti che è necessario, anzi indispensabile, un impegno a tempo pieno”.

Cosa ne pensa le sua famiglia?
Masiero: “Sarà un impegno gravoso, soprattutto per mia moglie con la quale spero di riuscire a consolidare ulteriormente la nostra unione”.
Ventura: “La mia mi supporta e sopporta da sempre”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

1 commento

  • Link al commento Piccinini Maura Lunedì, 13 Gennaio 2020 07:09 inviato da Piccinini Maura

    Grazie Stefano
    Le tue risposte coerenti con quello che avevo colto negli incontri trascorsi in primis la serietà rigorosa ed il desiderio di chiudere il passato per proiettarci con te nel prossimo futuro ricco delle esperienze che ti abbiamo regalato

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
Elezioni comunali
Amministrative 2020, a Corsico scende in campo anche “Giamburrasca” Di Capua

Amministrative 2020, a Corsico scende in campo anche “Giamburrasca” Di Capua

L’ex assessore ha ufficializzato la sua candidatura a concorrere per la poltrona di primo cittadino di Corsico

Politica
Il passaggio
Amministrative 2020, l’ex assessore De Andreis trova casa in Fratelli d’Italia

Amministrative 2020, l’ex assessore De Andreis trova casa in Fratelli d’Italia

Medico di medicina generale, era stato eletto assessore alla cultura e tutela degli animali di Corsico e si era dimesso lo scorso anno dopo la caduta della giunta Errante

Politica
L'intervista
Gianni Ferretti: “I miei primi dodici mesi vissuti in prima linea”

Gianni Ferretti: “I miei primi dodici mesi vissuti in prima linea”

Intervista al sindaco di Rozzano che il prossimo 28 giugno celebrerà il primo anno alla guida della città