Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 14 Ottobre 2019 23:48
Comunali 2010

Corsico, il centrodestra verso le elezioni comunali a piccolissimi passi

Durante un incontro organizzato da Fratelli d’Italia, Errante ha detto: “Forse non sarò il candidato del centrodestra” ma ha lasciato  aperto uno spiraglio grande come una casa

Nella foto, da sx verso dx, Carlo Fidanza, Maro Osnato, Filippo Errante, Fabio Raimondo e Sandro Sisler Nella foto, da sx verso dx, Carlo Fidanza, Maro Osnato, Filippo Errante, Fabio Raimondo e Sandro Sisler

 “Con l’appuntamento di questa sera iniziamo a sparigliare il campo in vista della campagna elettorale per le prossime elezioni comunali”. Fabio Raimondo ex assessore ai Servizi sociali di Corsico non ha usato mezze parole nel presentare l’incontro organizzato da Fratelli d’Italia, ieri sera, nel saloncino La Pianta di via Leopardi.

sponsorizzato da:

L'appello

La serata che aveva come tema “l’Itala sovrana” si è trasformata in una specie di appello nei confronti dell’ex sindaco Filippo Errante, presente in sala, a ritornare in trincea e a ricandidarsi alla testa del centrodestra, anzi “della destra – ha detto Raimondo – se poi si aggiunge il centro, tanto meglio”.

La frecciata

Invitato a salutare i presenti, Errante ha esordito confermando di essere in “pausa” e di volersi dedicare all’attività sportiva (nei prossimi giorni parteciperà a una maratona). Poi parlando della prossima competizione elettorale, prima ha detto che bisognerà lavorare per scegliere uomini che “abbiano anche delle competenze” e non candidare persone “che portano solo voti” (frecciata agli ex alleati di Forza Italia), poi ha fatto un annuncio.

Il patto d'acciaio

“Forse – ha detto – non sarò il candidato del centrodestra” sottolineando come ci siano “una serie di condizioni rispetto al passato che dovrebbero essere rispettate”. Come dire: “Se però si trovasse un accordo su squadra e obiettivi, potrei ripensarci”. E l’accordo a Corsico passerebbe attraverso un patto d'acciaio tra Fratelli d’Italia e Lega, al quale poi potrebbero aderire tutti gli altri, protagonisti e comprimari del centrodestra.

Passaggio di crescita

Il primo a invitare Errante a porre fine alle sue vacanze è stato Sandro Sisler, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, secondo il quale la crisi della prima giunta di centrodestra (la giunta Errante, appunto) che dopo oltre 75 anni di dominio della sinistra ha governato Corsico, è stata “un passaggio di crescita”. “E’ tempo -  ha detto indicando l’ex sindaco – di finire le vacanze, di tornare in pista e preparare una lista di persone capaci e radicate nel territorio”.

Dalla mensa allo stocco

Il concetto è stato ribadito da Fabio Raimondo che ha suggerito di “ripartire dal lavoro fatto nei 14 mesi successivi alla caduta della prima giunta Errante per il caso del Festival dello Stocco. E a proposito di stocco,  Marco Osnato, deputato di Fratelli d’Italia, membro della commissione Finanza che in questi giorni sta discutendo della manovra economica, ha stigmatizzato gli attacchi strumentali alla persona dell’ex sindaco portati dalla sinistra su un caso che la commissione prefettizia ha confermato non avere alcun legame con ambienti mafiosi.

Chiedere scusa

“Nessuno – ha sottolineato Osnato -  ha chiesto scusa. Hanno dipinto la giunta di Corsico come se fosse formata da pericolosi sovversivi vicini alla criminalità organizzata, ed invece era solo composta da persone che facevano con coscienza il proprio lavoro, un lavoro come dimostra il caso della mensa poi copiato dall’80 per cento delle amministrazioni di sinistra in Lombardia”.

Domanda sospesa

Al peana non si è unito Carlo Fidanza, capogruppo di Fratelli d’Italia al Parlamento europeo. Fidanza ha parlato di Ius soli (la cittadinanza non si regala, ha detto)  e del referendum abrogativo che il suo partito chiederà nel caso fosse approvato, poi di altre quattro proposte di legge che i seguaci di Giorgia Meloni hanno depositato: Elezione diretta del presidente della Repubblica, abolizione dei senatori a vita, tetto delle tasse inserito nella costituzione, la legge sulla sovranità nazionale. Tutti argomenti che, nell’immediato, a Corsico, trovano poco spazio. Alla fine della serata la domanda è rimasta sospesa: Errante sarà o no il candidato del centrodestra alle prossime comunali?

SEguici sulla nostra pagina Facebook

1 commento

  • Link al commento Lorena Martedì, 15 Ottobre 2019 12:47 inviato da Lorena

    Ma speriamo proprio di no.te lui è Raimondo hanno terrorizzato i Corsichesi. Io pur essendo di dx non ho mai visto una giunta più contro gli italiani di questa
    Che Dio.ce ne scampi e liberi

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La battaglia
Forza Italia senza pace, la sezione di Corsico ancora commissariata

Forza Italia senza pace, la sezione di Corsico ancora commissariata

Il Collegio dei probiviri ha accolto il ricorso di Giacomo Di Capua azzerando i nuovi vertici eletti nel corso di un’assemblea svoltasi il 24 novembre scorso. Entro fine mese le motivazioni

Politica
La polemica
Elezioni comunali a Corsico: l’unità del centrosinistra è solo un’utopia?

Elezioni comunali a Corsico: l’unità del centrosinistra è solo un’utopia?

Le rappresentanti di Italia in Comune replicano ai candidati alle primarie di Pd e Insieme per Corsico, dando la loro versione sul fallimento delle trattative per allargare la coalizione

Politica
Il duello
Corsico, primarie del Centrosinistra: intervista doppia ai candidati

Corsico, primarie del Centrosinistra: intervista doppia ai candidati

Roberto Masiero e Stefano Ventura  spiegano le ragioni della loro candidatura e perché gli elettori dovrebbero sceglierli come possibili sindaci della città