Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 12 Aprile 2019 17:00
La disfida

Crisi a Corsico, lo scontro dentro Forza Italia si fa più duro

Cetrangolo e la nipote Albanese rientrano tra i ranghi, Amoroso, Minardo, Rispo e Valastro, continuano il braccio di ferro con i vertici del partito

Nella foto, il sindaco di Corsico, Filippo Errante con Mauro Gilardi, vicepresidente del Consiglio Nella foto, il sindaco di Corsico, Filippo Errante con Mauro Gilardi, vicepresidente del Consiglio

Non trova soluzione la bufera che ha investito Forza Italia, dopo le dimissioni dalla carica del sindaco Filippo Errante. Una, anzi due le novità del giorno. La prima riguarda il fronte dei ribelli che con l’approvazione di una mozione sul piano delle alienazioni dei beni comunali ha provocato lo scossone che ha causato la caduta del primo cittadino. Ebbene, si è spaccato.

Tornati all'ovile

Infatti, l’ex capogruppo Fioravante Cetrangolo e la nipote, Natascia Albanese, sono tornati all’ovile e hanno accettato di cospargersi il capo con le ceneri. Visto che siamo in periodo di Quaresima, la giravolta non ha sorpreso più di tanto. Non è chiaro cosa e, soprattutto se, i due ci abbiano guadagnato. In città si parla di mercato delle vacche, ma non è per nulla chiaro chi siano la vacche, chi sia il pastore e chi il cane da guardia.

La convocazione

La seconda novità riguarda gli altri quattro: Giuseppina Amoroso, Maurizia Minardo, Patrizia Rispo e Michele Valastro. Su di loro continua il pressing del commissario inviato dai vertici provinciali del partito, Pietro Tatarella. Per domani, sabato 13 aprile, Tatarella li aveva convocati per un incontro chiarificatore che dovrebbe avvenire alle 10. Anche nei loro confronti si parla di posti di lavoro offerti e rifiutati, di prebende e chissà cos'altro. Ma, per l'appunto, si parla e basta. Non c'è uno straccio di testimonianza diretta o di prova documentale.

Lo status del partito

Quel che si sa è che si tratta di un incontro che i quattro hanno deciso di disertare, assieme a Roberto Mei, il coordinatore dimissionato, fino a quando lo stesso Tatarella o chi per lui non ripristini lo status del partito di Corsico precedente alla crisi. E questo nonostante lo stesso commissario avrebbe affermato (il condizionale è un obbligo) di “aver preso decisioni troppo frettolose” nei confronti dei ribelli. Se vuole salvare Errante, Tatarella deve recuperare almeno un altro paio di consiglieri azzurri. Se la situazione dovesse rimanere la stessa, il sindaco non avrebbe comunque i numeri per approvare il bilancio e continuare a governare.

La raccolta di firme

Intanto domani, alcuni fan di Errante hanno organizzato una raccolta firme per convincerlo a ritirare le dimissioni. Ne possono raccogliere quante ne vogliono, quel che conta per la sopravvivenza della giunta sono i voti in Consiglio comunale e lì i ribelli (che nessuno può dimissionare) con il supporto delle opposizioni vincono ancora 13 a 12.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

1 commento

  • Link al commento Pietro Tatarella Commissario Forza Italia Corsico Venerdì, 12 Aprile 2019 19:40 inviato da Pietro Tatarella Commissario Forza Italia Corsico

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
Piazza Foglia
Commissioni consiliari a Rozzano: ecco l’elenco dei presidenti e dei vicepresidenti

Commissioni consiliari a Rozzano: ecco l’elenco dei presidenti e dei vicepresidenti

Si tratta di organismi che praticamente decidono cosa discutere e approvare, o meno, in Consiglio comunale

Politica
L'intervista
Parla Ferretti: “Con pochi euro si sarebbe potuto salvare Api dal fallimento”

Parla Ferretti: “Con pochi euro si sarebbe potuto salvare Api dal fallimento”

Intervista al neosindaco di Rozzano sui temi più caldi che dovrà affrontare nel corso della legislatura: dal teleriscaldamento alla raccolta dei rifiuti, dalla questione Aler al progetto “Città Nuova”

Politica
Volti vecchi e nuovi
Rozzano, eletti i capigruppo in Consiglio comunale

Rozzano, eletti i capigruppo in Consiglio comunale

Una sola donna, Maria Cristina Perretta per Forza Italia, su sette rappresentanti di partiti e liste civiche