Seguici su Fb - Rss

Sabato, 06 Aprile 2019 18:10
La "Grande guerra"

Parla il commissario di Forza Italia: “Fuori dalla politica chi fa cadere Errante”

Piero Tatarella ha minacciato di tagliare fuori da qualsiasi attività politica i consiglieri che hanno fatto dimettere il sindaco di Corsico

Nella foto, Michele Valastro, capogruppo dei consiglieri di Forza italia a Corsico e, nel riquadro, Pietro Tatarella commissario del partito Nella foto, Michele Valastro, capogruppo dei consiglieri di Forza italia a Corsico e, nel riquadro, Pietro Tatarella commissario del partito

“Tempi duri per i troppo buoni”, o per chi fa cadere le giunte. Se poi si tratta di quella di Corsico, la tempesta è assicurata. E tempesta ha promesso Piero Tatarella, il commissario inviato in citta dal responsabile provinciale del partito Graziano Musella, nei confronti di tutti coloro, iscritti e, soprattutto, consiglieri comunali che non si adegueranno alle direttive e non collaboreranno al salvataggio della giunta Errante.

Poco conciliante

La minaccia è di tagliarli fuori da qualsiasi attività politica che preveda una sia pur minima collaborazione con i partiti che sorreggono Errante, il sindaco dimissionario della prima giunta di centrodestra di Corsico. Tatarella, infatti, ha rilasciato a pocketnews.it dichiarazioni poco concilianti con i “ribelli” del suo partito.

Gli assessori si dimettano

“Ho preso tempo prima di qualsiasi valutazione – ha esordito -. Per lunedì ho convocato il gruppo consiliare, nel frattempo ho chiesto che i tre assessori di Forza Italia presenti nella giunta di Corsico rassegnino le dimissioni. Se non lo faranno, chiederò che sia il sindaco a dimissionarli.”

Mai più ricandidati

Non male come premessa. Tatarella ha poi affondato il colpo: “A proposito del gruppo consiliare, chiunque decida di portare avanti la linea che potrebbe portare alla conferma delle dimissioni di Errante, non sarà più ricandidato in Forza Italia né in alcun partito di centrodestra, Fratelli d’Italia e Lega”.  

Il de profundis

“E se anche dovessero presentarsi in una qualsiasi lista civica, il centrodestra non sottoscriverà alcuna alleanza con formazioni che li vedano presenti”. Finito di recitare questa specie di de profundis politico, Tatarella ha poi confermato: “Ascolterò tutti per capire dove nasce il malessere manifestato dai consiglieri, ma la pre-condizione è che chi va avanti sulla linea delle dimissioni sarà buttato fuori dal partito”.

Salvare Errante

Più chiaro di così! “Il mio obiettivo – ha concluso – è salvare la giunta Errante. Visto che il sindaco si considera un maratoneta, possiamo considerare questa la crisi del 30° chilometro. Voglio verificare se c’è la possibilità di raggiungere il traguardo”.

Solidali con Mei

Con queste premesse, sarà molto dura. Intanto perché il gruppo consiliare ha manifestato la propria solidarietà a Roberto mei, il coordinatore della sezione di Corsico del partito, e poi perché sembra che ogni attacco stia consolidando sempre di più il gruppo dei ribelli. Da martedì se ne saprà di più.

Seguici sulla nostr pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
Elezioni & dintorni
Cesano presenta la nuova giunta comunale: ecco le novità e le new entry

Cesano presenta la nuova giunta comunale: ecco le novità e le new entry

Oltre a quelle assegnate agli assessori, il sindaco Simone Negri dovrebbe distribuire alcune deleghe anche a tre consiglieri

Politica
Il ballottaggio
De Corato: “Storico risultato a Rozzano”, Mirabelli: “Il Pd è maggioranza in Città metropolitana”

De Corato: “Storico risultato a Rozzano”, Mirabelli: “Il Pd è maggioranza in Città metropolitana”

I ballottaggi visti dal centrodestra e dal centrosinistra: entrambi esultano per le vittorie mentre sottolineano il rammarico per le sconfitte

Politica
Il ballottaggio
Terremoto a Rozzano, il Pd dopo 74 anni perde il governo della città

Terremoto a Rozzano, il Pd dopo 74 anni perde il governo della città

Il candidato di Forza Italia, Gianni Ferretti, sostenuto dalla Lega, ha battuto il sindaco uscente Barbara Agogliati con 200 voti di scarto (7211 contro 7008)