Seguici su Fb - Rss

Sabato, 21 Gennaio 2017 11:57
Il dibattito si accende

Di Capua: “Al capogruppo Pd dico che…

Lettera aperta dell’assessore allo sport e al tempo libero alla redazione di pocketnews.it

L'assessore Di Capua, assessore allo sport e al tempo libero di Corsico, con Matteo Salvini, segretario della Lega L'assessore Di Capua, assessore allo sport e al tempo libero di Corsico, con Matteo Salvini, segretario della Lega

Preg.ma redazione di pocketnews.it,
ho letto con vero interesse la vostra intervista al candidato Sindaco del Centro-Sinistra alle prossime elezioni amministrative che si terranno a Corsico nel 2020 e considerato che sono stato tirato in ballo, più volte, sento il dovere di intervenire e dire la mia in merito.


Il candidato Sindaco difatti, nelle sue iperboliche quanto disarmanti risposte commette qualche piccola imprecisione e omissione che penso possa essere per lui e per i Cittadini Corsichesi, positivo sottolineare. Parto dall’inizio dell’intervista in cui il Candidato Sindaco sostiene di essere “orfano”, proprio così, “orfano” e senza alcun punto di riferimento all’interno del suo partito perché l’unico punto di riferimento che aveva, Filippo CIVATI, si è da tempo immemore dimesso; alla faccia della coerenza dico io: una persona di trent’anni, single, consigliere comunale e capogruppo, candidato sindaco in pectore per il centrosinistra del partito che fu di CIVATI, che esprime la propria contrarietà nei confronti dei leader e quindi della linea del suo partito, mi si permetta di dire parafrasando la chiosa della presentazione del personaggio a cui avete rivolto l’intervista: “Lui è Luigi Salerno, un militante IN-capace di prendere posizioni anche diverse da quelle della maggioranza del suo gruppo politico”. Vero infatti è che lui imperterrito continua a stare nel suo bel partito ricoprendo le cariche per le quali è stato eletto e pensando addirittura in futuro, grazie a quel partito, di diventare Sindaco. Oserei dire, bizzarro tutto ciò.


Il Salerno passa poi a fornire a tutti noi la propria analisi politica sui motivi che hanno causato la cocente sconfitta elettorale del 2015, dopo ben 70 anni di egemonia politica nella nostra Città e parla di “scelte politiche errate della passata amministrazione”; Fa riferimento al progetto “nuovo municipio”, allo scadimento del decoro urbano “ma anche” al patto di stabilità e al fatto che gli amministratori PD, nel quinquennio di governo della Città, si sarebbero chiusi nel Palazzo facendo mancare la propria presenza sul territorio. Nulla da dire, un’analisi politica sulle cause della sconfitta del 2015 chiara, puntuale quanto palesemente tardiva.
Il Salerno nella sua intervista parla di candidato “ideale e non”, di sindaco uscente, di mancata ricezione o meglio almeno percezione, dei sentimenti negativi che circolavano in Città, sentimenti poi che hanno determinato la sconfitta, di chi? Del Sindaco uscente. Forse sarebbe opportuno ricordare al consigliere Salerno che in casi come questo, sarebbe saggio e anche costruttivo, nell’esclusivo interesse dell’intera Città, fare nomi e cognomi, perché mai vorremmo, anche se noi, che oggi governiamo la Città, un po’ lo speriamo, che i sindaci uscenti sconfitti non sentano la necessità di ricandidarsi e quindi riproporsi al giudizio dei Cittadini Corsichesi, nella vana speranza che il tempo possa cancellare i ricordi.


Il Salerno accusa l’attuale giunta di non essere particolarmente “qualificata” ed “efficiente” ma soprattutto punta il dito sul fatto che molti assessori non sarebbero “nemmeno” di Corsico, perché, a suo modo di vedere, “un buon amministratore locale dovrebbe conoscere le esigenze che nascono dal territorio…” Beh, questa affermazione ha del ridicolo, vado a braccio e non voglio assolutamente offendere nessuno ma tra i componenti la giunta “Ferrucci” il mix tra inadeguatezza, inefficienza, lontananza geografica dalla Città è stato, lasciatemelo dire, fatale. Tra tutti: assessora ai lavori pubblici; assessore all’urbanistica; assessore al personale e al bilancio e, ciliegina sulla torta, sindaca. Che dire, se in quei cinque anni c’è stata, per dirla come il Salerno, “un’impronta politica alla gestione della cosa pubblica”, beh, di quell’impronta non v’è traccia alcuna.


E a questo punto entra in ballo il sottoscritto, il “deus ex machina” dell’attuale amministrazione; troppo buono il Salerno, lo ringrazio ma come anche lui ben sa, così non è. Non servirà quindi il bieco espediente, più volte utilizzato in questa Consigliatura, di metterci l’uno contro l’altro; i fatti sono altri e conosciuti da tutti: c’è un Sindaco e la sua giunta costituita da gente preparata e volenterosa; i partiti politici che costituiscono l’attuale maggioranza di governo sono uniti, allineati, affiatati e determinati a governare la Città fino al 2025, nell’esclusivo interesse dei Cittadini Corsichesi; l’armonia, così come la definisce il Salerno, è qualcosa che attiene alle relazioni tra persone, tra esseri umani, la Politica è altro la politica DEVE occuparsi degli interessi e dei bisogni della intera Comunità. E allora lascio al Salerno le affermazioni su presunti anelli deboli dell’attuale maggioranza perché non ce ne sono, pensasse piuttosto agli anelli deboli all’interno del proprio partito, quelli sì, piuttosto imbarazzanti.


I numeri con i quali governiamo la nostra Città sono gli stessi che hanno consentito alla Ferrucci di S-governare per cinque anni; per riuscire a distruggere qualcosa, come afferma il Salerno, bisognerebbe trovar traccia di qualcosa di positivamente costruito dalla Giunta Ferrucci; a tal proposito mi sento di fare una domanda al consigliere Salerno e la stessa domanda la rivolgerei, se potessi, a tutti i Corsichesi: Riuscite a dire una cosa, una sola cosa positiva, che ricordate abbia realizzato la Giunta Ferrucci? Se vi va, preg.ma redazione di pocketnews.it, questo potrebbe essere un gioco, divertente non so quanto partecipato, chi può saperlo, che potrebbe essere lanciato dalle vostre pagine.


Il Salerno poi parla del caso mensa fornendo le proprie ricette, dimenticando però che questa amministrazione in poco più di un anno ha ridotto le morosità delle famiglie che non pagavano il servizio da un 12% a meno del 5%, introducendo un principio di equità e giustizia sociale sconosciuto fino a questo momento; per intenderci: tutti devono pagare i servizi che utilizzano, senza alibi e scuse. Chi non è in grado di sostenere queste spese si può rivolgere ai servizi sociali comunali, tutto il resto…


Su questo punto il Salerno e il suo partito in passato, cosa hanno fatto? Assolutamente nulla di ciò che afferma. Sul Piano di Governo del territorio poi il Salerno raggiunge l’apoteosi. Scusatemi ma chi ha costruito a Corsico un intero quartiere, denominato Burgo, ad altissimo insediamento residenziale? In quel caso sono stati costruiti, nonché previsti servizi quali asili, scuole? A me risulta che la Ferrucci, in quel quartiere nuovo, così densamente popolato, le due scuole esistenti, l’infanzia Comunale e la Primaria Battisti le volesse chiudere, o mi sbaglio? E noi dobbiamo confrontarci con tutto ciò? Al Salerno mancava solo la citazione dello Stocco per chiudere in bellezza e toccare il fondo, ma su questo argomento penso si sia detto troppo e le reiterate quanto mirate strumentalizzazioni, nuocciono solo ed esclusivamente alla nostra Città e ai nostri concittadini.


In ultimo, ma non per importanza, qualche consiglio al candidato sindaco per il centro sinistra alle prossime elezioni amministrative del 2020:
• i compagni di viaggio, per essere tali, devono avere pari dignità e non possono essere scelti a seconda delle convenienze; lo spettacolo a cui abbiamo assistito nell’ultima campagna elettorale ad opera del suo partito, è stato vergognoso; azzuffarsi al primo turno, darsele di santa ragione con una lista civica per poi andarci a braccetto nel ballottaggio è stato a dir poco disgustoso e questo gli elettori lo hanno capito bene;
• per costruire, come dice lei, “una proposta alternativa credibile” per il 2020, si dovrebbe anzitutto fare una analisi seria sui reali motivi della vostra sconfitta e ciò non lo avete ancora fatto; lo riconosco, questo è un problema tutto vostro e dei vostri attuali o futuri compagni di viaggio e ve lo lascio volentieri;
• stia sereno il Salerno: noi continueremo ad amministrare Corsico fino al 2020 con la seria e fondata ambizione di farlo fino al 2025, tutto ciò nell’estenuante attesa di vedere una luce, anche flebile, all’interno dell’asfittico panorama politico del centro sinistra locale.
Un grazie di cuore alla redazione di pocketnews.it per lo spazio di replica concessomi.
Cordiali saluti
Giacomo Di Capua

n.d.r
A onor di cronaca, Luigi Salerno, durante l’intervista, che riteniamo straordinaria per analisi e sincerità, non ha mai, nemmeno per un momento, fatto intendere di essere lui il candidato del Pd alle prossime amministrative.  Se qualcuno, e sono molti all’interno del suo stesso partito, ha inteso le sue dichiarazioni come una candidatura, probabilmente è abituato a leggere tra le righe. Noi, invece, siamo abituati a riportare i fatti, le notizie, le affermazioni di chiunque le rilasci nelle righe e non tra le righe.  
Cosimo De Leo
direttore
pocketnews.it

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La "querelle"
 Cusago, tra giunta e opposizione è arrivata l’ora delle carte bollate

 Cusago, tra giunta e opposizione è arrivata l’ora delle carte bollate

Lo scorso 22 novembre è stato notificato il ricorso al Tribunale regionale amministrativo sulla legittimità degli atti e delle delibere adottate

Politica
Amministrative 2020
Primarie del centrosinistra: entro l’8 dicembre si depositano le candidature

Primarie del centrosinistra: entro l’8 dicembre si depositano le candidature

Amministrative 2020: resa pubblica la data per la scelta del candidato, il regolamento e la carta dei valori di Alleanza per Corsico

Politica
La polemica
Assessorato alla gentilezza? Trezzano boccia l’iniziativa del M5s

Assessorato alla gentilezza? Trezzano boccia l’iniziativa del M5s

I gruppi politici al governo della città (Pd e dintorni) si sono dichiarati contrari alla mozione e questo ha sollevato le perplessità di chi l’ha proposta