Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 22 Febbraio 2019 11:40
L'iniziativa

Quartiere Lavagna: al via il progetto per aiutare 500 famiglie bisognose

Si tratta di alcuni nuclei che risiedono nelle vie Curiel, Cellini, Marzabotto e Italia per le quali è necessaria un’azione di recupero sociale

500 famiglie vivono in condizioni di disagio nelle vie Curiel, Cellini, Marzabotto e Italia al quartiere Lavagna 500 famiglie vivono in condizioni di disagio nelle vie Curiel, Cellini, Marzabotto e Italia al quartiere Lavagna

Domani pomeriggio, alle 16, al centro sociale di via Curiel 23, sarà illustrato un progetto promosso dall’amministrazione comunale e finanziato con 250mila euro da Regione Lombardia, progetto che punta a supportare circa 500 famiglie che vivono in condizioni di disagio, che risiedono nelle vie Curiel, Cellini, Marzabotto e Italia al quartiere Lavagna.

Famiglie vulnerabili

Nelle vie interessate, infatti, vivono nuclei con differenti fasce di età, diverse condizioni abitative, situazioni di vulnerabilità (anziani soli, disabili, famiglie monoparentali con minori) e alti tassi di disoccupazione. Si tratta di circa 1500/2000 persone che hanno bisogno di supporti pubblici per “andare avanti”.

Inclusione sociale

Il piano ha come titolo: “Quartiere Lavagna: disegnare nuovi scenari di inclusione sociale”, ed è stato promosso in collaborazione con Aler, Afol Met, la cooperativa sociale Spazio Aperto Servizi, l’Associazione Amapola e la cooperativa Altra Economia. Sarà presentato dal sindaco Filippo Errante e l’assessore alle politiche sociali e alla casa Fabio Raimondo.  

Il sostegno

Di cosa si tratta? Come recita un comunicato stampa diffuso dal comune: “Di tutta una serie di iniziative azioni di promozione e di accompagnamento all’abitare assistito e all’autogestione, di contrasto alla morosità incolpevole”. Nella sostanza è un sostegno alle persone in difficoltà economica che abitano negli appartamenti di edilizia residenziale pubblica Aler del quartiere. È prevista l’apertura di uno sportello al quale rivolgersi per segnalare eventuali situazioni di disagio, corsi di educazione finanziaria e di gestione del proprio patrimonio, iniziative di animazione del quartiere, la cura di spazi comuni degli stabili.

Aiuto concreto

Non solo. Sono previsti anche aiuti concreti per chi non riesce a pagare l’affitto per cause indipendenti la propria volontà. Per coloro che rientrano nella morosità incolpevole è pronta l’attivazione di piani di rientro per pagare l’affitto o le spese della casa che si pagano al gestore. Per chi volesse saperne di più, l'appuntamento è per domani pomeriggio alle 16 al centro sociale di via Curiel.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'accusa
Inquinamento dell’aria a Trezzano, Città metropolitana punta l’indice contro la Vetropack

Inquinamento dell’aria a Trezzano, Città metropolitana punta l’indice contro la Vetropack

Il documento sottoscritto dai responsabili dell’Area Ambiente e tutela del territorio, impone una serie di interventi che riducano le emissioni in atmosfera e sul terreno

Attualità
Il dossier
Trenord,  su ritardi e soppressioni arriva un’interrogazione in Regione

Trenord, su ritardi e soppressioni arriva un’interrogazione in Regione

In un report segreto sono indicati tutti i numeri del disastro: nel 2018, la società di gestione ha mandato in fumo 179 milioni di euro per ritardi e soppressioni

Attualità
Possibili disagi
Lavori alla passerella ciclopedonale: la tangenziale chiude lo svincolo di Assago

Lavori alla passerella ciclopedonale: la tangenziale chiude lo svincolo di Assago

Servirà a collegare la stazione della metropolitana di Assago con l'area "Bazzana Inferiore" a scavalco dell'Autostrada Milano-Genova