Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 20 Febbraio 2019 10:55
Il dibattito

Il sindaco Errante fa harakiri su regolamento e vendita dei beni comunali

Lo scontro in Consiglio comunale è stato durissimo sul piano di alienazione degli immobili di proprietà del comune, che comprende anche l’ex centro anziani titolato a Giorgio Perversi, il Centro Foscolo (chiuso da tre anni) e un’area verde

Nella foto, il sindaco di Corsio Filippo Errante e il ministro degli interno, Matteo Salvini Nella foto, il sindaco di Corsio Filippo Errante e il ministro degli interno, Matteo Salvini

Seppuku e Harakiri sono due termini giapponesi che indicano un rituale per il suicidio in uso tra i samurai. Sia il Seppuku che l’Harakiri venivano eseguiti come espiazione di una colpa commessa o come mezzo per sfuggire ad una morte disonorevole per mano dei nemici. Probabilmente il suicidio (onorevole o disonorevole, dipende dai punti di vista) è l’obiettivo della giunta di Corsico che anche ieri sera ha vissuto un’altra giornata da tregenda.

La frattura

La seduta del consiglio comunale aveva importanti punti all’ordine del giorno: piano di alienazione di beni pubblici e presentazione del bilancio di previsione. Sin dall’’inizio, la frattura tra Forza Italia ed Errante è apparsa evidente. Dei consiglieri azzurri erano presenti solo l’Amoruso, Rispo e Minardo. Assente il capogruppo Valastro, assente l’ex capogruppo Cetrangolo (che dopo gli scontri dei mesi scorsi, sembra abbiano ritrovato una linea comune)

L'affaire Demas

È stata una serata vivace sin dall’inizio. Nel “question time” si è discusso dell’”affaire” Demas, una vicenda di documenti tenuti nascosti (leggi qui) che ha permesso di trasformare un’area artigianale in una commerciale che si trova in via Galeno 4, rilasciata all’azienda che produce abiti da sposa, in deroga al Pgt. Masiero all’attacco, Errante sulla difensiva.

Beni comunali in vendita

Votato all’unanimità il documento che regola il coordinamento delle polizie locali del territorio, lo scontro è diventato durissimo sul piano di alienazione dei beni immobili di proprietà del comune, che comprende anche l’ex centro anziani titolato a Giorgio Perversi, il Centro Foscolo (chiuso da tre anni) e un’area ricevuta in permuta dopo la concessione a costruire un medio centro commerciale all’interno del parco Travaglia.

Numero legale addio

A questo punto, le consigliere di Forza Italia, alla chetichella, hanno lasciato l’aula consiliare. L’opposizione resasi conto che la maggioranza non aveva più i numeri per approvare alcuna delibera, si è alzata e ha abbandonato la seduta, lasciando la giunta, con Errante in testa, con il cerino acceso in mano. Infatti, la mancata approvazione del piano delle alienazioni mette in discussione il bilancio di previsione, visto che ne è parte integrante.

Il programma disatteso

In merito agli attriti tra Forza Italia ed Errante, è forte la presa di posizione di Michele Valastro, capogruppo degli azzurri, che a pocketnews.it ha rivelato come lo scontro in atto verterebbe soprattutto sulla mancanza di rispetto del programma elettorale della coalizione di centrodestra, da parte del sindaco e di alcuni assessori.

Vendita nascosta

Il programma, infatti, prevedeva zero consumo suolo (invece con le deroghe al Pgt si dà la possibilità di nuovi insediamenti commerciali e residenziali). Non solo. L’inserimento nel piano di alienazione dell’area ottenuta in cambio dell’autorizzazione per la realizzazione del centro commerciale al Travaglia, sarebbe stata tenuta all’oscuro a molti consiglieri della maggioranza, soprattutto a quelli targati Forza Italia.

L'harakiri

Anche sull’approvazione delle nuove norme che dovrebbero regolare i lavori del Consiglio comunale (già saltata nelle sedute precedenti), Forza Italia non appare disponibile. Permettere a 8 o 9 consiglieri di votare bilanci, piani regolatori, e via via discorrendo come proposto da Errante, non solo non era previsto dal programma, ma, secondo gli azzurri è "un attentato alla democrazia”. Se Errante dovesse insistere sulle sue scelte, l'harakiri sarà inevitabile.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La polemica
Noi per Corsico denuncia: «Il centrosinistra tenta di colorare il lavoro del Commissario»

Noi per Corsico denuncia: «Il centrosinistra tenta di colorare il lavoro del Commissario»

Nel mirino l’incontro tra Roberto Masiero e la vice prefetto Francesca Iacontini sul prolungamento della metropolitana

Politica
La "querelle"
Rozzano, duello Anselmo-Agogliati sul nuovo regolamento delle associazioni sportive

Rozzano, duello Anselmo-Agogliati sul nuovo regolamento delle associazioni sportive

Le nuove norme disciplinano in maniera diversa l'accesso alle strutture sportive e ai contributi diretti. Molte società dovranno mettersi in regola e adeguare le attività secondo le nuove direttive

Politica
La polemica
Trezzano: nuova variante al Pgt, maggioranza e opposizione affilano le armi

Trezzano: nuova variante al Pgt, maggioranza e opposizione affilano le armi

Pubblicata pochi giorni fa la delibera che mette in moto le procedure per la modifica del Pgt (vecchio piano regolatore)