Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 07 Gennaio 2019 15:22
La grande sfida

Studenti di Corsico e Rozzano in gara per vincere l’oscar dell'innovazione In evidenza

Alla sfida parteciperanno 400 allievi di 6 scuole superiori “adottate” da sei grandi aziende: dovranno produrre un project work sullo sviluppo sostenibile

Nella foto di repertonrio una classe vincitrice del Thumbs Up Youth Award Nella foto di repertonrio una classe vincitrice del Thumbs Up Youth Award

Aziende e scuole di Milano e provincia impegnate nello sviluppo sostenibile. È il fulcro del progetto “Thumbs Up Youth Award”, cui parteciperanno 400 studenti di 6 istituti superiori di Milano e provincia e 6 grandi aziende. Sarà illustrato domani, nell’aula magna dell’Università Cattolica, in largo Gemelli, a Milano.

Le magnifiche sei

Si tratta di un’iniziativa avviata grazie al sostegno di Fondazione Cariplo e alla partnership con l'Università Cattolica del Sacro Cuore.  Le aziende sono di altissimo livello. Si va dalla Snam alla Carrefour Italia, dall’Associazione Banco Alimentare della Lombardia 'Danilo Fossati' Onlus alla RiceHouse, dalla Vortice Elettrosociali alla Gft Italia.

Studenti "adottati"

Ognuna adotterà gruppi di studenti che si sfideranno producendo un project work (70 in totale): 12 finalisti si sfideranno il 19 febbraio davanti a una giuria che decreterà un solo vincitore. Sono quattro gli obiettivi che verranno affrontati: Fame zero; Energia pulita e accessibile; Industria,  innovazione e infrastrutture; Consumo e produzione responsabile.

La prova delle 9 (scuole)

Le scuole di Milano e provincia che hanno aderito faranno scendere in campo le classi terze e quarte sono nove: 4 licei scientifici, 1 linguistico, 2 delle scienze umane, 1 economico-sociale e 1 istituto tecnico. Si tratta del  'G. B. Vico' di Corsico, dell’ 'Italo Calvino' di Rozzano, del 'Primo Levi' di San Donato Milanese, del 'Virgilio' di Milano, del 'P. Bottoni' di Milano e del 'Clemente Rebora' di Rho.

Idee da strutturare

Il progetto prevede un percorso durante il quale gli studenti verranno formati in modo dinamico su competenze trasversali come le capacità di lavorare in gruppo, di sviluppare idee o di elaborare una presentazione scritta. Acquisiranno inoltre le competenze relative allo sviluppo sostenibile, per poi passare, nella seconda fase del progetto, a strutturare la propria idea.

Appuntamento il 19 febbraio

Suddivisi in sottogruppi, saranno accompagnati nel lavoro sulla sfida lanciata dalle aziende sia dai tutor di Associazione Thumbs Up sia dai loro professori interni. I 70 progetti verranno poi valutati dalle rispettive aziende secondo i criteri di professionalità, creatività ed efficacia. I 12 finalisti avranno la possibilità, durante l'evento finale previsto il 19 febbraio nell'Aula Magna dell'Università Cattolica, di fare la loro presentazione orale di fronte a tutti gli studenti, le scuole e le aziende e di venire valutati dalla giuria. È previsto un solo vincitore.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La novità
Andare in ufficio con il proprio cane grazie al «Pets at work»

Andare in ufficio con il proprio cane grazie al «Pets at work»

Un’azienda di Assago permette ai propri dipendenti di lavorare quotidianamente, fianco a fianco del proprio animale da compagnia

Attualità
Dea bendata
Il 10eLotto, premia Rozzano con un 8 da 30mila euro

Il 10eLotto, premia Rozzano con un 8 da 30mila euro

In meno di due settimane sono quindi 80mila gli euro piovuti sulla città: il 6 gennaio la lotteria Italia aveva regalato alla città altri 50mila euro

Attualità
La crisi continua
Ex Sidis, la protesta dei lavoratori arriva al Pirellone

Ex Sidis, la protesta dei lavoratori arriva al Pirellone

L’azienda proprietaria  è stata posta in concordato fallimentare per cui ogni accordo deve necessariamente passare al vaglio del giudice