Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 29 Novembre 2018 10:35
La "querelle"

Scontro Mei – Andreis sulla fuga da Forza Italia di Stefano Maullu In evidenza

Il segretario cittadino chiede all’assessore alla cultura di fare altrettanto. Intanto la consigliera Rispo accusa Errante di non rispettare gli accordi

Nella foto il responsabile locale di Forza Itala e, nel riquadro, l'assessore Andreis Nella foto il responsabile locale di Forza Itala e, nel riquadro, l'assessore Andreis

Due note di colore nella frizzante (si fa per dire) vita politica di Corsico. Entrambe le “pennellate” arrivano dalla torre di Babele che ormai è diventata quella che una volta era Forza Italia. Di forza, ormai, ce n’è ben poca, di Italia ancora meno. Stando almeno ad alcuni comportamenti che definire paradossali è solo un eufemismo.

Vai avanti tu… che a me vien da ridere

La prima riguarda l’assessore alla Cultura Roberto Andreis, la seconda Patrizia Rispo. Il primo applaude alla decisione di Stefano Maullu di lasciare il partito in cui milita (guarda caso Forza Italia, lo stesso per il quale Andreis è stato nominato assessore) per approdare a Fratelli d’Italia, la seconda chiede al sindaco Errante il rispetto di un accordo preso un anno fa: la sua nomina a Consigliere delegato alla “Tutela Animali”.

Decisioni sagge o…

Certo, nel caravanserraglio della politica corsichese può accadere tutto e il contrario di tutto. Può accadere che un assessore di Forza Italia definisca “decisione saggia” quella presa da un suo compagno di partito che trasmigra in un altro partito e “normale” la scelta personale di rimanere nella stessa formazione politica lasciata dal suo sodale. Se lasciare è “una decisione saggia”, è altrettanto “saggio” rimanere? Che sia, invece, una scelta opportunistica? Ma, da quest'orecchio, l'assessore, sembra non sentire.

Togliere il disturbo?

Il quesito è stato sollevato da Roberto Mei, responsabile locale del partito berlusconiano che su un profilo facebook ha scritto, rivolgendosi ad Andreis “Mi aspetto che anche tu prenda la stessa saggia decisione”. Cioè: “Se Forza Italia ti sta sulle balle perché non togli il disturbo?”, domanda logica, visto le premesse. "Giammai!" la risposta mai espressa.

Lo sdegno di Andreis…

Infatti, senza far alcun caso all’incoerenza di ciò che ha scritto e commentato, Andreis sdegnato come solo chi non si rende conto di ciò che significa la sua presa di posizione può essere, ha accusato Mei di fare solo “commenti di cattivo gusto”. Come: commenti di cattivo gusto? Bah! Uno dice: “Bravo perché te ne vai” e tu che rimani, che cosa sei? Misteri della politica. Forse per Andreis, “lasciare (Forza Itafia) è un po’ come morire? Chi, infatti, gli garantirebbe una poltrona di assessore? Nessuno visti i tempi che corrono.

La letterina di Natale

E, a proposito di tempi che corrono, Patrizia Rispo ha inviato al sindaco Errante una lettera in cui dopo aver sottolineato di aver “In questi tre anni di legislatura  svolto il mio ruolo istituzionale nell’ assise del Consiglio Comunale, rispettosa del mandato datomi dai Cittadini”, ricorda che “mai mi sarei aspettata, a un anno di distanza da un accordo da lei sancito con il partito politico di cui mi onoro di far parte, di trovarmi a doverle ricordare l’argomento di tale accordo. Parlo ovviamente e come avrà immediatamente intuito, della mia nomina a Consigliere delegato alla “Tutela Animali”.

Da Andreis ad… Andreis

Il bello è che la promessa le fu fatta proprio al “momento dell’attribuzione delle deleghe assessorili a Roberto Andreis che oltre alla Cultura ereditò dall’ Assessore Lucentini la delega alla Tutela Animali”. “A questo punto  - conclude la lettera - i malpensanti potrebbero sicuramente dire: “ecco un’altra promessa del Sindaco Errante non mantenuta”, e come non dare ragione a chi pensa o dice ciò”.  Già, come non dargli ragione.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:


   

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
Lo scontro
Sulla piscina scoppia la guerra in Consiglio comunale

Sulla piscina scoppia la guerra in Consiglio comunale

Maggioranza e opposizione si sono affrontate sulla variazione di bilancio che ha stanziato 600mila euro per iniziare i lavori della piscina. Dopo aver chiesto il rinvio del punto, la minoranza ha abbandonato l’aula

Politica
Il caso del giorno
Indagine sulle infiltrazioni mafiose, scendono in campo le opposizioni

Indagine sulle infiltrazioni mafiose, scendono in campo le opposizioni

I gruppi di minoranza in Consiglio comunale hanno diffuso un comunicato stampa congiunto sulla commissione prefettizia che sta indagando su possibili presenze criminali nel Comune di Corsico

Politica
La polemica
Chiara Crosti; “Io non sono cambiata, è cambiato il M5s”

Chiara Crosti; “Io non sono cambiata, è cambiato il M5s”

Lettera aperta del neo-consigliere comunale di Trezzano accusata dai militanti del Movimento 5 Stelle di aver usurpato il seggio di Guido Nani