Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 22 Novembre 2018 14:45
Il caso del giorno

Indagine sulle infiltrazioni mafiose, scendono in campo le opposizioni

I gruppi di minoranza in Consiglio comunale hanno diffuso un comunicato stampa congiunto sulla commissione prefettizia che sta indagando su possibili presenze criminali nel Comune di Corsico

Nella foto di repertotio, il Consiglio comunale di Corsico Nella foto di repertotio, il Consiglio comunale di Corsico

Ecco il testo:

Da poco più di due giorni la Prefettura ha insediato una Commissione di accesso presso il Comune di Corsico con l'obiettivo di effettuare un’indagine su possibili infiltrazioni di tipo mafioso all'interno della macchina comunale. Questa iniziativa della Prefettura è stata assunta in base all’art. 143 del TUEL, intitolato: “Scioglimento dei consigli comunali e provinciali conseguente a fenomeni di infiltrazione e di condizionamento di tipo mafioso o similare. Responsabilità dei dirigenti e dipendenti”.

Questo articolo chiarisce che i consigli comunali e provinciali vengono sciolti quando emergono concreti, univoci e rilevanti elementi su collegamenti diretti o indiretti con la criminalità organizzata di tipo mafioso o similare degli amministratori o di dirigenti e dipendenti, ovvero forme di grave condizionamento degli stessi. Al fine di verificare la sussistenza di tali elementi, il prefetto nomina una commissione d'indagine, composta da tre funzionari della pubblica amministrazione, attraverso la quale esercita i poteri di accesso e di accertamento di cui è titolare per delega del Ministro dell'interno.

Entro tre mesi dalla data di accesso, rinnovabili una volta per un ulteriore periodo massimo di tre mesi, la commissione termina gli accertamenti e rassegna al prefetto le proprie conclusioni. È pertanto chiaro che una Commissione di accesso – nel caso di Corsico costituita addirittura da 3 funzionari più una decina di altri esperti – si insedi con precise motivazioni; concreti segnali di allarme devono quindi essere stati colti dalle autorità competenti.

Mentre attendiamo con rispetto i risultati del lavoro della Commissione di indagine, non possiamo esimerci dal manifestare la nostra preoccupazione per la vasta presenza della criminalità mafiosa nella nostra zona.
Peraltro, le numerose richieste di costituzione di una Commissione Antimafia permanente da noi promosse non sono mai state accolte dall’Amministrazione e anche il tavolo per la legalità - più volte annunciato - non ha mai visto la luce.

Noi affermiamo con fermezza che il contrasto alla criminalità organizzata di tipo mafioso non può più essere sottovalutato ed anzi va affrontato con decisione e responsabilità, chiarendo alla base ogni possibile segnale di pericolo di infiltrazione. Per questo motivo, noi Consiglieri di Corsico per Masiero, Insieme per Corsico e Partito Democratico accogliamo positivamente l’indagine promossa dalla Prefettura, ne attendiamo rispettosamente gli esiti e auspichiamo che la Commissione chiarisca qualsiasi dubbio riguardante possibili infiltrazioni nel nostro Comune.

I Consiglieri Comunali delle liste Corsico per Masiero, Insieme per Corsico e Partito Democratico

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:


 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
Lo scontro
Sulla piscina scoppia la guerra in Consiglio comunale

Sulla piscina scoppia la guerra in Consiglio comunale

Maggioranza e opposizione si sono affrontate sulla variazione di bilancio che ha stanziato 600mila euro per iniziare i lavori della piscina. Dopo aver chiesto il rinvio del punto, la minoranza ha abbandonato l’aula

Politica
La "querelle"
Scontro Mei – Andreis sulla fuga da Forza Italia di Stefano Maullu

Scontro Mei – Andreis sulla fuga da Forza Italia di Stefano Maullu

Il segretario cittadino chiede all’assessore alla cultura di fare altrettanto. Intanto la consigliera Rispo accusa Errante di non rispettare gli accordi

Politica
La polemica
Chiara Crosti; “Io non sono cambiata, è cambiato il M5s”

Chiara Crosti; “Io non sono cambiata, è cambiato il M5s”

Lettera aperta del neo-consigliere comunale di Trezzano accusata dai militanti del Movimento 5 Stelle di aver usurpato il seggio di Guido Nani