Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 31 Ottobre 2018 10:51
Cambio ai vertici

Forza Italia, Valastro è il nuovo capogruppo in Consiglio comunale In evidenza

“Dimissionato” Cetrangolo che non riusciva più a gestire il gruppo e a garantire sostegno alla maggioranza. Per questo motivo Errante aveva chiesto le dimissioni in bianco degli assessori Basile e Lucentini

Nella foto, Michele Valastro, nuovo capogruppo di Forza Italia al Consiglio comunale di Corsico Nella foto, Michele Valastro, nuovo capogruppo di Forza Italia al Consiglio comunale di Corsico

Dopo settimane, anzi mesi, di tempesta, in Forza Italia, a Corsico, dovrebbe tornare il sereno. Almeno così sperano la pattuglia di elettori che ancora tifa per gli azzurri e il coordinatore provinciale del partito Graziano Musella (molti capelli bianchi gli sono venuti causa caos forzista post stocco). Il condizionale è d’obbligo perché visti gli umori e le prese di posizione che ogni consigliere comunale ha adottato negli ultimi tempi, non è detto che i mal di pancia siano tutti passati.

La novità

La novità è la nomina di Michele Valastro a capogruppo in Consiglio comunale, al posto di Fioravante Cetrangolo. Valastro, 66 anni, sposato con una figlia, ex dipendente delle Ferrovie Nord. È un politico di lungo corso (da vent’anni milita in Forza Italia), e possiede l’esperienza neccessaria a tenere a bada gli umori e le aspettative dei suoi compagni di partito. Per vedere se il buongiorno si vede dal mattino, però, va ricordato che durante uno degli ultimi consigli comunali, Valastro aveva accusato il sindaco Errante di comportarsi come un podestà nelle scelte amministrative e chiesto maggiore collegialità nelle scelte.

Il passo in dietro

È stato eletto ieri sera al termine di una riunione del gruppo consiliare con quattro voti favorevoli e uno contrario. Il contrario è, appunto, il voto di Cetrangolo, che in un incontro avvenuto lo scorso weekend, a margine della presentazione del candidato sindaco di Assago, Laura Carano, aveva a malincuore garantito a Graziano Musella, coordinatore provinciale di Forza Italia, che avrebbe fatto un passo in dietro.

4 a 1 e palla al centro

Ieri sera, invece, Cetrangolo avrebbe tentato di non fare alcun passo indietro e nemmeno di lato. Secondo notizie raccolte da pocketnews.it avrebbe ritirato la sua disponibilità e sarebbe andato allo scontro, mettendo ai voti la scelta del nuovo capogruppo. Ha perso per 4 a 1.

Assessori dimissionati

E sempre per non farsi mancare nulla, va registrata una voce secondo la quale, in una riunione di giunta avvenuta la scorsa settimana, il sindaco Filippo Errante, di fronte al caos provocato durante gli ultimi consigli comunali dai consiglieri di Forza Italia (voti contrari e mancanza di numero legale) avrebbe chiesto agli assessori Sebastiana Basile e Lucia Lucentini la firma delle loro dimissioni.  

Spalle al muro

Dimissioni che il sindaco avrebbe tenuto nel cassetto in attesa di capire da chi, all’interno di Forza Italia, le due sono sostenute. Una specie di armageddon da usare se i capricci di questo o quel consigliere fossero continuati. Quello di Errante quindi sarebbe stato un tentativo per mettere con le spalle al muro Forza Italia e avere la conferma se il partito è compatto o meno nel sostegno alla sua maggioranza. Naturalmente, i due assessori si sono rifiutati.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
Amministrative 2019
Rozzano, la «guerra dei Roses» infiamma la Confcommercio

Rozzano, la «guerra dei Roses» infiamma la Confcommercio

Rischia di finire in tribunale la “querelle” che vede contrapposto Francesco Belluscio da una parte e i vertici locali dell’associazione dei commercianti

Politica
Obiettivo Elezioni
Il sindaco Agogliati perde i pezzi della sua maggioranza

Il sindaco Agogliati perde i pezzi della sua maggioranza

I consiglieri di Mdp – Articolo 1 escono dalla coalizione di governo della città: d’ora in poi voteranno ogni singolo provvedimento

Politica
Amministrative
Elezioni 2019: tra accuse di tradimento e voltafaccia, la politica alle grandi manovre

Elezioni 2019: tra accuse di tradimento e voltafaccia, la politica alle grandi manovre

Il progetto di mettere insieme tutte le anime dell’opposizione varato appena un anno fa a Cusago, forse per ambizioni personali, non è mai veramente decollato