Seguici su Fb - Rss

Sabato, 15 Settembre 2018 15:13
Siamo alle solite

Corsico, vandali all’assalto del parco della Resistenza In evidenza

A soli pochi giorni dall’entrata in vigore dell’ordinanza che impone la chiusura notturna, divelto un cancello e danneggiato un gioco dell’area bimbi

Il cancello divelto questa notte dai vandali che hanno assaltato il parco Resistenza Il cancello divelto questa notte dai vandali che hanno assaltato il parco Resistenza

“Parchi chiusi la sera? Li apriamo noi” devono essersi detti i vandali che questa notte hanno divelto il cancello che chiude il viale di accesso al parco Resistenza, al confine tra Corsico e Buccinasco. Non solo. I vandali o i delinquenti autori della bravata, si sono accaniti anche contro i giochi riservati ai bambini.

Nemmeno un mese…

Non è passato nemmeno un mese da quando è entrata in vigore l’ordinanza sottoscritta dal sindaco Errante con la quale è stata imposta, “per i parchi di viale della Resistenza e di via Fermi, per il periodo da aprile a ottobre, la chiusura alle 23 e la riapertura alle  6 del mattino. La stessa ordinanza indica che, per il periodo da novembre a marzo la chiusura dovrebbe avvenire alle 22, mentre il sottopassaggio di viale Italia rimarrà chiuso dalle 19 alle 6.30”.

Le polemiche pre-vacanze

La decisione degli amministratori corsichesi, come spesso accade in città, era stata accolta da una valanga di polemiche pre-vacanze estive. Su un fronte si erano schierati coloro che preferivano e preferiscono che i parchi siano perennemente lasciati a disposizione dei residenti, imputando all’amministrazione la mancanza di vigilanza e prevenzione in tema di ordine pubblico che periodicamente le aree in questione vivono e hanno vissuto.

La gimkana

Sul fronte opposto, chi aveva accolto favorevolmente la decisione, inquadrandola in un’ottica di tutela del patrimonio pubblico corsichese.  Molti lamentavano la presenza di spacciatori e, la sera, di molte prostitute. In alcune occasioni, l’intervento dei carabinieri aveva portato all’arresto di alcuni pusher. "La nostra scelta – aveva detto Errante – nasce dalla volontà di preservare le aree verdi di Corsico da vandali e delinquenti che devastano tutto ciò che gli capita sotto tiro”.  Gli episodi sono come grani di un rosario. Proprio al parco della Resistenza, poco più di dodici mesi fa erano state distrutte alcune panchine in pietra e ferro . Non solo. Una minicar aveva fatto irruzione nel parco e aveva dato vita a una folle gimcana tra i sentieri.

"Vigliacchi" 

Anche per l’episodio di questa notte, Errante non si è fatto pregare e sul suo profilo facebook ha pubblicato un post che dopo aver definito "Vigliacchi" gli autori del gesto, si chiude così: “Ancora una volta chi non ha gradito la chiusura dei parchi perché così gli si impedisce di spacciare e delinquere, danneggia i più piccoli. Ma noi non ci fermeremo!”

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
In cella a san Vittore
Minacciava i vicini con dei coltelli, arrestato un 32enne colombiano

Minacciava i vicini con dei coltelli, arrestato un 32enne colombiano

Le liti scoppiavano per l’abitudine del colombiano di organizzare una serie di festini all’interno della propria abitazione che duravano sino a notte inoltrata

Cronaca
Niente cerimonia
‘Ndrangheta, funerali privati per il boss Francesco Barbaro

‘Ndrangheta, funerali privati per il boss Francesco Barbaro

Era stato uno dei protagonisti della stagione dei sequestri e stava scontando la condanna all’ergastolo per l’omicidio di un carabiniere commesso assieme ad Antonio Papalia

Cronaca
Violenza
Perseguita una giovane cubana, 67enne finisce a San Vittore

Perseguita una giovane cubana, 67enne finisce a San Vittore

Gli accertamenti degli investigatori hanno rivelato che l’uomo aveva più volte tentato di avviare una relazione sentimentale con la donna