Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 27 Giugno 2018 10:01
Corsico cambia look?

Nuovo Piano regolatore per l'asse Naviglio-ferrovia: più aree verdi e palazzi alti fino a 15 piani

Il team di tecnici incaricati a redigere la bozza della variante al Pgt di Corsico ha presentato le sue proposte. Il dibattito si sposta in Consiglio comunale, ma già le tensioni politiche sono emerse da un botta e risposta tra il sindaco Errante e la consigliera del m5s Marchetti

La variante del Pgt è stata presentata ai numerosi cittadini, accorsi ieri sera nell'ultimo dei dibattiti pubblici organizzati sul tema dall'amministrazione Errante nella sala La Pianta La variante del Pgt è stata presentata ai numerosi cittadini, accorsi ieri sera nell'ultimo dei dibattiti pubblici organizzati sul tema dall'amministrazione Errante nella sala La Pianta

di Antonio Casa

Maggiori aree verdi pubbliche, meno aree private edificabili ma con la possibilità di costruire palazzi più alti rispetto al regolamento vigente. E' quanto prevede la proposta del team dei tecnici chiamati a redigere la bozza della variante generale al Piano di governo del territorio (Pgt) di Corsico, nell'asse fra il Naviglio e la ferrovia. Come nel caso della proposta sull'area Atm a ridosso della Vecchia Vigevanese, anche questa è stata presentata ai residenti accorsi ieri sera nell'ultimo dei dibattiti pubblici organizzati sul tema dall'amministrazione Errante nella sala La Pianta. Sia nel primo che nel secondo caso, si tratta di problemi di natura urbanistica che opprimono la città da almeno 30 anni.

Le due zone: est e ovest

Dal punto di vista di orientamento geo-progettuale, l'area compresa fra il Naviglio e la linea ferrata è stata suddivisa in due parti. La est fa capo a Dicalite-Perlite, Cascina Robarello, Molinetto, Parco Pozzi, area ex Pozzi, l'area della stazione; nel settore ovest primeggia l'area ex Burgo, l'area ex Posta e l'Alzaia Burgo. Si tratta di aree di altissimo pregio che potrebbero diventare il cuore pulsante della città, ed è in base a ciò che si deciderà di realizzare che dipende il volto futuro di Corsico. Sull'argomento sia la maggioranza che amministra il paese, sia la minoranza stanno affilando le armi per quella che presto si trasformerà in una battaglia politica.

Dicalite-Perlite con verde e alti palazzi

Intanto queste sono le proposte. Nell'attuale zona Dicalite-Perlite l'indice di edificabilità sarebbe aumentato passando da 0,38 a 0,45 mq/mq e la superficie fondiaria per aree private aumenterebbe di 270 metri quadrati. “Finora nessuna delle previsioni del Piano vigente (che scadrà nel 2019) è stata attuata” ha precisato l'architetto Fabrizio Ottolini. Per il futuro, il team di tecnici in quella zona pensa a una grande area verde a ridosso del Naviglio, arretrando la linea dei palazzi che però potrebbero avere altezze fino a quindici piani. “Maggiore altezza per noi significa dare maggiore qualità” ha spiegato Ottolini. Anche il Pgt vigente, ha ricordato, afferma che l'altezza indicata di nove piani può essere superata in base alla sostenibilità dei progetti. Tutte le attività produttive andrebbero altrove. Una zona residenziale con uffici, abitazioni e servizi. Nell'area stazione viene previsto un ampliamento dell'attuale parcheggio.

Area ex Burgo: da quartiere dormitorio a “flessibile”

Anche nella zona ovest (verso Trezzano) i tecnici vedono la possibilità di edificare palazzi alti. “Flessibilità progettuale, seguendo l'esempio della vicina Milano” ha detto Ottolini. In questa zona l'obiettivo è di attrarre i servizi che attualmente mancano del tutto, legati soprattutto al piccolo commercio e al completamento della viabilità. Condizione negativa quest'ultima, espressa da più di uno dei residenti intervenuti nel dibattito conclusivo, perché per muoversi bisogna fare giri immensi, anche per comprare della semplice frutta di stagione. Occorre poi coprire il fabbisogno di parcheggi per i residenti, fornire maggiore sicurezza a ciclisti e pedoni e nuove aree a uso pubblico per il quartiere Parco delle colline.
Nessuna idea, invece, per l'area ex Posta. “Non sarebbe male – secondo i tecnici – che le Poste tornassero con un loro impianto funzionante.”

Botta-risposta Marchetti-Erranti

Adesso il dibattito si sposterà in sede politica, nelle commissioni consiliari e nell'aula del palazzo di città. Ed è gioco facile prevedere che il livello dello scontro assumerà toni da angiporto. Ieri c'è stato un preludio di quanto potrebbe accadere, con un accenno di polemica fra la consigliera Franca Marchetti (M5s) e il sindaco. Marchetti si è dichiarata critica verso la bozza di variante nell'area Dicalite-Perlite “perché favorisce interessi privati rispetto al bene pubblico.” Risposta gelida di Errante: “Si assuma la responsabilità di quello che ha appena dichiarato in pubblico.” Una schermaglia, rispetto a quel che accadrà nei prossimi giorni.

seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

1 commento

  • Link al commento ing. arch. de Rinaldo Elio Mercoledì, 27 Giugno 2018 12:36 inviato da ing. arch. de Rinaldo Elio

    .... e bastaaaa... con questa inconcludente battaglia politica fra destra e sinistra.... si vada tutti alla ricerca di un 'comune denominatore' che possa essere accettato (votato a maggioranza dalle parti in gioco) al fine di arrivare al soddisfacimento di un reale interesse del cittadini.... non sarà facilissimo... ma almeno si avrà la consapevolezza di aver partecipato tutti in positivo sui problemi reali della gente....

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Scelti dai cittadini
Cesano ricomincia da sei (progetti per riqualificare la città)

Cesano ricomincia da sei (progetti per riqualificare la città)

Ammessi al voto sei proposte coprogettate dai residenti: fino al 14 ottobre è possibile scegliere. La più votata verrà finanziata e realizzata dal Comune

Attualità
L'annuncio
Sorveglianza di quartiere, da Buccinasco a Milano e dintorni

Sorveglianza di quartiere, da Buccinasco a Milano e dintorni

Sicurezza: parte anche a Milano la sperimentazione del controllo del territorio con gruppi whatsapp

Attualità
La novità
Trezzano potenzia i trasporti interni e verso il capolinea della MM

Trezzano potenzia i trasporti interni e verso il capolinea della MM

Aggiunto un’ulteriore corsa del servizio di trasporto pubblico all’interno del territorio comunale, aumentate le fermate della 327