Seguici su Fb - Rss

Domenica, 17 Giugno 2018 09:59
Omicidio nella notte

Senegalese assassinato a Corsico, le indagini puntano in più direzioni

Criminalità o razzismo? Tocca agli investigatori dipanare l'intricata matassa che al momento avvolge l'agguato di questa notte

L'agguato è scattato a poche decine di metri dall'ex edicola che si affaccia sulla Nuova Vigevanese L'agguato è scattato a poche decine di metri dall'ex edicola che si affaccia sulla Nuova Vigevanese

Potrebbero prendere la strada dell’omicidio a sfondo razziale le indagini sull’omicidio di Assan Diallo, il senegalese padre di una figlia di undici anni, assassinato questa notte a Corsico, al quartiere Lavagna. Secondo le testimonianze raccolte dai carabinieri, Assan aveva litigato con uno sconosciuto che lo aveva inseguito sin sulla soglia di casa. La lite sarebbe scoppiata a causa del colore della pelle dell’emigrato. Ma ci sono degli aspetti della vicenda che gli investigatori stanno vagliando con molta attenzione.

Quartiere ad alta densità malavitosa

I militari hanno raccolto anche la testimonianza della moglie, Olivia. Sperano, grazie a lei di ricostruire le ultime ore del marito: chi ha incontrato, se ha ricevuto delle telefonate, se ha telefonato a qualcuno, se avesse contatti con il mondo della malavita. Al momento, infatti, gli investigatori non escludono alcuna pista. Il Lavagna, osservano in caserma, è un quartiere ad alta densità malavitosa e Assan Diallo potrebbe, consapevolmente o inconsapevolmente, aver avuto contatti con la microcriminalità locale. Che però, difficilmente ricorre all’uso delle armi.

Uno sgarbo?

E allora? Potrebbe essere un gesto conseguenza di uno sgarbo? Anche il luogo dove è avvenuto l’omicidio potrebbe avere il suo significato simbolico. L’agguato infatti è scattato a pochi metri da un bar chiuso nei mesi scorsi perché frequentato principalmente da pregiudicati e malavitosi. Verso l’ipotesi criminale puntano anche le modalità: assalto nella notte, una pistola automatica, sette o otto colpi esplosi (due dei quali alla testa, come se fosse un’esecuzione).

Omertà

Al momento i vicini di casa di Assan raccontano di un uomo solare, sempre sorridente, sempre pronto a mettersi a disposizione degli altri. Gli stessi vicini, però, sembra non abbiano visto né sentito niente. Al Lavagna, dicono i carabinieri è normale, sul quartiere regna ancora un clima impregnato di omertà che il tempo non ha ancora scalfitto, come avvenuto in altre zone di Corsico e Cesano Boscone.

Movente razzista?

Ed è proprio a Cesano Boscone, all’edicola che si affaccia sulla Nuova Vigevanese, che Assan il giorno prima della sua morte aveva litigato con uno sconosciuto. I due episodi sono legati da un sottile filo rosso? Al momento quindi resta solo l’esecuzione a bruciapelo di un uomo ritenuto socialmente non pericoloso. Allora perché è stato ucciso. La moglie indica nel razzismo il vero movente dell'omicidio. Non bisogna dimenticare che l'uomo si occupava di sicurezza in alcuni locali e integrava il suo reddito con piccoli lavoretti saltuari. Criminalità o razzismo? Tocca agli investigatori dipanare una matassa che al momento appare intricata.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
L'incidente
Amputata a un 16enne una falange del piede mentre è nell’azienda del padre

Amputata a un 16enne una falange del piede mentre è nell’azienda del padre

È accaduto in una officina meccanica che sorge in via Fleming, a Trezzano, al quartiere Boschetto, a poca distanza dalla Rimaflow

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Cesanese di 36 anni in manette per spaccio di cocaina

Cesanese di 36 anni in manette per spaccio di cocaina

I carabinieri lo hanno sorpreso in via Pasubio mentre cedeva a un suo cliente una dose di cocaina

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Corsico, in manette marito e moglie per spaccio di cocaina

Corsico, in manette marito e moglie per spaccio di cocaina

La coppia di coniugi abitava in via Copernico. L’accusa nei loro confronti è di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti