Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 21 Maggio 2018 19:02
Il Comune rivela le cifre

Mensa, tutti i numeri del “Metodo Errante”

Il debito complessivo dal 2009 al 2015, che era di 1.227mila euro circa, si è ridotto a 796mila euro mentre sono inviati 135 preavvisi e comunicazioni di fermo amministrativo dei veicoli

Nell'immagine di repertorio, una mensa scolastica Nell'immagine di repertorio, una mensa scolastica

Erano diventati una specie di chimera, i dati su costi, risparmi e recupero crediti riferiti alla mensa scolastica di Corsico dall’introduzione del cosiddetto “Metodo Errante”. Erano stati richiesti da consiglieri comunali e da forze politiche sia di maggioranza, sia di opposizione. Finalmente sono arrivati. Dopo essere stati annunciati durante l’ultimo Consiglio comunale, sono stati resi noti nel pomeriggio mediante una nota diffusa dall’ufficio stampa del comune.

135 fermi amministrativi

Secondo i primi numeri riportati nel documento, il  tasso di morosità sarebbe passato dal 12% pre- Errante al 5% circa attuale e i debiti pregressi ridotti di quasi 400mila euro. In quest’ambito sarebbero 135 i preavvisi di fermo amministrativo dei veicoli di proprietà dei  debitori. Nella nota si sottolinea che “se fino al 2014 i solleciti per la refezione scolastica erano continuati a crescere arrivando a 262mila euro circa, dal 2015 si registra un'inversione di tendenza. Non solo: è cresciuta anche la quantità di denaro recuperato e relativo agli anni dal 2009 in avanti”.

Le polemiche

Era  stato il sindaco Filippo Errante ad avviare, fin dal luglio 2015, un intervento per arginare la crescita, anno per anno, del debito, fino ad arrivare, nel gennaio 2016, alla sospensione del servizio per chi non paga. Una scelta che aveva provocato una marea di polemiche sullo stesso concetto di mensa scolastica: un servizio a disposizione di tutta la comunità, quindi anche per i meno abbienti o solo a disposizione di chi può permettersi di pagare? “Non ho fatto nient'altro che gestire la cosa da buon padre di famiglia – ha sottolineato il primo cittadino Molte persone non pagavano o perché così facevano altri o perché consideravano il pagamento come un aspetto secondario. Quando ho chiesto di sospendere l'erogazione dei pasti, tutelando le fasce più deboli della popolazione, certa politica e certa stampa mi hanno attaccato frontalmente. La mia impostazione però è stata poi copiata da altri Comuni”.

Il Comune dà i numeri

Dai documenti emerge che  sono stati effettuati 447 piani di rateizzazione a favore degli utenti debitori che ne hanno fatto richiesta. Dal 2009 al 2016 sono state emesse 14.002 lettere di sollecito, 418 raccomandate per ingiunzione fiscale e in fase cautelare sono stati inviati 135 preavvisi e comunicazioni di fermo amministrativo dei veicoli.  Il debito complessivo dal 2009 al 2015, che era di 1.227mila euro circa, si è ridotto a 796mila euro. Sempre secondo i dati, il Comune è riuscito a riscuotere anche debiti precedenti al 2015. Per esempio, in riferimento al 2014, in cui gli importi di solleciti ammontavano a 262mila euro circa, l'incassato è stato di oltre 110mila euro. Nel 2015, su 181mila euro di solleciti ne restano ancora da incassare solo 42mila. 

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'emergenza
Parte da Corsico l’allarme batterio Listeria nel salmone della Coop

Parte da Corsico l’allarme batterio Listeria nel salmone della Coop

La listeriosi, secondo Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", può provocare nausea, vomito e diarrea, ma anche infezioni più gravi, come la meningite

Attualità
L'emergenza
Allarme Legionella a Rozzano, secondo l’autorità sanitaria la situazione è sotto controllo

Allarme Legionella a Rozzano, secondo l’autorità sanitaria la situazione è sotto controllo

Domani, venerdì 10 agosto, verrà effettuato un secondo campionamento dell’acqua post bonifica con l’invio dei prelievi al laboratorio di analisi per verificare l’efficacia del trattamento

Attualità
La novità
Ambiente: Buccinasco nel progetto pilota del gruppo Cap

Ambiente: Buccinasco nel progetto pilota del gruppo Cap

Verranno forniti una serie di strumenti che permetteranno di affrontare meglio pianificazione territoriale e costruzioni locali