Seguici su Fb - Rss

Martedì, 13 Marzo 2018 09:01
Il provvedimento

Finisce agli arresti domiciliari l’accoltellatrice di Corsico In evidenza

L’aggressione aveva avuto un testimone: il figlio di cinque anni della donna ferita, poi affidato ai servizi sociali

La donna è stata accusata di aggressione aggravata La donna è stata accusata di aggressione aggravata

Arresti domiciliari. Questo il provvedimento che i giudici hanno preso nei confronti della donna che domenica, poco prima di mezzogiorno, ha accoltellato la sua coinquilina, in un appartamento di piazza Europa 32, a Corsico. È stata accusata di aggressione aggravata.

Futili motivi

L’arrestata trascorrerà i domiciliari nella casa di un suo parente, lontano da quella in cui è avvenuto l’episodio di sangue. Le due, tra le quali probabilmente c'era una relazione sentimentale, erano state protagoniste di una lite scoppiata per futili motivi, poi sfociata nell'accoltellamento. Esasperata dalla tensione, una aveva impugnato una lama da cucina e aveva colpito l'altra procurandole ferite all’addome e alla spalla. Quando i carabinieri sono intervenuti, l'hanno trovata in una pozza di sangue.

Il testimone

L’aggressione aveva avuto un testimone: il figlio di cinque anni della donna ferita, che era stato affidato ai servizi sociali e che tornerà dalla madre appena sarà dimessa dall’ospedale San Paolo dove era stata ricoverata in codice giallo.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Siamo alle solite
Corsico, vandali all’assalto del parco della Resistenza

Corsico, vandali all’assalto del parco della Resistenza

A soli pochi giorni dall’entrata in vigore dell’ordinanza che impone la chiusura notturna, divelto un cancello e danneggiato un gioco dell’area bimbi

Cronaca
In attesa della sentenza
Omicidio Tromboni, Il Pg chiede la conferma dell’ergastolo per il fratello dell’imprenditore ucciso

Omicidio Tromboni, Il Pg chiede la conferma dell’ergastolo per il fratello dell’imprenditore ucciso

L’assassinio era avvenuto a Rozzano nel marzo del 2015. Il movente? Problemi tra i due congiunti nella gestione della ditta di famiglia che produceva viti e bulloni

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Baby gang: rapine in stazione a Corsico, presi giovanissimi

Baby gang: rapine in stazione a Corsico, presi giovanissimi

Facevano parte della banda protagonista di un assalto sul treno Albairate Saronno, diretto a Milano