mercoledì - 21 Febbraio 2024
HomeNewsCorsicoCorsico è una città razzista con gli anziani? Alla domanda risponde Vittorio...

Corsico è una città razzista con gli anziani? Alla domanda risponde Vittorio Feltri

Il giornalista ha pubblicato una lettera inviata da una corsichese alla redazione del Giornale

corsico-feltri
Nella foto, la sede del Pd di Corsico e, nel riquadro, Vittorio Feltri

Corsico è una città razzista con i propri anziani? Il quesito è stato sollevato da una corsichese che ha inviato alla redazione del Giornale una lettera in cui ha elencato le difficoltà cui vanno incontro gli anziani che abitano il suo quartiere, difficoltà che nessuno sembra voler risolvere: né istituzioni locali, né quelle regionali e nemmeno quelle nazionali. Il giornalista ha pubblicato sul quotidiano milanese lettera e risposta. Ed è arrivato a una conclusione: “Misera e cadente la società che non ha a cuore la sua parte più sapiente: gli anziani”. Il dibattito è aperto: Corsico è una città razzista nei confronti dei suoi anziani?

Anziani bistrattati

La lettera è firmata da Federica Gilardoni. Che ha scritto: “Mi ha colpito quello che Lei ha detto successivamente agli auguri di buon compleanno e cioè che c’è un certo razzismo nei confronti degli anziani. È assolutamente vero! Gli anziani sono bistrattati anche dalle istituzioni. In via Copernico, comune di Corsico a guida Pd, ci sono molti anziani di cui non frega niente a nessuno. Esempio: niente mezzi pubblici, o meglio, c’è un solo mezzo, il bus 64, assolutamente inadeguato perché passa con una frequenza di 8-10 minuti e soltanto nelle ore di punta, poi ogni 20-30 minuti”.

Il bus del desiderio

“La gente – ha proseguito la signora Gilardoni – deve aspettare in piedi il bus del desiderio perché il Comune ha tolto anche la panchina in prossimità della terza fermata direzione Milano. C’è una pensilina Atm vecchio stile che cade a pezzi, davanti alla fermata hanno ricavato un parcheggio così la gente deve passare fra le auto per salire sul bus che deve fermarsi in mezzo alla strada invece che a filo marciapiede. I marciapiedi poi di via Copernico sono impraticabili: avevano promesso di rifarli più di due anni fa, invece hanno rifatto solo la strada”.

Assoluta indifferenza

“Non hanno soldi? – ha concluso – Povero Comune! Che però ha speso ben 149.000,00 euro per la Festa di Corsico e ne spenderà altrettanti per festeggiare il Natale. Abbiamo protestato anche per iscritto sia al Comune che alla Atm: nessuna risposta. Abbiamo segnalato lo spreco per la Festa di Corsico alla Corte dei Conti: nessuna risposta. Mandato copie dei reclami alla Procura di Milano: nessuna risposta. Questa assoluta indifferenza di fronte al disagio dei cittadini soprattutto anziani che cos’è se non RAZZISMO?

La risposta di Feltri

“Concordo pienamente con te – ha scritto il giornalista – e sovente mi sono sentito obbligato a mettere in luce questa discriminazione imperante nei confronti degli anziani, argomento di cui mi occupo anche nel mio ultimissimo libro, uscito nelle librerie neppure un mese fa. I vecchi aumentano sempre di più e diventano peraltro sempre più vetusti, tanto che cresce pure il numero dei centenari ed ultracentenari, tuttavia questo fenomeno non si accompagna ad una maggiore attenzione nei riguardi di una fetta importante di popolazione, semmai paradosso monta contestualmente una sorta di insofferenza verso la terza e quarta età: i nonni sono addirittura odiati, trasformati nel capro espiatorio di tutte le frustrazioni sociali, ghettizzati, isolati, tanto che sono milioni quelli che campano nella solitudine”.

Abbandonati da tutti

“Perdono – ha continuato – il coniuge, vengono abbandonati dai figli, la società non li considera e si ritrovano a vivere in una specie di isolamento lenito soltanto dalla presenza di un quattrozampe, angelo custode e fonte di amore. Va peggio a coloro che, raggiunta una certa età, vengono rinchiusi in ospizi che assomigliano più a lager che a case di riposo. Non riesco ad immaginare un destino più tragico: permanere lì, imprigionati, subire maltrattamenti, vessazioni, angherie, violenze, attendendo la morte come fosse una sorta di liberazione da quell’inferno quotidiano. Fatti rari? Eccezioni? Quanto vorrei poterlo credere, invece la cronaca ci racconta troppo di frequente realtà di questo tipo, che ci fanno accapponare la pelle. Se ne parla per qualche minuto e poi tutto termina lì, nessuno scende in piazza per i vecchi, nessuno si indigna, nessun giornale insiste sulla notizia, nessun programma televisivo approfondisce la questione”.

Gli anziani sono fonte di saggezza

“Ciò che trovo più assurdo è che fino a qualche decennio fa gli anziani erano, all’interno delle famiglie e nella comunità in generale, più rispettati. Siamo stati allevati con questa mentalità, abbiamo assorbito questa cultura, abbiamo ricevuto queste regole: gli anziani sono fonte di saggezza, cui fare riferimento, vanno preservati, aiutati, onorati, protetti. E poi cosa è accaduto? Beh, credo che il culto isterico della giovinezza, elevata oggi a valore, ci abbia indotti a sviluppare un sentimento di ripudio e di orrore nei confronti della vecchiezza e della vecchiaia unito ad una vera e propria ossessione verso la forma fisica, la bellezza, la prestanza, la freschezza”.

L’anticamera della fine

“La vecchiaia è l’anticamera della fine, vero. Ma a questa anticamera, che può essere molto piacevole, c’è chi non ci arriva. Meglio giungerci che non giungerci, meglio essere anziano che crepare giovane, per quanto gli antichi greci sostenessero che «caro agli dei è chi muore giovane». Vorrei ricordare a quanti maltrattano i vecchi che, un domani, se avranno culo, toccherà a loro di invecchiare, se non avranno culo, gli toccherà di invecchiare e di ricevere il medesimo trattamento che hanno riservato ad altri anziani. Dopotutto, esiste una sorta di Giustizia del cielo, che qualcuno denomina «karma», per cui quello che fai o dai ti viene restituito già in questa vita, non soltanto dopo”.

Struggente tenerezza

“Ho sempre provato un sentimento di profonda e addirittura struggente tenerezza davanti ad un anziano. La tenerezza che mi suscita un bambino è diversa, non è dolorosa come quella che mi produce un vecchio. E oggi sì, sono anziano anche io e non nego che compiere ottant’anni qualche mese addietro sia stato per me traumatico. Soltanto quel giorno mi sono reso conto di essere cresciuto tanto. Il corpo si attempa, ma l’anima no. L’anima resta giovane. Come spiegare tutto questo a chi non lo vive? Misera e cadente la società che non ha a cuore la sua parte più sapiente: gli anziani”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

PIÙ POPOLARI

ortopedia INZOLI Officina Naviglio Sport Auto Testori Sai Barcelo Viaggi Commercialista Livraghi
ortopedia Commercialista Livraghi INZOLI Officina Naviglio Sport Auto Testori Sai Barcelo Viaggi