Home News Corsico Corsico, ancora violenza gratuita: distrutte le fioriere del Bar Commercio e la...

Corsico, ancora violenza gratuita: distrutte le fioriere del Bar Commercio e la pensilina della fermata dei pullman

Due gli episodi segnalati ai carabinieri, entrambi hanno avuto come protagonisti extracomunitari di origine magrebina

1
Nella foto, i danni provocati alle fioriere del Bar Commercio e alla pensilina della fermata dei pullman per Milano
Nella foto, i danni provocati alle fioriere del Bar Commercio e alla pensilina della fermata dei pullman per Milano

È l’ennesimo episodio di violenza gratuita accaduta nei giorni scorsi a Corsico. Anzi, gli episodi sono due. Entrambi andati in scena venerdì sera attorno alle 20, entrambi hanno avuto come protagonisti extracomunitari di origine magrebina. Entrambi hanno, ancora una volta esasperato gli animi di chi li ha subiti.

Il primo ha coinvolto direttamente il Bar Commercio, all’incrocio di via Cavour con via Vittorio Veneto, nel cuore pulsante della città. Un personaggio che secondo alcuni avrebbe problemi psicologici, secondo altri sarebbe stato completamente ubriaco, all’improvviso ha cominciato a inveire contro tutti e tutto.

Non contento ha impugnato una chiave inglese recuperata chissà dove e ha iniziato a mandare fendenti a destra e manca. A farne le spese sono state le fioriere del Bar Commercio (da poco eletto locale storico di Corsico) che sono state danneggiate. Non solo. Prima di essere bloccato dai dipendenti di una pizzeria aperta lì vicino, ha distrutto i rivestimenti della pensilina della fermata degli autobus per Milano.

L’uomo è stato immobilizzato e consegnato ai carabinieri che erano in zona per una loro operazione. Erano passati pochi minuti che ecco un nuovo litigio è scoppiato tra due gruppi di nordafricani (chi dice due, chi almeno quattro) che hanno cominciato a darsele di santa ragione.

Per fortuna nessuno ha estratto armi o ha usato bottiglie rotte per attaccare l’avversario e un nuovo intervento dei militari ha messo fine alla contesa. Sul marciapiede sono rimaste tracce di sangue, che secondo i militari apparterrebbero all’uomo che ha distrutto fioriere e pensilina, feritosi mentre infieriva contro i vetri della fermata dei pullman.

Come spesso accade in situazioni simili, quello che rimane è il disappunto dei commercianti testimoni di episodi di cui farebbero volentieri a meno assistere e il lavoro delle forze dell’ordine chiamate a sedare risse, litigi, scazzottate ormai all’ordine del giorno. Ma questa ormai è la realtà cui molti sono costretti a vivere.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version