Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 18 Gennaio 2018 11:31
Dopo il calo delle iscrizioni

Il sindaco lancia l’appello: “Scegliete le scuole di Cesano” In evidenza

Simone Negri si trasforma in testimonial e invita i residenti a iscrivere i propri figli negli istituti cesanesi, in cui, negli ultimi anni si è registrato un calo di iscritti

Nella foto, l'orchestra della scuola Leonardo da Vinci di Cesano e, nel riquadro, il sindaco Negri Nella foto, l'orchestra della scuola Leonardo da Vinci di Cesano e, nel riquadro, il sindaco Negri

Da sindaco a testimonial, il passo è breve, soprattutto se si tratta di reclamizzare le scuole del territorio che si amministra. Simone Negri ha deciso di lanciare un appello attraverso i social network invitando i genitori di bambini e ragazzi cesanesi a scegliere le scuole cesanesi. Il motivo? Più di uno. Da un lato porre un freno al calo di iscritti soprattutto nella scuola secondaria di primo grado Leonardo da Vinci, dall’altro “perché ci sono docenti molto preparati e proposte didattiche innovative”. Quali? Potenziamento dell’inglese, sport e progetti musicali. Introdotti oltre a percorsi di educazione civica.

Realtà consolidate

L’appello vale soprattutto per la Leonardo da Vinci, che, secondo il sindaco oggi si presenta come un istituto affidabile, insieme all’Alessandrini: “due realtà consolidatesi nel tempo, per la preparazione dei giovani che frequenteranno successivamente le superiori”. “Faccio spudoratamente il tifo per le nostre scuole – ha spiegato Simone Negri in una nota stampa - non tanto per una mera questione di forma in quanto sindaco, ma perché nel corso degli anni sono riuscite a promuovere iniziative all’avanguardia, mettendo a punto forme didattiche innovative e proponendo percorsi che accrescono le capacità dei nostri ragazzi, ben oltre la tradizionale formazione scolastica”.

Tutti i "numeri" della scuola

A Cesano Boscone, attualmente gli iscritti alle scuole d’infanzia sono 475 (194 bambini alla scuola XXV Aprile e alla Don Sturzo (del comprensivo Alessandrini) e 281 alle scuole Acacie e Libertà (al Da Vinci). Sono 1082 gli studenti iscritti alla primaria (643 alle scuole Kennedy, Bramante, Gobetti (Alessandrini) e 439 alla Monaca e alla Libertà (Da Vinci). 486 sono I ragazzi iscitti allasecondaria (353 all’Alessandrini e 133 alla Da Vinci).

Gli stimoli giusti

Secondo il sindaco “Le due scuole medie, negli ultimi tempi, sono diventate promotrici di iniziative rivolte a tutti i cesanesi. Dirigenti e docenti hanno scelto di aprirsi sempre di più al territorio, assicurando così maggiori stimoli ai propri allievi”. Si tratta quindi di aspetti che le famiglie dovrebbero valutare, soprattutto quelle che devono iscrivere i propri figli alle scuole dell’obbligo e che entro il 6 febbraio potranno scegliere proprio una scuola di Cesano Boscone. Si ricorda che le iscrizioni dovranno essere fatte utilizzando la piattaforma telematica del Ministero e riguardano le scuole dell’infanzia, le primarie e le secondarie di primo grado.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La protesta
Cantiere della fognatura, scende in campo il presidente delle Farmacie Corsichesi

Cantiere della fognatura, scende in campo il presidente delle Farmacie Corsichesi

Carlo Vaghi  ha preso carta e penna e ha scritto una dura lettera indirizzata al commissario prefettizio Francesca Iacontini che da maggio, dopo le dimissioni del sindaco Errante, è alla guida del Comune di Corsico

Attualità
Visti da vicino
Maturità 2019: ecco le migliori studentesse del Liceo Vico, all’Omnicomprensivo

Maturità 2019: ecco le migliori studentesse del Liceo Vico, all’Omnicomprensivo

Sono quattro e tutte hanno ottenuto 100/100. Tre hanno frequentato la 5C e si conoscono da una vita, la quarta….

Attualità
Molte le novità
Da lunedì 15 luglio scatta la rivoluzione delle tariffe dei trasporti pubblici

Da lunedì 15 luglio scatta la rivoluzione delle tariffe dei trasporti pubblici

Una delle principali novità riguarda il biglietto singolo che passa da 1,50 a 2 euro, potrà essere timbrato più volte nei 90' anche in metropolitana, avrà validità su un'area più estesa, non solo a Milano ma anche nei 21 comuni di prima fascia