Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 30 Novembre 2016 12:07
Cesano – Appello delle maestre

Asilo nido, lo scontro si fa duro In evidenza

La protesta delle educatrici in alcuni casi, ha toni accorati. Hanno la sensazione che il loro posto di lavoro abbia un futuro poco chiaro. Intanto hanno denunciato di non aver ancora ricevuto lo stipendio di novembre

Nella foto le maestre dell'asilo nido protestano contro l'amministrazione comunale di Cesano Nella foto le maestre dell'asilo nido protestano contro l'amministrazione comunale di Cesano

Qui qualcuno racconta bugie. E nel polverone sollevato è difficile intravvedere la verità. Sul trasferimento dell’asilo nido alla cooperativa che sostituirà il comune nella sua gestione è scoppiato l’ennesimo scontro a fuoco. Tutti sparano ad alzo zero. Da  una parte sindaco e maggioranza che difendono a spada tratta la loro scelta, dall’altra una quindicina di maestre che hanno manifestato davanti e dentro la sala del Consiglio comunale. Muro contro muro. Nel mezzo i poveri cronisti che non sanno più a che santo votarsi per comprendere e spiegare ai propri lettori quel che effettivamente sta succedendo. Se non ci fosse in pericolo il futuro di tante lavoratrici, la soluzione migliore sarebbe occuparsi di altro.

Un futuro poco chiaro

Invece siamo qui a registrare la protesta delle educatrici che, in alcuni casi, ha toni accorati. Hanno la sensazione che il loro posto di lavoro abbia un futuro poco chiaro. Intanto hanno denunciato di non aver ancora ricevuto lo stipendio di novembre, dalla cooperativa alla quale sono state trasferite.  In un manifesto sottoscritto dal loro sindacato hanno sottolineato come il mancato versamento della loro retribuzione sia “deleterio in un periodo come quello che stiamo vivendo… e a fronte degli impegni e delle scadenze economiche di ognuno”. Nella sostanza alcune di loro non riescono a onorare gli impegni che hanno con affitti, mutui, spesa e tutto quanto riguarda la gestione delle proprie famiglie.

Nessuna risposta

Sul banco degli imputati hanno messo l’amministrazione comunale che non li avrebbe tutelati e non avrebbe garantito il rispetto dei loro diritti nel passaggio all’associazione temporanea di imprese composta dalle cooperative Genera e Orsa, vincitrici dell’appalto. Si sono lamentate che dopo tre incontri con i rappresentanti delle centrali delle cooperative e numerosi solleciti, non hanno ricevuto alcuna risposta alla loro richiesta di ottenere lo stipendio dovuto.

Abbandonate dal Comune

Giusto il giorno in cui si è tenuto il Consiglio comunale, sarebbero stati accreditati sui conti delle insegnanti dai 300 ai 500 euro da parte di Genera, senza essere in alcun modo né concordato, né comunicato alle dirette interessate. Che, se questo è l’inizio, si chiedono, chissà cosa succederà nel prossimo futuro.
Al loro fianco si è schierato il consigliere di Fratelli d’Italia, Fabio Raimondo che ha presentato un’interrogazione affinché la giunta chiarisse tutti gli aspetti della vicenda.  Il dibattito ha assunto toni accesi. E così è proseguito con violenti scambi di accuse, sino a quando le maestre non hanno lasciato l’aula. Tutte si sentono abbandonate da un comune che hanno servito per tanti anni. Alcune di loro hanno letteralmente “cresciuto” molti dei consiglieri che adesso le hanno “sfrattate”, affidandole a un terzo di cui non si fidano.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
Urbanistica & Dintorni
Lottizzazione ex area Burgo, 300mila metri cubi di cemento senza padri né madri o… madrine

Lottizzazione ex area Burgo, 300mila metri cubi di cemento senza padri né madri o… madrine

La Giunta in carica nel 2004 - 2005 anno della firma del piano particolareggiato era una coalizione che oltre all’allora Ds comprendeva “Insiene per Corsico” e Verdi

Attualità
La querelle
Corsico, svelato uno dei mille misteri che circondano l’edilizia al quartiere ex Burgo?

Corsico, svelato uno dei mille misteri che circondano l’edilizia al quartiere ex Burgo?

Le quote edificatorie di quelle aree erano state definite in un piano particolareggiato approvato nel 2004/2005 con le giunte guidate dagli ex sindaci Graffeo e Ferrucci

Cronaca
Operazione congiunta Polizia - Finanza
Notizie dell’altro mondo: avvocato accusata di riciclaggio, malafinanza e camorra

Notizie dell’altro mondo: avvocato accusata di riciclaggio, malafinanza e camorra

Le sono stati sequestrati: due conti correnti svizzeri, uno dei quali denominato "Mago Merlino", più un immobile che si affaccia sull’Arco della pace per un valore complessivo di 3milioni di euro (guarda il video)