Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 23 Novembre 2017 17:53
L'appuntamento

Flash mob contro la violenza sulle donne In evidenza

In occasione della  giornata internazionale contro la violenza sulle donne, sabato 25 novembre a Cesano  si terrà uno spettacolo teatrale a ingresso gratuito. Anche Corsico e Buccinasco celebrano l’appuntamento

Scarpe, abiti, panchine, tutte colorate di rosso, come il sangue versato dalle donne vittime di femminicidio Scarpe, abiti, panchine, tutte colorate di rosso, come il sangue versato dalle donne vittime di femminicidio

Sono molte le iniziative che si tengono o che si sono già tenute nei comuni del sudovest per celebrare la giornata internazionale contro la violenza sulle donne. A Cesano, sabato 25 novembre alle ore 21.30 nell’auditorium di via Vespucci 7 si terrà lo spettacolo teatrale “Che razza di amore. Stalking e vita di ‘coppia’”, ideato da Alessandro Tacconi con Deborah Demontis e Cintia Colavita. L’ingresso è gratuito.  

Panni rossi alle finestre

Da Corsico arriva la proposta di Ventunesimodonna che invita, “poichè la maggior parte delle violenze si consuma in ambito domestico”, a stendere un panno rosso alla finestra o al balcone delle proprie abitazioni: un modo simbolico per rendere evidente il  rifiuto a qualsiasi tipo di violenza nei confronti delle donne. Poi, martedì 5 dicembre 2017, alle 21, nella sala “La pianta” in via Leopardi 7, si terrà un incontro pubblico che vedrà gli interventi del vicesindaco Silvia Scurati, di Cristina Carelli e Malvina Monti del Cadmi (Casa delle donne maltrattate di Milano) e del Centro antiviolenza "La stanza dello scirocco" e della comandante della polizia locale Piera Gismondi

Panchine rosse nei parchi

A Buccinasco saranno inaugurate, al parco Spina Azzurra, le panchine rosse per ricordare tutte le donne uccise da mariti, compagni, ex fidanzati o conoscenti. Panchine rosse come il sangue versato da tutte le vittime di femminicidio.  Alla cerimonia saranno presenti anche le associazioni Ventunesimodonna, Messinscena e Retake di Buccinasco, che si occuperà poi della manutenzione della panchina.

Il flash mob

Le iniziative sono cominciate a partire da lunedì scorso quando nella pausa tra la prima e la seconda parte del Consiglio comunale di Cesano si è svolto un flash mob, organizzato dall’assessorato alla cultura. In quella occasione, alcuni consiglieri di maggioranza e di opposizione hanno letto un messaggio sul tema. Intanto tra i banchi del Consiglio sono stati sistemati vestiti bianchi “insanguinati” da un unico filo rosso comune.  

Vestiti violati

“Ho voluto organizzare un momento di riflessione su un dramma che affligge moltissime donne in tutto il mondo – ha spiegato l’assessore Ariis –  I vestiti appesi nell’armadio sono il simbolo di serena quotidianità domestica. Vengono violati, insanguinati, uccisi da assassini che sempre più spesso hanno la chiave di casa. Nei vestiti di donna troviamo il suo profumo, la sua essenza, la sua vita prima di essere ammazzata”.  

Seguici sulla nostra pagina Facebook
 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La novità
Ambiente: Buccinasco nel progetto pilota del gruppo Cap

Ambiente: Buccinasco nel progetto pilota del gruppo Cap

Verranno forniti una serie di strumenti che permetteranno di affrontare meglio pianificazione territoriale e costruzioni locali  

Attualità
L'emergenza
Allarme Legionella a Rozzano: trovato il batterio nelle tubature del quartiere Alboreto

Allarme Legionella a Rozzano: trovato il batterio nelle tubature del quartiere Alboreto

Affissi sui portoni degli edifici e nelle bacheche,  volantini che invitano a non utilizzare acqua calda e a sostituire i filtri dei rubinetti

Attualità
L'accordo
Cesano, firmato l’armistizio tra il sindaco e il presidente dell’Aler

Cesano, firmato l’armistizio tra il sindaco e il presidente dell’Aler

Saranno almeno 35 gli alloggi popolari messi a disposizione per ilprossimo bando. Lo ha promesso il responsabile dell'Istituto a Simone Negri