Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 09 Giugno 2017 16:43
Sogno svanito

Riducono i fondi, in fumo 2 milioni di euro per riqualificare il Tessera In evidenza

Progetto ammesso ma non finanziato. Una sentenza che rinvia "sine die" la riqualificazione del quartiere di Cesano Boscone

Un'immagine del quartiere Tessera a Cesano Boscone Un'immagine del quartiere Tessera a Cesano Boscone

La responsabilità, questa volta, è del governo nazionale che ha ridotto di oltre il 60%  gli stanziamenti sulla “riqualificazione sociale e culturale della aree urbane degradate". Così sono sfumati circa 2 milioni di euro che avrebbero permesso di riqualificare la scuola Gobetti, realizzare una nuova piazza di raccordo con l’oratorio Sant’Ireneo e migliorare il collegamento con il resto di Cesano Boscone.

Amaro in bocca

La graduatoria dei beneficiari fra i Comuni che hanno partecipato al bando è stata pubblicata giovedì 8 giugno. Con una sorpresa che lascia l’amaro in bocca: il progetto di Cesano Boscone è stato ammesso, ma non finanziato.  Il sindaco Simone Negri ha espresso il suo rammarico, perché se non fosse stato deciso il taglio da 200 a 78,5 milioni dello stanziamento, Cesano avrebbe ricevuto importanti risorse per la riqualificazione del suo territorio.

97esimo posto

“Quando si partecipa a un bando nazionale – ha precisa il primo cittadino  –  si sa che le possibilità di riuscita sono minime. Nessuno si è illuso a riguardo. Sono amareggiato però nel constatare che, se gli stanziamenti su questo fondo fossero rimasti i 194 milioni di euro originari, oggi ci saremmo aggiudicati 2 milioni di euro”. Infatti sono stati 870 i progetti presentati e 451 quelli ammessi, ma solo 46 i finanziati. Quello di Cesano Boscone è al 97esimo posto.  La Legge di Stabilità del 2015 prevedeva una dotazione per il bando pari a 200 milioni, che sono stati ridotti a poco più di 194 al momento della pubblicazione in Gazzetta. Poi un’ulteriore sforbiciata, fino ad arrivare a 78,5 milioni.

Sperare non costa niente

Sulla questione c’è ancora uno spiraglio aperto. Infatti, gli enti che hanno ottenuto i finanziamenti dovranno presentare i progetti esecutivi entro le prossime settimane. Chi non riuscisse verrà escluso e sarà possibile scalare la graduatoria. Sperare non costa niente. Il Governo, inoltre, ha precisato che il bando potrebbe ottenere, entro i prossimi tre anni, nuovi finanziamenti. Intanto, il progetto preparato dai tecnici di Cesano Boscone, visto l’apprezzamento a livello nazionale, non verrà  archiviato definitivamente. Secondo una nota stampa diffusa nel pomeriggio, “Se ne terrà conto per la predisposizione delle linee guida del PGT, proprio perché l’obiettivo dell’amministrazione comunale rimane la valorizzazione del presidio scolastico e la riqualificazione della zona”.
 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La protesta
Cantiere della fognatura, scende in campo il presidente delle Farmacie Corsichesi

Cantiere della fognatura, scende in campo il presidente delle Farmacie Corsichesi

Carlo Vaghi  ha preso carta e penna e ha scritto una dura lettera indirizzata al commissario prefettizio Francesca Iacontini che da maggio, dopo le dimissioni del sindaco Errante, è alla guida del Comune di Corsico

Attualità
Visti da vicino
Maturità 2019: ecco le migliori studentesse del Liceo Vico, all’Omnicomprensivo

Maturità 2019: ecco le migliori studentesse del Liceo Vico, all’Omnicomprensivo

Sono quattro e tutte hanno ottenuto 100/100. Tre hanno frequentato la 5C e si conoscono da una vita, la quarta….

Attualità
Molte le novità
Da lunedì 15 luglio scatta la rivoluzione delle tariffe dei trasporti pubblici

Da lunedì 15 luglio scatta la rivoluzione delle tariffe dei trasporti pubblici

Una delle principali novità riguarda il biglietto singolo che passa da 1,50 a 2 euro, potrà essere timbrato più volte nei 90' anche in metropolitana, avrà validità su un'area più estesa, non solo a Milano ma anche nei 21 comuni di prima fascia