Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 20 Novembre 2020 10:52
L'allarme

L’appello dei pediatri di famiglia sulle vaccinazioni antinfluenzali per i bambini In evidenza

Ancora oggi non è chiaro se i bambini sani in età 6-24 mesi - età considerata cruciale per l’ottimizzazione dei risultati di una campagna vaccinale - avranno possibilità di essere vaccinati

Informazioni poco chiare o insufficienti. Date non stabilite. Modalità di intervento incomplete e contraddittorie. Sono la sintesi di un appello lanciato dai medici pediatrici di famiglia ai vertici della Regione Lombardia.

“Gentile Presidente, i pediatri di famiglia lombardi del sindacato medici pediatri di famiglia Le esprimono la forte preoccupazione per il concreto rischio che la campagna per la vaccinazione antinfluenzale in età pediatrica non possa garantire questa importante azione di prevenzione, a causa della mancanza di iniziative atte a rispettare le disposizioni delle istituzioni sanitarie nazionali e quelle derivanti dalle acquisizioni scientifiche.”

sponsorizzato da:

Inizia con queste parole la lettera che la componente lombarda del sindacato, guidata da Ezio Finazzi,  ha inoltrato ieri, con procedura d’urgenza, al Governatore della regione, Attilio Fontana. I pediatri di famiglia chiedono, in sostanza, alla guida della Regione Lombardia di farsi parte attiva affinché vengano chiarite una volta per tutte ai pediatri di famiglia, in modo da poter conseguentemente informare i genitori, le modalità con le quali vaccinare i piccoli assistiti.

Il sindacato lamenta il fatto che i pediatri hanno ricevuto, da parte degli organi amministrativi sanitari della Regione, comunicazioni incomplete e a volte contraddittorie. Non è ad oggi chiaro se: i bambini sani in età 6-24 mesi - età considerata cruciale per l’ottimizzazione dei risultati di una campagna vaccinale - avranno possibilità di essere vaccinati; i bambini in età 2-6 anni, non vaccinati negli anni precedenti, dovranno essere sottoposti a somministrazione in dose unica, come in uso in altri Paesi, oppure a un richiamo a distanza di almeno un mese.

“Il non poter fornire queste semplici indicazioni ai genitori – viene sottolineanto nell’appello - rischia di compromettere “un rapporto con le famiglie assistite notoriamente improntato a reciproca fiducia e fondato sulla certezza delle indicazioni sui percorsi di prevenzione da intraprendere”. Soprattutto può provocare “la conseguente perdita di fiducia nel ricorso alle vaccinazioni da parte di genitori così faticosamente conquistati alla causa da parte di noi pediatri di famiglia”, lamentano i professionisti lombardi.

I pediatri chiedono al Governatore Fontana un intervento anche sul piano nazionale, imputando alle Istituzioni sanitarie a Roma di non avere mai espresso una chiara posizione in merito, e concludono garantendo la piena e continua disponibilità a collaborare per assicurare il successo della campagna vaccinale e dell’opera di sensibilizzazione presso i genitori sull’importanza e la fondamentale utilità dei vaccini.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La querelle
Trezzano investe 450mila euro nel parcheggio della discordia

Trezzano investe 450mila euro nel parcheggio della discordia

L’obiettivo è trasformare il parco che si trova tra la via Treves, via Rimembranze e via Galimberti in un posteggio per auto

Attualità
Le celebrazioni
Trezzano si colora di verde nella giornata mondiale dei diritti dei bambini

Trezzano si colora di verde nella giornata mondiale dei diritti dei bambini

 Organizzate una serie di iniziative dedicate ai più piccoli costretti a vivere senza scuola, senza sport, senza la possibilità di uscire di casa

Attualità
La scoperta
Pronto un test che individua chi si ammalerà di Covid 19 in modo grave

Pronto un test che individua chi si ammalerà di Covid 19 in modo grave

L’annuncio è del direttore scientifico dell’Humanitas di Rozzano, professor Alberto Mantovani