Seguici su Fb - Rss

Martedì, 12 Marzo 2019 10:44
Il caso del giorno

Allarme a Cesano: sconosciuto spara e ferisce i gatti del centro storico In evidenza

Leo e Oscar sono stati colpiti da 11 piombini esplosi da un pazzo con una pistola ad aria compressa

Nella foto, Dorothy Gobetti con uno dei suoi quattro gatti Nella foto, Dorothy Gobetti con uno dei suoi quattro gatti

La denuncia è chiara e netta: “c’è un pazzo che si diverte a sparare ai gatti con una pistola a piombini”. Arriva da Dorothy Gobetti, una mamma di Cesano Boscone che oltre ad avere una figlia bellissima, custodisce anche quattro gatti. Due, Leo e Oscar, tra venerdì e domenica, sono stati feriti con 5 e 6 proiettili, e hanno dovuto essere operati.

Le ferite di Oscar



Il primo episodio è accaduto venerdì. Leo, Oscar e gli altri gatti della signora Gobetti sono abituati a girare liberamente per le strade del quartiere, in via Pogliani e via Dante.  Quando è tornato a casa Oscar aveva cinque piombini nello stomaco. Sottoposto alle cure del caso gli è stata fatta una lastra e una ecografia per individuare dove fossero penetrati: tutti nello stomaco. Alcuni sono stati estratti, altri no perché in zone particolarmente pericolose.

Le ferite di Leo

Alcuni dei piombini estratti dallo stomaco e dalla schiena dei due gatti

Il secondo episodio ha per protagonista Leo. Domenica mattina è tornato a casa sanguinante. Era stato colpito da sei piombini al collo e sul dorso. Anch’esso è stato sottoposto a un intervento che ha permesso la rimozione di cinque proiettili. Uno è troppo vicino alla spina dorsale ed è stato lasciato in quella posizione. Adesso entrambi i gatti sono curati ad antibiotici e cortisone.

La denuncia

Dorothy Gobetti ha presentato denuncia contro ignoti ai carabinieri. Alla domanda se nel quartiere c’è qualcuno che possa avere motivi di astio contro di lei, la sua famiglia o i suoi gatti, risponde di non avere mai avuto problemi con i vicini di casa e di presumere si tratti “di un nuovo arrivato cui evidentemente non piacciono i gatti”.

L'appello

Secondo la donna “un soggetto capace di fare del male gratuito agli animali è da ritenersi pericoloso anche per le persone” perciò ha lanciato un appello a chiunque frequenti il quartiere “a tenere  gli occhi aperti per individuare il pazzo che spara ai suoi gatti”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La "querelle"
Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Gli uomini della Agogliati attaccano: “Consideriamo diffamatorio quanto dichiarato dal sindaco Ferretti e dal vicesindaco Perazzolo”

Attualità
Il caso del giorno
Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

In città, sono solo 15 le videocamere attive su 24 impianti mentre altre 50 postazioni ad alta tecnologia non sono utilizzate

Attualità
La polemica
Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

A dieci giorni di distanza, quella che sembrava solo un’ipotesi comincia a prendere corpo, tanto che è sceso in campo anche il responsabile del Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera