Seguici su Fb - Rss

Martedì, 08 Gennaio 2019 15:21
Il caso del giorno

Medici di famiglia in pensione: si rischia di rimanere senza In evidenza

 La mancanza di alternative disorienta i pazienti che corrono a intasare i pronto soccorso. La presa di posizione del sindaco di Cesano  

Mancano i medici che sostituiscano quelli che vanno in pensione Mancano i medici che sostituiscano quelli che vanno in pensione

“Il mio medico di famiglia è andato in pensione e nessuno lo ha sostituito. Me ne hanno assegnato un altro, ma è lontano”. Quello che sembrava il lamento di pochi sta diventando una litania che rimbalza sul filo dei telefoni e sui social: basta che un medico di famiglia vada in pensione ed è subito caos. A Trezzano come a Cesano, a Corsico come a Buccinasco, ad Assago come a Rozzano.

La protesta del sindaco

“Serve un maggiore confronto con il territorio” ha sottolineato oggi in un comunicato stampa il sindaco di Cesano Simone Negri, che ha accusato l'Ats, l'agenzia che tutela la salute pubblica e Regione Lombardia, di agire in ordine sparso, senza coordinarsi con le realtà presenti sul territorio. Poco prima di Natale, nella città che amministra, un dottore è andato in pensione. I suoi pazienti dovevano essere presi in carico da altri medici. Il problema è che quasi tutti hanno già un numero di pazienti vicino al limite consentito e quindi non possono assisterne altri.

I numeri dell'emergenza

C’è chi non ne ha ancora trovato uno disponibile e chi ha dovuto accontentarsi di uno che esercita in comuni lontani. Il dramma è che è una realtà che forse si potrà risolvere parzialmente in tempi brevi, ma che a lungo andare rischia di diventare sistematica. Infatti, secondo alcune stime della Federazione dei medici di medicina generale (Fimmg), in cinque anni andranno in pensione circa quindicimila medici di famiglia e 14 milioni di italiani resteranno privi di assistenza.

Pazienti che vanno, pazienti che vengono

La regione che soffre di più è la Lombardia, con Milano più scoperta delle altre province. Il problema è causato dall’insufficienza di posti in specialità che non riescono a coprire il fabbisogno. In ottobre sono diventati 160, ma ne necessitano almeno 200. In questo modo si garantirebbe, fra tre anni, almeno un medico ogni 2mila assistiti. Se si andasse avanti di questo passo, invece, il rapporto sarà di uno ogni 3mila. L’altra faccia della medaglia è rappresentata da centinaia di laureati in Medicina in attesa di entrare in specialità. Si tratta di giovani che si barcamenano tra turni di guardia medica, notti nelle case di riposo e brevi sostituzioni.

Ospedali intasati

“Quanto sta succedendo – ha detto il primo cittadino di Cesano Boscone – evidenzia l’estrema debolezza di un sistema che toglie la libertà di scelta ai cittadini e dà centralità agli ospedali, intasando così i pronto soccorso. Il contrario di quanto prevede la riforma sanitaria regionale”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La "querelle"
Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Il Pd non ci sta e rivendica la paternità del progetto videosorveglianza

Gli uomini della Agogliati attaccano: “Consideriamo diffamatorio quanto dichiarato dal sindaco Ferretti e dal vicesindaco Perazzolo”

Attualità
Il caso del giorno
Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

Videosorveglianza a Rozzano: trovate 180 telecamere mai attivate

In città, sono solo 15 le videocamere attive su 24 impianti mentre altre 50 postazioni ad alta tecnologia non sono utilizzate

Attualità
La polemica
Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

Trasloco del “Distretto sanitario” di via Marzabotto, l’Assessore alla sanità convoca i sindaci

A dieci giorni di distanza, quella che sembrava solo un’ipotesi comincia a prendere corpo, tanto che è sceso in campo anche il responsabile del Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera