Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 08 Novembre 2018 09:44
Nuovo progetto

Truffe agli anziani, parte la tutela a domicilio In evidenza

Un agente della polizia locale di Cesano si recherà a casa dei residenti con più di 75 anni per metterli in guardia dai più frequenti tentativi messi in atto da malviventi senza scrupoli

Gli anziani, dopo essere stati contattati dalla Polizia locale per fissare un appuntamento, ricevono a casa propria la visita di un agente Gli anziani, dopo essere stati contattati dalla Polizia locale per fissare un appuntamento, ricevono a casa propria la visita di un agente

L’idea è semplice semplice: mandare un agente di polizia locale a casa dei residenti con più di 75 anni per informarli su quali siano i tentativi di truffe messe in atto da malviventi senza scrupoli ai loro danni. Prende il via oggi a Cesano Boscone, il “Progetto sicurezza anziani”, una iniziativa che punta alla difesa delle fasce più deboli promossa dalla Polizia locale.

Gli accorgimenti da adottare

Come funziona? Gli anziani, dopo essere stati contattati per fissare un appuntamento, ricevono a casa propria la visita di un agente che illustra loro le possibili truffe cui sono particolarmente esposti. Non solo. Suggerisce anche i possibili accorgimenti da  adottare per proteggersi. Il tutto corredato da un opuscolo nel quale sono riassunte tutte le informazioni. Cosa cambia rispetto alle iniziative del passato? Mentre prima si organizzavano assemblee pubbliche alle quali non tutti i potenziali destinatari partecipavano, con questa iniziativa è l’agente che si reca a casa degli anziani per dare loro consigli adeguati su come evitare i più comuni raggiri e truffe. In poche parole: se Maometto non va dalla montagna è la montagna che va da Maometto.

Fase sperimentale

In questa fase sperimentale saranno contattati circa 130 anziani su quasi 3.000 ultrasettantacinquenni residenti a Cesano, per verificare l’efficacia dell'iniziativa L’idea è farlo diventare operativa su tutto il fronte fin dal 2019. Il target è formato soprattutto dai  più isolati perché restii a uscire di casa e quindi potenzialmente più esposti al rischio. “Attraverso questo progetto – ha spiegato il sindaco Simone Negri in una nota stampa - l’amministrazione comunale intende fornire consigli utili ai cittadini più esposti e coinvolti nei tentativi di truffa domiciliari e non”.  “In molti casi, – ha sottolineato l’assessore alla sicurezza Salvatore Gattuso – è sufficiente una semplice telefonata per avere una risposta immediata, ed evitare di essere truffati”.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by:

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Servizi anti disagio
Quartiere Lavagna: in arrivo 250mila euro destinati al sociale

Quartiere Lavagna: in arrivo 250mila euro destinati al sociale

Un progetto presentato dal Comune è stato finanziato dalla Regione. I fondi saranno investiti in iniziative dedicate alle famiglie più in difficoltà

Attualità
Studiare nel Sud ovest
Omnicomprensivo di Corsico, ovvero quando la scuola conferma l’eccellenza

Omnicomprensivo di Corsico, ovvero quando la scuola conferma l’eccellenza

Gli istituti Falcone Righi e Vico anche quest’anno sono ai vertici della classifica dei migliori istituti della Lombardia compilata dalla Fondazione Agnelli

Attualità
Occupazione
Alternanza scuola-lavoro, 1500 giovani assunti dalla Nestlè

Alternanza scuola-lavoro, 1500 giovani assunti dalla Nestlè

I dati dell'azienda di Assago resi pubblici durante l’apertura della prima giornata della Settimana europea della formazione professionale promossa dall'Ue