Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 25 Luglio 2018 09:15
Lotta all'evasione fiscale

Cesano, mille auto sottoposte a “fermo macchina”

Tasse e tributi locali: recuperati oltre 664.000 euro di morosità, mentre per i veicoli sottoposti a provvedimento di fermo, la cifra sale a 918mila euro da incassare

Per le violazioni al codice della strada i soldi da incassare ammontano a circa tre milioni di euro Per le violazioni al codice della strada i soldi da incassare ammontano a circa tre milioni di euro

Le cifre sono contenute nella relazione dell’Ufficio entrate del comune di Cesano, presentata in giunta nei giorni scorsi. Dai dati emergono due elementi importanti. Il primo riguarda il recupero di 664.065 euro di morosità (più di 163mila per la refezione scolastica, oltre 215mila per l’Ici, 182mila per l’Imu, più di 65mila per la tassa rifiuti, e 37mila frutto del’intervento diretto della Sorit la società che si occupa della riscossione).

Fermo macchina

Il secondo dato riguarda il cosiddetto “fermo macchina”: sono quasi mille, (983 per l’esattezza) i veicoli sottoposti al provvedimento. Il che significa che sull’intero parco auto di proprietà dei residenti di Cesano Boscone, quasi mille non possono più circolare. Sarà davvero così?  Ai posteri l’ardua sentenza.

I numeri

Dalla lettura della relazione, emerge che nel caso della refezione scolastica, per esempio, le verifiche hanno riguardato gli anni scolastici dal 2011/2012 fino al 2016/2017 (quelli precedenti sono andati in prescrizione). Il carico iniziale era di 1.273.017,25 euro. Di questi sono stati incassati 163.413,66 euro, pari al 14,73% del totale da recuperare ed emesse ingiunzioni fiscali per circa 20mila  euro. Non è ancora chiaro come saranno recuperati gli altri soldi, ma è un passo avanti rispetto al passato. Sempre in merito alla refezione scolastica, un settore in cui l’elusione era abbastanza diffusa “Nel corso dell’anno scolastico – ha spiegato l’assessore Ursino – l’incasso è aumentato di quattro punti percentuali, passando dal 79% del 2013/2014 all’82% del 2016/2017”.

Tre milioni da incassare

Altra nota dolente è quella che riguarda le violazioni al codice della strada. Il 5 luglio 2017, il comando della polizia locale aveva inviato a Sorit quelle riferite al 2015 che ammontano a circa tre milioni di euro. Al momento il concessionario è riuscito a incassare 224.248,63 euro, pari al 7,68%.  Per le altre si provvederà mediante rateizzazioni o ingiunzioni di pagamento. Su quest’ultimo fronte, la società di riscossione, nel corso dell’ultimo anno, ha sottoscritto 136 rateizzazioni (33 per la refezione scolastica e 103 per violazioni al codice della strada), per un ammontare di circa 123.000 euro;  e poi 983 fermi auto (di cui 954 per infrazioni stradali) per 918.434 euro; 471 pignoramenti presso terzi per un totale di 396.000 euro circa; infine 5 procedure concorsuali per circa 4mila euro.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

powered by:


 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'emergenza
Allarme Legionella a Rozzano, secondo l’autorità sanitaria la situazione è sotto controllo

Allarme Legionella a Rozzano, secondo l’autorità sanitaria la situazione è sotto controllo

Domani, venerdì 10 agosto, verrà effettuato un secondo campionamento dell’acqua post bonifica con l’invio dei prelievi al laboratorio di analisi per verificare l’efficacia del trattamento

Attualità
La novità
Ambiente: Buccinasco nel progetto pilota del gruppo Cap

Ambiente: Buccinasco nel progetto pilota del gruppo Cap

Verranno forniti una serie di strumenti che permetteranno di affrontare meglio pianificazione territoriale e costruzioni locali  

Attualità
L'emergenza
Allarme Legionella a Rozzano: trovato il batterio nelle tubature del quartiere Alboreto

Allarme Legionella a Rozzano: trovato il batterio nelle tubature del quartiere Alboreto

Affissi sui portoni degli edifici e nelle bacheche,  volantini che invitano a non utilizzare acqua calda e a sostituire i filtri dei rubinetti