Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 23 Luglio 2018 18:13
Servizio anti-taccheggio

Italiana ruba all’Auchan, scoperta aggredisce una commessa In evidenza

La donna ha tentato di impossessarsi di una serie di capi d’abbigliamento dal negozio della catena Oviesse

L'autrice del furto è stata bloccata dai carabinieri L'autrice del furto è stata bloccata dai carabinieri

L’accusa è di rapina impropria e di aggressione. Pende da questo pomeriggio sul capo di una 39enne di nazionalità italiana, nata a Monza, ma residente a Milano, che ha tentato di rubare una serie di capi d’abbigliamento dal negozio della catena Oviesse aperto al centro commerciale Auchan di via don Sturzo a Cesano Boscone.

L'aggressione

La donna, mentre tentava di far perdere le proprie tracce ha anche aggredito una commessa del locale che accortasi dei suoi maneggi, ha tentato di ostacolarne la fuga. Sono stati i carabinieri , arrivati sul posto in pochissimi minuti, a bloccarla, a recuperare la refurtiva, e a rinchiuderla in una cella di sicurezza.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Il caso del giorno
Due ragazzini importunati sessualmente, è caccia ai molestatori

Due ragazzini importunati sessualmente, è caccia ai molestatori

Una ragazza di 14 anni e un ragazzo di 15 sarebbero stati importunati. La prima ha sporto denuncia, sul secondo episodio si cercano testimonianze che confermino quanto rivelato

Cronaca
Il caso del giorno
Rubava l’elettricità: arrestato il titolare del bar “Simons”

Rubava l’elettricità: arrestato il titolare del bar “Simons”

Sul contatore aveva installato un magnete che riduceva la registrazione dei consumi di energia fornita

Cronaca
Sfiorato il dramma
Tenta il suicidio sul piazzale del cimitero, salvato dai passanti e dai carabinieri

Tenta il suicidio sul piazzale del cimitero, salvato dai passanti e dai carabinieri

L’uomo, di cui non sono state diffuse le generalità e nemmeno il luogo di residenza aveva collegato l’abitacolo dell’auto al tubo di scarico