Seguici su Fb - Rss

Domenica, 04 Marzo 2018 12:34
Il caso del giorno

Una tesi di laurea fa scoprire l'autore di una discarica abusiva In evidenza

Abbandona i rifiuti di un appartamento, lascia però tra gli oggetti una tesi di laurea che permette agli agenti della polizia locale di Cesano Boscone di risalire sino a lui e di multarlo

Nella foto, gli agenti della polizia locale di Cesano Boscone autori dell'indagine: il comandante Armando Clemente, ina Grimaldi e Andrea Picarello Nella foto, gli agenti della polizia locale di Cesano Boscone autori dell'indagine: il comandante Armando Clemente, ina Grimaldi e Andrea Picarello

È una storia che ha dell’incredibile per come si è dipanata. È un mix di collaborazione tra residenti e istituzioni e lascia dietro di sé un gradevole profumo. Di cosa si tratta? La sintesi sembra banale, lo sviluppo è da thriller d’altri tempi. Grazie alle telecamere di sorveglianza la polizia locale è riuscita a rintracciare e multare chi aveva creato una discarica abusiva al Tessera.  Come ha fatto? Con l’aiuto di un filosofo del ‘700 e una tesi di laurea del 1959.

Furgone bianco

Venerdì scorso, Leonardo Borelli, consigliere comunale, e un rappresentante del comitato di quartiere Tessera si è presentato al comando della polizia locale di via Turati e ha segnalato la presenza di una discarica abusiva in via Gramsci. Gli agenti avviano le indagini. Cominciano a indagare e scoprono che un furgone bianco è stato visto in via Gramsci pochi giorni prima. Passano poi a visionare le immagini delle telecamere, due in via Gramsci, una in via Don Minzoni. Il furgone viene individuato, ma le sue tracce si perdono.

La tesi di laurea

Si rovista anche tra i rifiuti abbandonati e, tra vestiti, bambole e piccoli elettrodomestici, trovano una tesi di laurea su “Montesquieu e l’origine della sociologia giuridica”, relatore il professore Renato Treves, docente di sociologia del diritto dell’Università di Milano. L’autrice è Enrica S., milanese, morta l’anno scorso a 83 anni.

L'inquinatore

La polizia rintraccia i parenti della donna che avevano dato incarico di svuotare l’appartamento e la cantina in via Nino Bixio a Milano a una ditta specializzata. I responsabili dell’azienda forniscono informazioni su una persona residente a Zelo Surrigone alla quale hanno fornito l’incarico di smaltire gli oggetti scartati.  L’uomo, viene convocato al comando di via Turati. Indossa gli stessi indumenti che portava quando è stato ripreso dalle telecamere. Non gli è rimasto altro da fare che pagare la multa: 200 euro.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

1 commento

  • Link al commento Roberto Masiero Lunedì, 05 Marzo 2018 11:08 inviato da Roberto Masiero

    Complimenti innanzitutto al bravissimo Leonardo Borrelli, Consigliere Comunale della Lista Civica "Il Futuro in Comune": un perfetto esempio di civismo attivo. Complimenti anche alla Polizia Municipale di Cesano per avere indagato con efficacia e identificato il responsabile.
    Peccato soltanto che a questi sia stata comminata una pena così lieve: gli inquinatori andrebbero puniti in modo ben più severo: chi inquina danneggia anche te.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
La paura del contagio/3
Attualità
La proposta
Parco Sud: “Città metropolitana ha fallito, è ora di cambiare”

Parco Sud: “Città metropolitana ha fallito, è ora di cambiare”

Presentata ieri mattina una proposta per modificare la legge regionale che detta le regole per la sua gestione

Attualità
L'appuntamento
Non solo social, Trezzano lancia un programma di educazione ai nuovi media

Non solo social, Trezzano lancia un programma di educazione ai nuovi media

Appuntamento domani al centro Expo tra incontri con alcuni professionisti della comunicazione, un laboratorio di fotografia e uno di giornalismo

Attualità
L’incontro
Carlo Cottarelli: “Ci lamentiamo dei politici, però siamo noi a eleggerli”

Carlo Cottarelli: “Ci lamentiamo dei politici, però siamo noi a eleggerli”

Il noto economista, ospite mercoledì sera delle parrocchie corsichesi, ha elencato le ricette per far ripartire il Paese