Seguici su Fb - Rss

Mercoledì, 21 Febbraio 2018 16:09
La speranza

La lotta all’aumento del biglietto del tram fa tappa a Cesano

Approvato una mozione che impegna Simone Negri ad avviare una trattativa con il sindaco di Milano, Sala, per “riconsiderare l’ipotesi dell’aumento e introdurre il biglietto unico integrato”

Cesano è la prima citta della zona che ha investito le istituzioni locali del problema Cesano è la prima citta della zona che ha investito le istituzioni locali del problema

Il consiglio comunale ne ha discusso ieri sera e alla fine la mozione è stata approvata. Il documento dà mandato al sindaco di Cesano a intavolare una trattativa con il suo omologo di Milano e a chiedere formalmente di “riconsiderare il sistema tariffario in vigore nell’area metropolitana milanese, di rendere omogenee le zone in cui è attualmente suddiviso e di introdurre il biglietto unico integrato, che includa anche il servizio ferroviario suburbano”.  

Viaggiare senza pagare di più

Come dire che se aumento di biglietto ci deve essere, che almeno rientri in un piano che preveda la riorganizzazione del servizio con l’introduzione del biglietto unico integrato a tariffa unica che permetta di viaggiare sui mezzi pubblici senza dover pagare di più sui mezzi extraurbani. Secondo Giancarlo Insinsola del M5s, infatti, “Il trasporto pubblico locale nell’area metropolitana milanese sconta, ad oggi, una notevole spaccatura tra il Comune di Milano ed il suo hinterland per effetto della disomogeneità nella tariffazione tra comuni contigui e per la frammentazione dovuta ai molti titoli di viaggio richiesti all’utente per spostarsi da/per le aree esterne al capoluogo”.

In tutto il Sud ovest

La stessa mozione è stata presentata in quasi tutti i comuni del sud ovest di Milano. Cesano è la prima citta della zona che ha investito le istituzioni locali del problema. Un primato da condividere. Come è nato? Nelle settimane scorse, era stata avviata dai gruppi di attivisti del M5s dei comuni di Città Metropolitana, una raccolta firme per dire no all’aumento dei biglietti del trasporto pubblico locale a Milano, annunciato dal sindaco Sala. La raccolta ha riscontrato un notevole successo. Per questo motivo si è deciso di portare la proposta all’interno dei consigli comunali, e chiedere a sindaci e partiti, di maggioranza e minoranza, di prendere posizione sull’argomento.

Messaggio chiaro

Secondo Aldo Guastafierro, “Mentre la Germania propone il trasporto pubblico urbano gratuito per tutti, Città Metropolitana vuole aumentare il prezzo del biglietto. Per questo motivo il messaggio deve essere chiaro e deciso: partire dai consigli comunali per far pressione su Milano perché cambi strategia”. I gruppi consiliari del M5s di Lacchiarella, Pieve Emanuele, San Giuliano Milanese, Corsico,  Trezzano, Buccinasco, San Giuliano Milanese, Assago, Rozzano e gli attivisti di Cusago e Vermezzo hanno presentato una mozione  uguale a quella di Cesano Boscone che ribadisce come  “oggi, l’unica scelta possibile, per combattere l’inquinamento atmosferico e la congestione della rete stradale, è quella di incentivare e quindi favorire un maggiore utilizzo dei mezzi di trasporto di massa”.

Altro che aumenti

È evidente infatti che per migliorare il trasferimento di migliaia di pendolari, che oggi sono oggi costretti a usare l’auto a causa soprattutto di una frammentazione tariffaria, è necessario un trasporto pubblico locale integrato all’interno dell’area metropolitana, a costi accessibili e convenienti per chiunque. Altro che aumenti, quindi,  l’unica strada percorribile è quella di aumentare i vantaggi derivanti dall'utilizzo del trasporto pubblico locale.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered by

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'emergenza
Parte da Corsico l’allarme batterio Listeria nel salmone della Coop

Parte da Corsico l’allarme batterio Listeria nel salmone della Coop

La listeriosi, secondo Giovanni D'Agata, presidente dello "Sportello dei Diritti", può provocare nausea, vomito e diarrea, ma anche infezioni più gravi, come la meningite

Attualità
L'emergenza
Allarme Legionella a Rozzano, secondo l’autorità sanitaria la situazione è sotto controllo

Allarme Legionella a Rozzano, secondo l’autorità sanitaria la situazione è sotto controllo

Domani, venerdì 10 agosto, verrà effettuato un secondo campionamento dell’acqua post bonifica con l’invio dei prelievi al laboratorio di analisi per verificare l’efficacia del trattamento

Attualità
La novità
Ambiente: Buccinasco nel progetto pilota del gruppo Cap

Ambiente: Buccinasco nel progetto pilota del gruppo Cap

Verranno forniti una serie di strumenti che permetteranno di affrontare meglio pianificazione territoriale e costruzioni locali