Home Rubriche FUORIPORTA Cascate del Cenghen, una boccata d’aria fantasy a 60 km da casa

Cascate del Cenghen, una boccata d’aria fantasy a 60 km da casa

Da qui si gode di una vista stupenda e, per i più coraggiosi, c’è anche la possibilità di rinfrescarsi con una doccia gelata

0
Le Cascate del Cenghen. Da qui si gode di una vista stupenda e, per i più coraggiosi, c’è anche la possibilità di rinfrescarsi con una doccia gelata
Le Cascate del Cenghen. Da qui si gode di una vista stupenda e, per i più coraggiosi, c’è anche la possibilità di rinfrescarsi con una doccia gelata

Indecisi se fare hiking o passare la giornata al lago? Perché scegliere. Se si è alla ricerca di un posto vicino a Milano dove passare una giornata facendo una passeggiata in un bosco con vista lago e con la possibilità di fare il bagno sotto una cascata fresca, Lanzanico offre questo e molto altro. Qui si sta parlando delle Cascate del Cenghen.

Da Milano si può arrivare a Lanzanico in auto (parcheggiando in Via della Costituzione) oppure in treno (scendendo alla stazione di Abbadia Lariana). Il sentiero per arrivare alle Cascate s’imbocca vicino al lavatoio di piazza Giovanni XXIII e la passeggiata dura circa un’oretta. Si tratta di una mulattiera che offre uno scorcio sul Lago di Como ad un’altitudine di circa 600 metri: è una passeggiata adatta a tutti.

Percorrendola si giunge a una fontana, si imbocca quindi il sentiero a destra e si prosegue la camminata seguendo le indicazioni per arrivare alle Cascate. Il cammino è ben segnato e si percorre con tranquillità. Il lieve dislivello permette di godere le bellezze del bosco e di immedesimarsi in un libro fantasy animato da elfi (dotati di poteri magici) e silfidi (mitologica figura femminile, genio del vento e dei boschi).

Poi, finalmente, le Cascate. Da qui si gode di una vista stupenda e, per i più coraggiosi, c’è anche la possibilità di rinfrescarsi con una doccia gelata. La luce del sole arriva filtrata dalle foglie degli alberi, donando alla cascata un’atmosfera suggestiva e selvaggia. Piccolo consiglio: arrivare presto, perché può esserci tanta gente nel weekend e il posto dove sdraiarsi – a prendere il sole o a riposare – è limitato.

Per pranzare, è possibile portarsi qualcosa da casa e fare un picnic vicino alla cascata oppure, scendendo più a valle, dal sentiero è segnalata una piccola deviazione verso il Ristoro la Perla, una trattoria che offre una cucina casereccia con formaggi e salumi tipici e da cui si può godere di un ottimo panorama sul lago.
Seguici sulla nostra pagina Facebook

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version