Home Cronaca Cane investito e ucciso a Cusago: scatta la caccia al pirata della...

Cane investito e ucciso a Cusago: scatta la caccia al pirata della strada

0
Nella foto due cani al guinzaglio dei loro proprietari

Il mancato soccorso o il maltrattamento di animali sono reati che prevedono condanne sino alla reclusione dai 3 ai 18 mesi, o in alternativa, multe da 5.000 a 30.000 euro

L’accorato appello è stato rilanciato dallo Sportello per i diritti degli animali di Cusago cui una residente nel comune ha scritto per chiedere aiuto. Il suo cane è stato investito e ucciso sulla pedana che conduce ai box del condominio, e il conducente dell’auto non ha soccorso né il cane né la donna che nel frattempo era giunta correndo a soccorrere il cane urlando per chiedere aiuto.

Come se nulla fosse

È  accaduto giovedì scorso in un condominio di Milano Visconti (via Aldo Moro). La signora ha continuato a urlare finché i vicini sono scesi ad aiutarla ma ormai era troppo tardi. Il cane è morto. A quanto sembra colui o colei che lo ha investito non ha fatto un plissé, forse è salito/a in casa sua come se nulla fosse.

Lo choc

Hanno scritto i responsabili dello sportello: “A parte lo choc nel sentire questo racconto, l’omissione di soccorso è un fatto inaccettabile. Certamente si è trattato di un tragico incidente e non certo un fatto volontario ma chi fugge, dunque, di fronte alle proprie responsabilità è punibile amministrativamente da una sanzione pecuniaria, ma nei casi più gravi si può arrivare anche al penale”.

Le pene

Sì, perché il mancato soccorso di animali, oltre a sottostare agli obblighi previsti dal Codice della Strada, può essere punito ai sensi dell’articolo 544-ter del codice penale in quanto vero e proprio “maltrattamento di animali”. Per questo reato la condanna arriva alla reclusione dai 3 ai 18 mesi, o in alternativa, la multa da pagare va da 5.000 a 30.000 euro. Se l’animale muore per le lesioni riportate a causa dell’incidente, la pena aumenta automaticamente.

L’appello

La responsabile dello sportello di tutela degli animali,  Stefania Luppi, ha chiesto a chiunque abbia assistito all’incidente di contattarla in privato perché si vuole fornire alla signora tutto l’aiuto e l’assistenza possibile. Lo scopo non è condannare nessuno. Solo fornire le informazioni affinché gli animali siano tutelati.  

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Sponsorizzato da

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version