Seguici su Fb - Rss

Martedì, 18 Luglio 2017 15:56
La polemica

Profughi a Buccinasco, blitz di Fratelli d'Italia In evidenza

Nuovi cartelli compaiono in città, sotto quelli che inneggiano alla sconfitta della ‘ndrangheta: lanciano l’allarme sull’arrivo di extracomunitari

Il coordinatore provinciale Fabio Raimondo e la coordinatrice comunale Maria Grazia Barbisan con una militante del partito Il coordinatore provinciale Fabio Raimondo e la coordinatrice comunale Maria Grazia Barbisan con una militante del partito

Fratelli d’Italia scende in campo contro l’arrivo di profughi a Buccinasco. E lo fa con un blitz grazie al quale ha affisso una serie di cartelli sulle principali vie di comunicazione cittadine. Che cosa raccontano i manifesti? A lettere cubitali denunciano l’arrivo in città di 74 profughi che, osservano, “grazie alla demagogia del Pd” andranno a ingrossare le fila del lavoro nero e della criminalità organizzata.

Gettata la maschera

Non contenti i responsabili del partito, il coordinatore provinciale Fabio Raimondo e la coordinatrice comunale Maria Grazia Barbisan, hanno diffuso un comunicato stampa in cui attaccano il sindaco
“In campagna elettorale – scrivono i due -  l'amministrazione PD di Buccinasco, per scopi puramente elettorali, si era rifiutata di sottoscrivere il protocollo prefettizio per l'accoglienza profughi. Subito dopo le elezioni il sindaco Rino Pruiti ha gettato la maschera manifestando la disponibilità del Comune a siglare l'intesa con il governo per accogliere 74 migranti”.

Bivacchi in città

“Dove saranno sistemati? Cosa faranno?” si chiedono i due esponenti politici. E poi: “Come e da chi verranno reperite le unità abitative pubbliche o private che secondo il protocollo dovranno essere messe a disposizione di questi sedicenti richiedenti asilo?” Le cronache milanesi degli ultimi giorni testimoniano come molti profughi vengano spesso lasciati bivaccare per le nostre città con conseguenze nefaste sulla sicurezza dei cittadini e con il rischio di consegnarle al lavoro nero e alla criminalità organizzata. “Da un'amministrazione che si vanta di aver sconfitto la 'ndrangheta – è la conclusione del comunicato - ci saremmo aspettati un atteggiamento maggiormente responsabile”.

Nessun profugo (almeno per il momento)

La replica del Comune non si è fatta attendere. Naturalmente è stato smentito l’arrivo imminente di profughi, ma è stata confermata la “disponibilità del sindaco Pruiti a firmare il protocollo predisposto dalla Prefettura di Milano sull’accoglienza degli extracomunitari”. Questa scelta sarebbe giustificata dalla possibilità di discutere con il prefetto su numeri e tipologia di profughi da ospitare, senza arrivi a pioggia imposti dalle autorità statali. Sarà proprio così? Chi vivrà, vedrà

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Politica
La "querelle"
 Cusago, tra giunta e opposizione è arrivata l’ora delle carte bollate

 Cusago, tra giunta e opposizione è arrivata l’ora delle carte bollate

Lo scorso 22 novembre è stato notificato il ricorso al Tribunale regionale amministrativo sulla legittimità degli atti e delle delibere adottate

Politica
Amministrative 2020
Primarie del centrosinistra: entro l’8 dicembre si depositano le candidature

Primarie del centrosinistra: entro l’8 dicembre si depositano le candidature

Amministrative 2020: resa pubblica la data per la scelta del candidato, il regolamento e la carta dei valori di Alleanza per Corsico

Politica
La polemica
Assessorato alla gentilezza? Trezzano boccia l’iniziativa del M5s

Assessorato alla gentilezza? Trezzano boccia l’iniziativa del M5s

I gruppi politici al governo della città (Pd e dintorni) si sono dichiarati contrari alla mozione e questo ha sollevato le perplessità di chi l’ha proposta