Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 23 Febbraio 2017 14:42
Ripristinata la legalità

Con le ruspe alla "riconquista" degli orti della ‘ndrangheta In evidenza

Tra i tenutari delle aree, ci sono nomi eccellenti del panorama criminale locale

Tra i tenutari degli orti abbattuti con le ruspe, ci sono nomi eccellenti del panorama criminale locale Tra i tenutari degli orti abbattuti con le ruspe, ci sono nomi eccellenti del panorama criminale locale


Le ruspe sono arrivate all’alba e, nella nebbia, hanno cominciato ad abbattere le baracche porta attrezzi (in bassato hanno nascosto ben altro) degli orti dei clan in via dei Lavoratori. Così in poche ore, quello che per oltre trent’anni è stato il simbolo intoccabile delle ‘ndrine che fanno il bello e il cattivo tempo a Buccinasco e dintorni, è stato smantellato. Tra i tenutari degli orti, ci sono nomi eccellenti del panorama criminale locale, come quello di Francesco Tropiano, catturato proprio qui nel 2004, dopo una latitanza durata due anni (era stato condannato a 13 anni per traffico di droga nel maxiprocesso Nord-Sud contro la ‘ndrangheta).

Il fior fiore

Gomito a gomito con qualche pensionato che qui trascorreva il suo tempo libero, c’era il fior fiore degli esponenti di famiglie con cognomi tipo Trimboli, Cannata, Perre, tutte legate al clan della ‘ndrangheta Barbaro-Papalia.  E che il luogo fosse frequentato dai Barbaro lo testimoniano i filmati delle telecamere nascoste installate dai carabinieri che la mattina del 22 gennaio 2010 ripresero Rocco Barbaro e il cugino Giuseppe Molluso, mentre si passavano di mano un fucile appena prelevato da una delle baracche. Quello che per alcuni rappresentava un passatempo, per altri erano luoghi di summit durante i quali decidere imprese criminali, trafficare droga, nascondere armi. Il tutto tra qualche capretta, qualche gallina e un cavallo.

Incendiata l’auto del sindaco

Questa storia durava da trent’anni. Da questa mattina è finita, si è concluso un procedimento avviato tre anni fa vicesindaco Rino Pruiti. In passato si era già provato a ripulire l’area. Si era nel 2004, ma il blitz tentato quell’anno era stato bloccato dagli occupanti. Ci furono un paio di conseguenze: all’allora sindaco Carbonera fu incendiata l’automobile e inviato un proiettile. Le baracche invece erano rimaste come prima. 
"Finalmentee si è conclusa una lotta iniziata nel 2013, e la legalità è stata ripristinata", ha sottolineato il vicesindaco Rino Pruiti, presente all’abbattimento di ieri mattina. "Questi sono abusi che una società civile non può tollerare - ha aggiunto il sindaco Giambattista Maiorano 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
La curiosità
Truffatore in trasferta cerca di comprare auto di lusso con assegni falsi

Truffatore in trasferta cerca di comprare auto di lusso con assegni falsi

L’uomo, fornito di assegni circolari falsi e una serie completa di documenti intestati a una persona inesistente, aveva in corso cinque trattative: è stato catturato a Cusago

Cronaca
Lo scontro
Schianto sulla Vecchia Vigevanese, due feriti ricoverati con l’elisoccorso

Schianto sulla Vecchia Vigevanese, due feriti ricoverati con l’elisoccorso

Il frontale tra due auto all’altezza di Fontanarte, a un centinaio di metri dal raccordo per piazza Europa. Secondo il primo allarme dei vigili del fuoco i feriti erano otto, poi il numero  è stato ridimensionato

Cronaca
Lotta alla microcriminalità
Inseguimento a Trezzano, il sindaco ringrazia i carabinieri

Inseguimento a Trezzano, il sindaco ringrazia i carabinieri

Bottero questa mattina si è recato alla Stazione di Trezzano per ringraziare personalmente  il comandante Michele Cuccuru e i militari della Compagnia di Corsico guidata dal capitano Pasquale Puca. Intanto, l'assessore regionale De Corato chiede al sindaco di Milano, Sala, di chiudere i campi Rom