Seguici su Fb - Rss

Martedì, 07 Gennaio 2020 16:04
Il caso del giorno

'Ndrangheta: lancio di sassi contro l’auto di Klaus Davi

Due anni fa, il massmediologo aveva affisso per le strade di Buccinasco alcuni manifesti che ritraevano Rocco Papalia da poco tornato in libertà dopo 26 anni trascorsi in carcere, in versione “drag queen”

Nell'immagine Klaus Davi e, nel riquadro, il manifesto affisso a Buccinasco con la versione drag queen di Rocco Papalia Nell'immagine Klaus Davi e, nel riquadro, il manifesto affisso a Buccinasco con la versione drag queen di Rocco Papalia

Dopo Buccinasco, Platì. Non è facile la vita di Klaus Davi, il “comunicatore” che da tempo prende iniziative anche paradossali per far luce, a suo dire, sui legami di alcune famiglie di ‘ndrangheta con il territorio. Nei giorni scorsi, mentre si trovava a Platì, la sua auto è stata fatta bersaglio da un lancio di pietre. Sull’episodio stanno indagando i carabinieri di Locri.

Sponsorizzato da:

Drag queen

Klaus, due anni fa aveva affisso per le strade di Buccinasco alcuni manifesti che ritraevano Rocco Papalia da poco tornato in libertà dopo 26 anni trascorsi in carcere, in versione “drag queen”. Per quell’episodio, il massmediologo fu multato dal comune di Buccinasco per affissione abusiva.

Il ricorso

Contro la multa di 500 euro, Klavì fece ricorso sottolineando come avesse “portato avanti questa iniziativa in giro per l’Italia, anche in Calabria e in Sicilia, nessuno mi ha mai multato, tutti hanno riconosciuto il valore sociale dell’iniziativa”. Ma le affissioni erano abusive: non era stato chiesto alcun permesso al Comune quindi su di lui era calata la mannaia (solo figurativa) dell’inflessibile sindaco della città. L’ultimo atto della diatriba arrivò con l’accoglimento parziale del ricorso presentato dal legale di Davi contro la sanzione.

Grossi sassi

Nei giorni scorsi, il massmediologo si trovava a Platì a pochi metri dalla casa di Giuseppe Trimboli, che si trovava in vacanza nel paese aspromontano, quando la sua auto sarebbe stata colpita da due grossi sassi. Klaus Davi stava conducendo una inchiesta sulla famiglia Barbaro e aveva già realizzato alcuni servizi sulla nota famiglia di 'ndranghetisti insediata in particolare a Buccinasco e nel Pavese.

Il raid

Al Tg4 Klaus Davi ha dichiarato: "Ero fuori casa. Aspettavo solo che arrivasse la persona che dovevo intervistare  e sono piovuti i sassi. Chi li ha lanciati lo ha fatto da dietro la siepe e si è dileguato”. Un vero e proprio raid.

Attacchi omofobi

Poi ha proseguito: “Per fortuna non mi hanno colpito e in pochi minuti sono intervenute tempestivamente le volanti dell'Arma." Successivamente all'aggressione sono proseguiti attacchi su Facebook  anche di carattere omofobo, "profili che sono stati acquisiti dai  carabinieri" ha confermato Davi sempre al Tg 4.

Seguici sulla nostra pagina Facebook
 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
La paura del contagio
Coronavirus,  Cesano e il Sud ovest in quarantena per paura del contagio?

Coronavirus, Cesano e il Sud ovest in quarantena per paura del contagio?

Questa mattina è in corso una riunione in Prefettura per decidere se chiudere le scuole e sospendere le attività in tutto il territorio

Cronaca
Operazione legalità
Rozzano, il questore mette i sigilli al bar “Alba Chiara”

Rozzano, il questore mette i sigilli al bar “Alba Chiara”

Il locale era utilizzato come deposito di droga da parte di un uomo arrestato in flagranza la settimana scorsa

Cronaca
Il caso del giorno
Una mamma lancia l’allarme: torna il molestatore di ragazzine?

Una mamma lancia l’allarme: torna il molestatore di ragazzine?

Un’alunna del Falcone-Righi sarebbe stata avvicinata da un uomo su un’auto bianca che avrebbe “insistito” per accompagnarla a casa…