Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 27 Giugno 2019 11:58
Il convegno

Buccinasco, serata sul prolungamento M4: sei i progetti, lunghi i tempi per realizzarlo

MM Spa ipotizza sei percorsi differenti della metropolitana che cambierebbero la mobilità nel sud ovest milanese. Occorre scegliere bene e partire il più in fretta possibile, perché tra richieste, permessi e costruzione dell'opera passeranno più di dieci anni

Nella foto, un momento della presentazione dei sei progetti del prolungamento della M4 Nella foto, un momento della presentazione dei sei progetti del prolungamento della M4

di Antonio Casa

La linea metropolitana dovrebbe arrivare a Buccinasco, Corsico, Cesano Boscone e Trezzano sul Naviglio, ma per esserne certi bisognerà attendere ancora almeno un decennio, nella migliore delle ipotesi. Di più, se non dovesse filare tutto liscio. Perché occorre trovare le risorse finanziarie, approvare il progetto ritenuto più idoneo e realizzare l'opera, metro dopo metro. Se si partisse subito, il prolungamento della costruenda M4 verso il cuore del Sud ovest milanese terminerebbe nel 2030, probabile dunque, anzi quasi certamente, che la data venga spostata più in là.

Comuni in prima linea

I Comuni interessati sono pronti a sostenere la propria parte, coscienti dell'importanza di avere una linea della metropolitana sul loro territorio, un'autentica rivoluzione per il trasporto dei pendolari da e verso il centro di Milano. “Tre anni fa non se ne parlava, ora siamo alle ipotesi progettuali” ha detto il sindaco di Buccinasco Rino Pruiti in una sala della Cascina Robbiolo di Buccinasco, gremita nonostante il caldo afoso (peccato che in campagna elettorale l'avesse data come già fatta o comunque da fare in tempi brevi).

La presentazione

Il progetto, ieri sera, ha vissuto la presentazione delle sei ipotesi di percorso elaborate da MM Spa, la società d'ingegneria del Comune di Milano che disegna le linee metropolitane. L'iniziativa ha visto anche la partecipazione dei sindaci di Cesano Boscone, Simone Negri, e di Trezzano, Fabio Bottero, mentre il commissario straordinario di Corsico, Francesca Iacontini, ha inviato un messaggio. Presenti inoltre l'assessore alla Mobilità del Comune di Milano, Marco Granelli, ed Elisabetta Strada, consigliere regionale del Pd. A Sandro Capra, responsabile studi fattibilità di MM Spa e Andrea Bruschi, progettista della società, il compito di illustrare le sei ipotesi. Studi finanziati dai quattro enti locali.

“Dove c'è la metro, cambia la vita”

La prima ipotesi prevede solo una fermata, nella zona di via Garibaldi a Buccinasco. Troppo breve per essere accettata. La seconda, con due stazioni e galleria, e la terza, tre stazioni di cui due a Buccinasco e una a Corsico, hanno lo svantaggio di essere costose e di non servire tutto il territorio a sud ovest. Più interessanti appaiono le ipotesi 4 e 5, perché arrivano fino a Trezzano sul Naviglio (dov'è prevista una grande zona d'interscambio), seguendo un tratto della nuova Vigevanese e attraversando la zona commerciale di Cesano Boscone, nella zona del quartiere Tessera. In questo caso è prevista anche la costruzione di un viadotto. Per certi versi simile è la versione denominata “5 bis” delle ipotesi progettuali.

Costi e benefici

Per realizzare l'opera servono 150 milioni dell'ipotesi 1 (la minimalista e quasi inutile) fino agli oltre 500 milioni di euro per l'ipotesi 4 e 5 (quella che forse risolverebbe i problemi di mobilità di un grande bacino di utenza). In quanto prolungamento della M4 dalla stazione di San Cristoforo, dovrebbero essere impiegati 47 treni senza conducente, disponibili ogni 90 secondi nel primo tratto e ogni 180 secondi nell'ultimo tratto di Trezzano. Un minuto e mezzo in più che non cambia l'importanza di un'infrastruttura che, invece, cambierà la mobilità dei residenti, che per prendere una metro oggi devono recarsi in bus a Bisceglie o in treno a Romolo.

Vantaggi

L'opera è già prevista nel Piano urbano della mobilità sostenibile (Pums) della Città Metropolitana, un vantaggio – hanno spiegato i tecnici – quando il progetto sarà sottoposto alle valutazioni ministeriali. I quattro Comuni sono pronti a fare la loro parte, molto dipenderà dalla volontà di Stato e Regione di sostenere finanziariamente una linea di appena 5  o 6 chilometri di lunghezza, con grandi ripercussioni positive sul tempo, sulla qualità della vita e sull'ambiente.

Seguici sulla nostra pagina facebook

Seguici sulla nostra pagina facebook

Sponsorizzato da

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Emergenza casa
Il comune ristruttura 3 immobili confiscati alla mafia per ospitare famiglie in difficoltà

Il comune ristruttura 3 immobili confiscati alla mafia per ospitare famiglie in difficoltà

I tre appartamenti ubicati in via De Amicis, via Roma e via dei Salici a Cesano Boscone saranno assegnati con affitti più bassi rispetto a quelli del libero mercato

Attualità
L'iniziativa
Regalo con il fiocco ai residenti: in arrivo 100 biciclette (gratuite, numerate e personalizzate)

Regalo con il fiocco ai residenti: in arrivo 100 biciclette (gratuite, numerate e personalizzate)

La normalità post Covid 19: a partire da oggi e sino al 20 agosto, i cittadini di Assago potranno richiedere al Comune 100 Free bike

Attualità
L'appuntamento
Ritorna il cinema sotto le stelle, quattro appuntamenti per chi resta in città

Ritorna il cinema sotto le stelle, quattro appuntamenti per chi resta in città

Da sabato 4 luglio a sabato 25 luglio, la tradizionale kermesse estiva rozzanese con la proiezione di film adatti a tutte le età