Seguici su Fb - Rss

Lunedì, 25 Marzo 2019 10:02
Il caso del giorno

Clamoroso: annullati gli arresti domiciliari al pirata di Buccinasco

Dopo aver investito una intera famiglia in via Lario, invece di fermarsi e prestare i soccorsi, aveva proseguito la sua corsa  e tentato di far sparire le sue tracce

Nella foto un tratto di via Lario a Buccinasco, luogo dove il pirata ha investito la famiglia e poi è fuggito Nella foto un tratto di via Lario a Buccinasco, luogo dove il pirata ha investito la famiglia e poi è fuggito

Il 18 marzo aveva provocato l'incidente che solo per caso non ha fatto vittime. Un episodio che aveva scioccato l’intera Buccinasco. Una mamma stava attraversando via Lario sulle strisce pedonali con i suoi tre figli e una nipote, di quattordici mesi. All’improvviso furono tutti investiti da una Alfa Mito. Il conducente, invece di fermarsi e prestare i soccorsi, proseguì la sua corsa  facendo sparire le sue tracce.

L'arresto

Fu grazie alla testimonianza di un ragazzo che ebbe le prontezza di riflessi di prendere i numeri di targa, e alla conferma delle telecamere di sicurezza che il pirata fu arrestato meno di un'ora dopo. Il suo nome? Alessio Magro,  28enne operaio in una fabbrica della zona.

Arresti domiciliari sì… anzi no!

Il giorno dopo l’incidente, l'operaio fu portato davanti al giudice delle indagini preliminari che, in attesa del processo che ne determini le responsabilità civili e penali, decise di metterlo agli arresti domiciliari, invece che rinchiuderlo in una cella di san Vittore. Ebbene, nei giorni scorsi, lo stesso magistrato, in sede di convalida di arresto, ha annullato la decisione che aveva preso, così Magro è tornato completamente libero: dovrà solo presentarsi due volte al giorno a firmare il registro nella stazione dei carabinieri di Abbiategrasso.

Patente ritirata e restituita

A sua giustificazione, Magro aveva detto di non avere visto la famiglia che aveva investito perché abbagliato dal sole e di essere poi fuggito perché aveva avuto paura. Intanto, però le sue vittime, solo per un miracolo, non hanno subito conseguenze ancora più gravi dei traumi che hanno riportato.  Si è anche scoperto che gli era già stata ritirata la patente perché sorpreso a guidare in stato di ebbrezza, documento che gli era stato restituito appena un mese fa. Non è ancora chiaro se anche lunedì scorso era in stato di ebbrezza da alcool o da stupefacenti. I dati dei test eseguiti subito dopo l’incidente non sono stati ancora resi pubblici. Intanto, nell’attesa si gode la libertà.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 

3 commenti

  • Link al commento Max Lunedì, 25 Marzo 2019 21:07 inviato da Max

    Poi fa clamore se uno dice che dovrebbe tornare il Duce.....

  • Link al commento Ivo Lunedì, 25 Marzo 2019 20:49 inviato da Ivo

    Tutto il mondo paese !!!!!

  • Link al commento Max Lunedì, 25 Marzo 2019 12:09 inviato da Max

    Allucinante: ha investito 4 bambini ed una madre ed è scappato.

    Anche se incensurato, aveva già un ritiro patente per guida in stato di ebrezza e questo non è sufficiente per dargli almeno gli arresti domiciliari?

    Ma che leggi abbiamo in Italia.... ?

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Cronaca
Violenza domestica
Picchia con calci e pugni la moglie, arrestato un 33enne ecuadoregno

Picchia con calci e pugni la moglie, arrestato un 33enne ecuadoregno

L’uomo che ha precedenti penali, da qualche anno abita a Corsico con un regolare permesso di soggiorno ed è sposato con una sua connazionale

Cronaca
Automobilisti indisciplinati nel mirino
Sicurezza sulle strade: tutti i numeri dell’operazione Smart 2019

Sicurezza sulle strade: tutti i numeri dell’operazione Smart 2019

Oltre 300 gli agenti impegnati In tutto , 16 mezzi operativi, 16 moto, 31 etilometri, 9 drugtest, 16 telelaser: controllati oltre 12mila veicoli

Cronaca
L'attentato
Brucia nella notte l’Erica bar, il ritrovo dei pregiudicati del Corsichese

Brucia nella notte l’Erica bar, il ritrovo dei pregiudicati del Corsichese

I pompieri hanno ritrovato una tanica di benzina forse utilizzata dai piromani per appiccare l’incendio al locale