Seguici su Fb - Rss

Giovedì, 14 Marzo 2019 10:18
La polemica

Taglio degli alberi in via Salieri: dopo le polemiche è arrivata l’ora dei carabinieri

Depositata una denuncia penale e una richiesta di danni di circa 130mila euro all’azienda che gestisce (ancora per poco?) l’appalto della manutenzione del verde

Nella foo, uno scorcio di via Salieri a Buccinasco Nella foo, uno scorcio di via Salieri a Buccinasco

Più che una potatura, è stata una mattanza. Costerà caro all’azienda che ha in appalto la manutenzione del verde pubblico a Buccinasco, il taglio di una sessantina di alberi sani effettuato in via Salieri. È stata, infatti, presentata ai carabinieri una denuncia penale e una richiesta di danni di circa 130mila euro.

Senza controllo

È quanto emerso ieri sera durante il consiglio comunale che, tra una polemica e l’altra, ha tentato di mettere fine a una vicenda che ha davvero aspetti paradossali, se non inquietanti sull’affidabilità di imprese che vincono appalti milionari e che poi, secondo l’opposizione vengono lasciate senza alcun controllo.

Scellerato e incomprensibile

Nella sostanza è stato spiegato ancora una volta che in via Salieri dovevano essere effettuate potature e alcuni abbattimenti, circa una ventina di alberi in sofferenza e a fine vita. Che cosa è accaduto in realtà? Secondo il sindaco l’operatore incaricato avrebbe agito in modo “scellerato e incomprensibile”, abbattendo anche alberi sani, una sessantina in tutto.

Mancato controllo

Un vero disboscamento di un’area verde importantissima, visto dove si trova (a qualche decina di metri dalla tangenziale Ovest), su cui si sono scatenate le solite e purtroppo sempre più furiose polemiche tra l’opposizione che ha accusato il comune di “mancato controllo” e il sindaco secondo il quale i funzionari incaricati “avevano chiaramente contrassegnato gli unici esemplari da tagliare” e quindi ha scaricato ogni responsabilità sull'azienda appaltatrice.

Denuncia penale

Ieri sera, è stato comunicato al Consiglio il deposito della denuncia penale ai carabinieri e la richiesta di 130 mila euro di danni, la conferma di altri 10mila euro di penale, la promessa di riqualificare l’area impiantando 140 essenze simili agli alberi abbattuti, l’intenzione di annullare l’appalto con gli autori dello scempio.

Il buco

Tutto a posto? Secondo le opposizioni, le dichiarazioni hanno un buco. Non hanno fatto alcun riferimento a eventuali provvedimenti presi verso i funzionari del settore che avrebbero dovuto controllare la qualità (invero scarsa) del lavoro e non lo avrebbero fatto.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Powered

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
L'accusa
Inquinamento dell’aria a Trezzano, Città metropolitana punta l’indice contro la Vetropack

Inquinamento dell’aria a Trezzano, Città metropolitana punta l’indice contro la Vetropack

Il documento sottoscritto dai responsabili dell’Area Ambiente e tutela del territorio, impone una serie di interventi che riducano le emissioni in atmosfera e sul terreno

Attualità
Il dossier
Trenord,  su ritardi e soppressioni arriva un’interrogazione in Regione

Trenord, su ritardi e soppressioni arriva un’interrogazione in Regione

In un report segreto sono indicati tutti i numeri del disastro: nel 2018, la società di gestione ha mandato in fumo 179 milioni di euro per ritardi e soppressioni

Attualità
Possibili disagi
Lavori alla passerella ciclopedonale: la tangenziale chiude lo svincolo di Assago

Lavori alla passerella ciclopedonale: la tangenziale chiude lo svincolo di Assago

Servirà a collegare la stazione della metropolitana di Assago con l'area "Bazzana Inferiore" a scavalco dell'Autostrada Milano-Genova