Seguici su Fb - Rss

Venerdì, 08 Marzo 2019 12:12
L'iniziativa

Buccinasco: “La mafia uccide, il silenzio pure”

Al via la settima edizione di“Buccinasco contro le mafie”. Primo appuntamento sabato 9 marzo alle 11 con l’inaugurazione di un murale dedicato a Peppino Impastato

L’iniziativa di Buccinasco, terra che ha subito l’assalto di mafia e ‘ndrangheta, è un invito alla città a schierarsi L’iniziativa di Buccinasco, terra che ha subito l’assalto di mafia e ‘ndrangheta, è un invito alla città a schierarsi

Si apre domani, sabato 9 marzo con l’inaugurazione di un murale a cura di Giovanni Beretta, la settima edizione di “Buccinasco contro le mafie”, l’iniziativa organizzata dall’amministrazione comunale della città. L’edizione di quest’anno è dedicata a Peppino Impastato, il giornalista ucciso dalla mafia il 9 maggio 1978.

Le origini

Impastato era nato a Cinisi, in provincia di Palermo, nel 1948. La sua, come a volte accade in Sicilia, era una famiglia mafiosa: sia il padre Luigi, sia lo zio e altri parenti erano mafiosi. C’è che dice che i frutti non cadono lontano dall’albero. Nel caso di Impastato caddero lontanissimi.

L'assassinio

Sin da ragazzo, infatti, ruppe i rapporti con il padre, che lo cacciò di casa, e avviò, nel 1965, il giornale “L’idea socialista”. Diventò dirigente comunista e partecipò alle lotte dei contadini espropriati per la costruzione della terza pista dell'aeroporto di Palermo in territorio di Cinisi. Fu ucciso in un agguato durante la campagna elettorale del 1978.

Far sentire la propria voce

L’iniziativa di Buccinasco, terra che ha subito l’assalto di mafia e ‘ndrangheta, è un invito alla città a schierarsi, a far sentire la propria voce. Perché di fronte alle mafie non si può restare zitti. Come diceva Peppino Impastato: “La mafia uccide, il silenzio pure”.

Senso civico

A lui sarà dedicato in particolare l’evento di apertura della rassegna, l’inaugurazione di un murale insieme alle associazioni Retake Buccinasco e Retake Palermo, impegnate nella lotta contro il degrado, nella valorizzazione dei beni pubblici e nella diffusione del senso civico sul territorio.

Il calendario

Il programma di “Buccinasco contro le mafie” prevede spettacoli, incontri, film e come da tradizione la lettura dei nomi delle vittime innocenti di tutte le mafie. Ecco tutti gli appuntamenti in calendario

9 marzo ore 11
Parco Spina Azzurra – via Grancino
SE SI INSEGNASSE LA BELLEZZA ALLA GENTE…
Inaugurazione murale dedicato a Peppino Impastato a cura di Giovanni Beretta in arte Berets, in collaborazione con Retake Buccinasco e Retake Palermo, con la partecipazione  di Rebecca Spitzmiller, fondatrice di Retake, Lorenzo Ciociola, presidente di Retake Buccinasco e il presidente di Retake Palermo Marco D’Amico.

21 marzo ore 18.30
Biblioteca comunale – via Fagnana 6
MEMORIA E IMPEGNO
Lettura dei nomi delle vittime delle mafie con l’accompagnamento musicale del Maestro Francesco Cordeo della Scuola di Civica di Musica “Alda Merini”.
 
22 marzo ore 21
Auditorium Fagnana – via Tiziano 7
LA NOSTRA TERRA
Proiezione del film di Giulio Manfredonia, con dibattito a cura di Pino Nuccio (Ass. Gli Adulti)

24 marzo ore 17
Biblioteca comunale – via Fagnana 6
LUNGA È LA NOTTE
Spettacolo a cura della Compagnia dei Gelosi Il racconto di alcune stragi di mafia che hanno caratterizzato i drammatici anni ’80 e ’90 in Italia, attraverso il ricordo di Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Rocco Chinnici, don Pino Puglisi, Peppino Impastato, Rita Atria e altre vittime di mafia.

10 aprile ore 21
Cascina Robbiolo – via Aldo Moro 7
QUANDO IN COMUNE COMANDA LA MAFIA
Gli enti locali sciolti per infiltrazioni della criminalità organizzata. Incontro patrocinato da Avviso Pubblico, con Alessandra Dolci (DDA Lombardia) e Gian Antonio Girelli (Avviso Pubblico Lombardia). Coordina Giuseppe Mendicino.

10 maggio ore 21
Cascina Robbiolo – via Aldo Moro 7
DIALOGO TRA SANDRO RUOTOLO E GIOVANNI TIZIAN
Il sistema mafioso tra omicidi, minacce e vincoli di sangue Sandro Ruotolo, giornalista minacciato dalla camorra per le sue inchieste sul traffico di rifiuti tossici in Campania, e Giovanni Tizian, giornalista del settimanale “L’Espresso” autore del libro “Rinnega tuo padre” si confrontano

28 settembre ore 21
Auditorium Fagnana – via Tiziano 7
LA FORZA DI UN NO – La storia di Giorgio Ambrosoli
Artènergia presenta il reading teatrale tratto da “La Scelta” di Gianluca Buttolo, regia di Alessandro Castellucci, produzione Macro Maudit. A 40 anni dal suo omicidio (12 luglio 1979), la vicenda umana e professionale dell’avvocato Giorgio Ambrosoli, curatore del fallimento della Banca Privata Italiana del banchiere Michele Sindona. Dibattito con Francesca Ambrosoli.

Seguici sulla nostra pagina Facebook

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

Potrebbero interessarti

Articoli correlati (da tag)

Attualità
Block notes
Traffico sulla Tangenziale, occhio alle nuove chiusure per lavori

Traffico sulla Tangenziale, occhio alle nuove chiusure per lavori

La manutenzione costringe la società di gestione a chiudere gli svincoli per l’autostrada  Milano Genova, quelli di Settimo Milanese e Milano San Siro

Attualità
La "querelle"
Distretto sanitario, l’appello dei residenti al Commissario prefettizio di Corsico

Distretto sanitario, l’appello dei residenti al Commissario prefettizio di Corsico

Il vice-prefetto Francesca Iacontini è stata “invitata” a partecipare in prima persona o con un funzionario da lei delegato alla riunione convocata dall’assessore alla sanità della Regione Lombardia, Gallera, per affrontare la questione

Attualità
La "moda"
Rozzano, tornano gli idioti che si “attaccano” al tram

Rozzano, tornano gli idioti che si “attaccano” al tram

Una foto scattata venerdì pomeriggio mostra due ragazzini, di poco di 13-14 anni, arrampicati alla coda del 15 che transita dalle parti di via Curiel